La Buona Scuola: Anief trova altri 150.000 posti per assunzioni e presenta la sua riforma

Il sindacato apre una consultazione online per nuove proposte. Scrivi entro il 31 marzo a iocambioconanief@anief.net Risolto il problema del precariato, rafforzata la governance collegiale della scuola e la RSU, ripristinato maestro sui moduli, lingua inglese e infanzia a 50 ore, aumento organici sostegno 30%, no a chiamata diretta, obbligo formativo a 18 anni, semi-esonero per staff DS, mantenimento Gae per supplenze 30.6 e inserimento di tutti gli abilitati, parità per precari e neo-assunti, mobilità con anno di prova, assunzioni anche per ATA, educatori e docenti di religione, opzione di scelta tra materie.

italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

1130x200buonascuola
 
 
 

In primo piano

Nell’ultimo quinquennio la categoria dei vicari è stata mortificata: prima è sparita l’indennità di reggenza (2010-2011), poi negata la qualifica di mansione superiore (2012-2014) e infine cancellati del tutto gli esoneri (con la Legge di Stabilità 2015). Come se non bastasse, non è stata assegnata nemmeno più una quota di posti riservata all’interno dei concorsi per dirigenti scolastici. E neanche un riconoscimento giuridico nei contratti sindacali.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): nel ddl La Buona Scuola serve un emendamento che continui a mantenere in vita il ruolo dei vicari dei presidi. Il sindacato ha inoltre calcolato che un vicario ha diritto al recupero dell’indennità di reggenza negata - per il periodo 2010-2015 - di una cifra che varia, a seconda del numero di alunni iscritti all’istituto, dai 5mila ai 10mila euro l’anno. Per questo abbiamo deciso di fare ricorso in tribunale.

Pubblichiamo alcuni articoli sui docenti nomadi con la valigia in mano e su personale ATA grande assente nel ddl Buona Scuola, eppure ci sono 10mila posti liberi.

Pubblichiamo alcuni articoli sull'organico funzionale che porterà sette docenti in più per istituto, ma agli alunni nessun vantaggio, su ministro Giannini conferma errori Governo su assunzioni e sulla Buona Scuola: Anief trova altri 150.000 posti per assunzioni e presenta la sua riforma.

Scorrendo il testo del ddl e la relazione tecnica si evidenzia la scarsa ricaduta didattica del progetto di riforma: se passa il testo in Parlamento, così come è stato approvato in CdM, agli allievi troppo spesso non verrà assegnato un docente della stessa disciplina impartita da chi si è dovuto assentare. Inoltre, non si comprende perché l’organico dei docenti della scuola dell’infanzia non sarà incrementato: per loro, infatti, i docenti neo assunti, a disposizione, sarebbero stati particolarmente utili, visto che il 75% delle supplenze sotto i quindici giorni e il 90% di quelle per meno di tre giorni proviene da questo genere di istituti. Come alla primaria sarebbe stato utile reintrodurre l’insegnante unico, ripristinare il maestro prevalente su moduli e il docente specialista di lingua inglese in organico di diritto. E istituire delle classi ponte tra infanzia e primaria.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): se passa l’attuale ddl, le supplenze brevi si trasformeranno in una sorta di babysitteraggio, perché un insegnante di italiano non può trasmettere cognizioni di matematica o inglese. Non è davvero possibile che si assegnino incarichi, seppure per pochi giorni, senza tenere conto della specifica abilitazione all’insegnamento del subentrante: in questo modo, il danno alla classe è assicurato.

1) Esami di Stato nel Liceo musicale e coreutico e nel Liceo artistico

Il coordinatore della Struttura tecnica Esame di Stato 2014/2015 ha comunicato (Nota del 26 marzo) la definizione degli ambiti di svolgimento della prima parte della II prova dell’esame conclusivo dei percorsi di studio nei licei musicale-coreutici e nei licei artistici.

2) Laboratori multidisciplinari per la formazione e lo sviluppo dei Licei scientifici a indirizzo sportivo, FIEFS-MIUR.

Si tratta di stage della durata di tre giorni, organizzati dalla Federazione Italiana Educatori Fisici e Sportivi, d’intesa con il MIUR.

3) Oggi, a Udine, "L'intercultura nel pallone. Esperienze in contesti a forte processo migratorio

Il seminario di formazione per dirigenti scolastici, docenti, educatori e amministratori locali si propone come momento di riflessione sui contesti multiculturali che caratterizzano le città e le istituzioni scolastiche ed educative.

4) Due iniziative organizzate dall’Ufficio scolastico Regionale per le Marche

Seminario nazionale La lettura nella scuola dell'adolescenza, Senigallia, 27‐28 aprile 2015. Concorso riservato alle classi delle scuole secondarie di II grado.

5) Rassegna "Realtà, Teoria & Matematica": convegni sull’apprendimento e l’insegnamento della Matematica.

Si articola in tre convegni formativi gratuiti, destinati a insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, che si terranno a Torino (10 aprile), Erice TP (16 aprile) e Bologna (20 aprile).

1) Mobilità del personale docente di religione cattolica per l'a.s. 2015/2016

Le domande di mobilità devono essere presentate dal personale docente di IRC interessato, dal 7 aprile 2015 al 6 maggio 2015.

2) L'elaborazione dei primi Rapporti di autovalutazione delle istituzioni scolastiche

Su http://www.istruzione.it/valutazione si legge un primo bilancio ufficiale. Il 95% delle scuole ha ottemperato alla consegna, fissata al 7marzo, del “Questionario scuola” che il MIUR aveva inviato a ciascuna.

3) Gli insegnanti italiani, tra i peggio retribuiti in Europa, a parità di orario di lavoro

In contemporanea a questa due giorni romana, il MIUR organizza importanti incontri.

4) Il 2 aprile 2015, la Giornata Mondiale della consapevolezza sull’Autismo

La giornata di sensibilizzazione è proposta dall’Onu. Riportiamo da una Nota dell’Ufficio Stampa del MIUR

5) L’Italia è all’ultimo posto in Europa, per spesa pubblica dedicata all’istruzione

La valutazione, della Rete Eurydice, è commissionata dalla Commissione europea e conferma quanto abbiamo ripetuto di continuo; questi alcuni dei dati ufficiali.

Il ministro Giannini ha detto che per amministrativi, tecnici e ausiliari è previsto solo un normale turn over. Probabilmente amministrazione e Governo non hanno compreso la loro centralità per il funzionamento delle 8.400 scuole italiane: ma lo sanno che l’assenza di un collaboratore scolastico basta per sospendere l’attività didattica e chiudere l’istituto? Lo sanno che nella scuola dell’autonomia, gli Ata hanno assunto ruoli e competenze sempre più rilevanti per la funzionalità del servizio? Perché si fa finta di non sapere che a settembre in 5mila andranno in pensione e che oggi ci sono 7mila posti vacanti? È chiaro l’intento di proseguire l’opera di svilimento della categoria, che ha portato alla riduzione ai minimi termini di diritti e corrispettivi adeguati all’impegno profuso, alla sparizione di 47mila posti in tre anni e di altri 2mila con l’ultima Legge di Stabilità.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): la richiesta di messa in mora dell’Italia da parte della Commissione Europea è un dato oggettivo, di cui solo la nostra classe politica sembra non curarsi. Come se non ci fossero in ballo fino a 9 miliardi i risarcimenti da restituire a tutti i precari non stabilizzati. Per la salvaguardia dei diritti lesi e per il rispetto delle immissioni in ruolo su tutti i posti vacanti è ora di farsi sentire, altrimenti andrà sempre peggio.

Pubblichiamo alcuni articoli sul Governo che assumerà 50mila docenti, ma altrettanti rimandati e 100mila oscurati e dichiarazioni ministro Poletti a proposito delle attività estive degli studenti.

Il sindacato apre una consultazione online per nuove proposte. Scrivi entro il 31 marzo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Risolto il problema del precariato, rafforzata la governance collegiale della scuola e la RSU, ripristinato maestro sui moduli, lingua inglese e infanzia a 50 ore, aumento organici sostegno 30%, no a chiamata diretta, obbligo formativo a 18 anni, semi-esonero per staff DS, mantenimento Gae per supplenze 30.6 e inserimento di tutti gli abilitati, parità per precari e neo-assunti, mobilità con anno di prova, assunzioni anche per ATA, educatori e docenti di religione, opzione di scelta tra materie.

Oggi il titolare del Miur, rispondendo a un'interrogazione sulle iniziative per risolvere la questione del precariato nella scuola, ha detto che attualmente i posti che rispondono alla tipologia di lavoro prevista nella recente sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione europea sono solo 4.500 per gli Ata e 1.800 per i docenti.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): non si comprende come possano essere emessi dei numeri così lontani dalla realtà, perché sono ben 70mila i precari chiamati dalla seconda fascia delle graduatorie d'istituto su posti conferiti sino al 30 giugno, ma in realtà vacanti perché privi del collega titolare di cattedra. E saranno il doppio i numeri dei posti vacanti per il personale Ata l'anno prossimo, laddove è attiva una procedura d’infrazione della Commissione UE, che si è trasformata un anno fa in atto di messa in mora. Perché il Miur non ha mai svolto un serio censimento per scoprirlo? La battaglia per portare tutti in ruolo gli aventi diritto è solo all’inizio: in arrivo una miriade di ricorsi, emendamenti al ddl Buona Scuola, scioperi e proteste di piazza.