1130-bannerone-CSPI
 
 
 
italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

1) Dal 14 al 18 maggio 2015, la XXVIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino

Al Bookstock Village (padiglione 5 del Lingotto Fiere), la Scuola sarà protagonista. Sul sito web del MIUR, il programma.

2) Tra gli emendamenti al d.d.l. n.2994, il 'Fondo per le attività del Sistema nazionale di valutazione'

Oltre 11 mln andrebbero per il finanziamento della valutazione del sistema scolastico.

Rassegna stampa - Tribunale di Roma riconosce scatti anzianità a precario e un altro assunto dal Tribunale di Siena. Martedì elezioni per rinnovo CSPI 

Anief ribadisce che il numero di posti liberi è molto più alto di quanto indicato: ve ne sono soltanto 40mila per il sostegno agli alunni disabili, tutti considerati al 30 giugno ma in realtà e a tutti gli effetti da collocare si organico di diritto, quindi utili per le immissioni in ruolo. E lo stesso vale per un numero quasi analogo relativo ai posti riguardanti le discipline.

Marcello Pacifico (presidente Anief e candidato al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione): rimane irrisolto il problema delle supplenze, perché dal prossimo anno continueranno a essere chiamati 80.000 docenti al 30 giugno e 30.000 Ata. Ha ragione il Movimento 5 Stelle quando sostiene che  mancano 70mila posti, quindi il sottosegretario Davide Faraone dovrebbe ordinare di rifare le tabelle. Se il Miur avesse realizzato l’atteso censimento, in modo rigoroso, come era stato promesso a settembre, non staremmo oggi ancora a parlare di numeri ipotetici e reali. Il problema è che il Governo non vuole ammettere che ci sono posti in più: se lo ammettesse, infatti, soccomberebbe nei tribunali e dovrebbe assumere tutti quei docenti con 36 mesi di servizio su cattedra vacante, come indicato dalla Corte di Giustizia europea. Ma non possono essere sempre i giudici a stabilizzare il personale. Così si costringe lo Stato a sborsare risarcimenti milionari: questo sì che è un danno all’erario. 

Pubblichiamo alcuni articoli sul DDL, la scuola risponde a Renzi con un grande sciopero: in 10mila sfilano a Roma.

Accolto il ricorso di una docente: il Ministero dovrà riconoscerle tutte le differenze non pagate, con tanto di interessi e spese legali. L'avvocato che ha curato il ricorso Salvatore Russo: "E' una sentenza storica".

1) Oggi, il Convegno: “L’opera lirica, patrimonio musicale, culturale e formativo

Giornata di studi sul valore del melodramma e dell’esercizio musicale nel sistema formativo.

2) Il governo tenta di svuotare l’autonomia scolastica contrapponendo i presidi ai professori

Alla manifestazione romana di venerdì scorso, una risposta corale da tutte le regioni d’Italia.

Decisivo il ruolo dei futuri consiglieri per ordinamenti e programmi ministeriali, per contrastare e correggere la riforma del Governo su organici, stato giuridico e organi collegiali. Il ministro Giannini, a differenza dei sindacalisti confermati nelle scorse elezioni RSU, li dovrà ascoltare ‎perché i loro pareri sono obbligatori e determinanti anche per il contenzioso che potrebbe ‎fermare la riforma.

Si tratta dell’organo di democrazia che dopo la soppressione del Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione e le sanatorie di atti ministeriali firmati senza il previsto parere, verrà finalmente ricostituito, a vent’anni dalle precedenti elezioni. Evitando, in tal modo, il rischio di ricorsi per procedura illegittima degli atti non sottoposti a parere preventivo. Per il futuro della scuola si tratta di un evento importante: il “parlamentino” dei lavoratori arriverà infatti giusto in tempo per formulare valutazioni e giudizi sul ddl Buona Scuola, il cui esame è partito in questi giorni presso la VII Commissione di Montecitorio.

Anief presenta la sua proposta per cambiare la scuola: valorizzare il servizio per la progressione economica di carriera; tutelare la governance collegiale nella scuola senza derive autoritarie; recuperare il tempo scuola ridotto in ogni ordine e grado; attuare la parità di trattamento giuridica ed economica tra personale precario e di ruolo; stabilizzare tutti i precari che hanno conseguito un’abilitazione; consentire il trasferimento/assegnazione provvisoria per tutelare il diritto al lavoro ed alla famiglia; utilizzare le graduatorie  per le supplenze su posti non vacanti. Il motto prescelto è “Fai ascoltare la tua voce”.

Marcello Pacifico (presidente Anief e candidato al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione): mai come ora, alle elezioni del 28 aprile, risulta importante eleggere consiglieri preparati, giusti, liberi, seguiti da organizzazioni esperte nella legislazione scolastica e nel diritto scolastico. Come l’Anief ha dimostrato di essere dall’atto della sua fondazione, continuando a vincere nei tribunali e ad essere audita in Parlamento.