italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

480x150 stabilizz

In primo piano

Dorina Bianchi, sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali, ha  assicurato che “la procedura concorsuale si concluderà per le assunzioni a.s. 2017/18; saranno banditi tutti i posti vacanti e disponibili nell'a.s.2016/17; saranno assunti 200 dirigenti scolastici per l'a.s. 2016/17, attingendo dalle graduatorie del concorso bandito nel 2011”. Per il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, interpellato all’uopo, come previsto per legge, bisognerebbe apportare delle modifiche come, ad esempio, ammettere sino a 4 volte i posti al corso di formazione (che potrebbero arrivare fino a 2mila), o “raddoppiare il numero di quesiti, quindi da 50 a 100” e  anche incrementare, portandolo a 4 mesi, il tirocinio formativo. Dovrebbe aver trovato accoglimento la richiesta dell’Anief di far valere anche il periodo di precariato non continuativo, ma permane la grave esclusione dei docenti precari abilitati all’insegnamento (contro la quale Anief è pronta a ricorrere).

 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): al governo ricordiamo che tra il 2006 e il 2016, il numero di scuole autonome, quindi di presidi e Dsga si è ridotto di un terzo, passando da 12mila agli attuali poco più 8mila. Spesso queste scuole sono però gestite da dirigenti che hanno in reggenza due o tre istituti, con un numero di plessi che può superare anche quota 10. È una situazione insostenibile, che si ripeterà anche nel prossimo anno, visto che vi saranno al massimo 200 assunzioni. Speriamo davvero che sia l’ultimo.

Prima il governo e ora il Miur hanno voluto fare di testa loro, non ascoltando i nostri consigli espressi nelle sedi istituzionali. Ora dovranno giustificare in tribunale, sino alla Corte Costituzionale, la legittimità di scegliere i docenti in modo discrezionale". Lo sostiene Marcello Pacifico, presidente dell'Anief, annunciando così il ricorso in Consulta del sindacato, secondo il quale "sta portando scompiglio e timori la pubblicazione delle indicazioni operative del Miur per l'individuazione dei docenti trasferiti o assegnati agli ambiti territoriali e il conferimento degli incarichi".

L’annuncio del giovane sindacato arriva all’indomani della pubblicazione delle “indicazioni operative per l'individuazione dei docenti trasferiti o assegnati agli ambiti territoriali e il conferimento degli incarichi nelle istituzioni scolastiche”. Per il sindacato, il problema è nella filosofia di un impianto normativo (completamente sganciato dall’anzianità servizio adottata egregiamente per decenni) assolutamente inapplicabile a qualsiasi amministrazione dello Stato. Ancora di più perché dovrà assolversi in tempi contingentati e condotto da segreterie ridotte ai minimi termini a causa dei 50mila tagli agli Ata degli ultimi anni.

 

Marcello Pacifico (presidente Anief): prima il Governo e ora il Miur hanno voluto fare di testa loro, non ascoltando i nostri consigli espressi in più sedi istituzionali. Ora dovranno giustificare in tribunale la legittimità di scegliere i docenti della scuola pubblica in modo discrezionale. Siamo convinti della bontà della nostra battaglia legale: la scuola pubblica non può essere gestita come un’azienda privata e il dirigente scolastico non è stato assunto per fare l’amministratore delegato.

ROMA - È polemica sulle modalità di scelta dei docenti. E l’Anief (Associazione nazionale insegnanti e formatori), trasmette il suo monito in una nota. “Agli ingenui sindacati rappresentativi – si legge nel comunicato stampa - sono state illustrate a Viale Trastevere le modalità di scelta dei docenti tramite gli ambiti territoriali: alto potere discrezionale ai dirigenti scolastici, inflazione di titoli standard e tempi contingentati. Con i quali dovranno fare i conti le segreterie, ridotte all’osso, di oltre 8mila istituti autonomi italiani”. Poi la parola al presidente dell’associazione professionale sindacale, Marcello Pacifico: “Ora si rischia il caos per via della scelta soggettiva e discrezionale di coloro che sono terminati negli ambiti territoriali. Dopo aver estromesso l’anzianità servizio, cardine delle selezioni del personale che opera per lo Stato, si è escogitato un sistema che elude le indicazioni provenienti dal Ptof. Ogni giorno che passa, la chiamata diretta assume rilievi sempre più incostituzionali. Il tutto si svolgerà in tempi ristrettissimi che serviranno per assolvere alle candidature dei docenti, al loro esame, alle eventuali accettazioni e all’entrata in scena finale degli Usr per mettere a posto le ultime ‘caselle’. Perché a questo siamo arrivati: i nostri docenti, che dovevano essere valorizzati, alla resa dei conti sono stati ridotti a dei numeri da mettere a posto, con i professori della scuola media che sembra avranno appena ventiquattrore di tempo per accettare la proposta della scuola. E con il consenso definitivo che dovrà arrivare solo via PEC”.

Il sostegno deve essere assicurato.

Continua a leggere

 

Storica decisione del tribunale di Caltanissetta ottenuta dai legali Anief, in difesa di un'alunna della scuola primaria con disabilità grave: il Tribunale del capoluogo siciliano, accertata l’ennesima mancata tutela del diritto allo studio di una ragazza con handicap in situazione di gravità, ha sanzionato sonoramente la condotta discriminatoria del Miur per la mancata attribuzione di un insegnante di sostegno pari al numero di ore richiesto dalla scuola al fine di tutelare il suo diritto all'integrazione e all’istruzione.

 

Appello del giovane sindacato a dirigenti scolastici, docenti e genitori: sorvegliate sin da subito sulla formazione delle cattedre che nelle prossime settimane verranno assegnate dagli uffici periferici del Miur alle scuole e soprattutto sulla corretta assegnazione delle ore di sostegno. Le premesse non sono positive, perché è notizie di queste ore che l’organico di fatto del prossimo anno scolastico è stato tagliato di 1.200 posti. Laddove risultassero delle discrepanze rispetto a quanto stabilito dalle Asl di competenza e dal Piano educativo individualizzato, vanno segnalate all’Anief aderendo all’iniziativa Sostegno: non un’ora di meno!”, scrivendo all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 

Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): presso il Tribunale di Caltanissetta è stato raggiunto un risultato importante. Il Ministero dell’Istruzione deve solo vergognarsi per aver pensato di fare “cassa” in presenza di una bambina disabile che, attraverso i genitori, rivendicava solo il giusto diritto a un'istruzione adeguata alle sue necessità.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 - Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie