italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

1) Olimpiadi del Patrimonio 2015 - a.s. 2014-15, per gli alunni delle scuole secondarie superiori

Sono organizzate dall’ANISA, sul tema “Comunicare il Contemporaneo: Fotografia e Nuovi Media

2) II edizione del Premio nazionale “Delfisti sulla cresta dell’onda”.

La Fédération des Alliances Françaises d’Italie seleziona gli studenti delle scuole secondarie che nell’a.s. 2014-2015 abbiano superato l’esame di certificazione DELF A1-A2-B1 e B2. (Leggi tutto)

3) Che cosa si prepara, per gli organici ATA?

Il timore è che la pianta organica degli Ata venga ridimensionata riducendo le assunzioni per il turn-over; i 28mila precari subirebbero il medesimo rallentamento nel percorso di stabilizzazione che dal 2008 ha penalizzato i docenti.

Il chiarimento dell’Anief è sostenuto dalle indicazioni ministeriali, da diverse sentenze di Tribunale e principi civilistici. Gli amministrativi, tecnici e ausiliari interessati non devono quindi temere: né per la mancata attribuzione di incarichi a supplenza, né il licenziamento. 

Con ordinanza n. 10073/14, il tribunale amministrativo accoglie la richiesta di sospensiva per centinaia di ricorrenti nel ricorso patrocinato dall'avv. F. Lideo dell'Anief e conferma i primi decreti monocratici che hanno consentito il reinserimento nelle Gae. Sono stati nel frattempo 15 i provvedimenti d'urgenza accolti, di cui gli ultimi nn. 4423, 4440, 4657, 4791.

Diversi i motivi della protesta nazionale: la proroga del blocco contrattuale fino al 2018, l'addio agli scatti di anzianità, il congelamento degli stipendi per tutta la carriera, la forte riduzione del Fondo d'istituto, l'utilizzo delle ferie forzate, la penalizzazione durante la malattia, la trattenuta del 2,5% per il TFR, la cancellazione del primo gradone stipendiale per i neo-assunti, gli imminenti ulteriori tagli al personale ATA e la cancellazione dei commissari esterni alla maturità, l'intenzione di introdurre il recupero delle ore non svolte durante la sospensione della didattica e l’eliminazione dei precari dalle graduatorie d’istituto. Tutti temi che verranno affrontati in assemblee d'istituto di due ore organizzate dalle Rsu.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): il sindacato è aperto al cambiamento, ma vi sono dei principi invalicabili, insindacabili, intoccabili che ogni docente e Ata deve difendere.

“Diversamente educatori”.

Cosenza 26-27 ottobre, corso ABA/VB sull’autismo per insegnanti, famiglie e professionisti.

Iscrizioni fino al 24 ottobre

 

1) Progetto “Sport di classe”

Per iniziativa del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, del Coni e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, una nuova governance dell’Educazione fisica e sportiva…

2) Concorso Video: Quel fresco profumo di libertà - II edizione

E’ indetto dal Centro studi “Paolo Borsellino”, in collaborazione con il MIUR. Riportiamo il bando, in abstract…

3) Raschiando il fondo del barile

In gennaio, la Giannini emanerà un decreto con il quale  renderà meno costoso l’esame di Stato conclusivo dei corsi di istruzione secondari di II grado.

I finanziamenti utili anche a svolgere le attività aziendali hanno subìto un crollo verticale, passando dai 345 milioni di euro del 1999 ad appena 19 milioni di euro dell’anno scolastico in corso. Eppure nelle linee guida si parla di 200 ore di stage nel triennio finale di tutti gli istituti tecnici e professionali.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): ancora una discrasia tra il dire e il fare da parte di chi governa e amministra la scuola pubblica italiana, però abbiamo numeri di studenti dispersi e di Neet da record e non possiamo più permetterci la politica del ‘gambero’.

Si procede alla vecchia maniera, pre-Renzi. Si promette un finanziamento alla scuola, tre miliardi si era detto, almeno uno necessario per portare in cattedra 148 mila insegnanti precari. Ci si costruisce sopra, per sei mesi, una riformona ricca e articolata.

 

Pubblichiamo alcuni articoli sul Governo che vuole fare la riforma a costo zero: ma dove sono finiti i 3 miliardi promessi da Renzi?