italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

Circolare Miur sugli organici del prossimo anno è a dir poco deludente: “conterrà poche novità a fronte di situazioni complesse che richiederebbero un ripensamento della materia”. I posti da consolidare in organico di diritto sono appena 3.530 a fronte di oltre 80mila; appena 1.162 saranno i posti aggiuntivi per la riforma degli Istituti Professionali; si creano i presupposti per tagliare altri ulteriori cattedre al Meridione e nelle Isole: permane il blocco di una cattedra su tre di sostegno, che continua ad andare in deroga benché fosse priva di titolare. Dulcis in fundo, saranno solamente 800 i posti di organico potenziato destinati all’Infanzia. Secondo l’Anief dal Miur si continua ad esprimere concetti in un senso e ad applicare norme in un altro. Si dice in continuazione, ad esempio, che si vuole abbattere il precariato coprendo tutti i posti vacanti, poi però si fa di tutto, inventando norme che vanno oltre l’immaginazione, pur di non utilizzare i posti liberi per le immissioni in ruolo e i trasferimenti.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Abbiamo un’amministrazione centrale che si costituisce in tribunale per negare il titolo abilitante all’insegnamento, per dire no all'inserimento nelle GaE, nella seconda fascia d'istituto e alla partecipazione alla fase transitoria. Noi a questo gioco non ci stiamo: solo nell’ultimo corso-concorso per docenti abilitati, ad esempio, Anief ha raccolto 7 mila ricorsi da parte di docenti per vari motivi esclusi in modo secondo il nostro parere del tutto illegittimo. Ma l’opposizione del Miur alle soluzioni più logiche è a trecentosessanta gradi, perché anche l’apparente marcia indietro sul potenziamento della scuola dell’infanzia è a dir poco ridicola: si è concesso, di fatto, appena il 2 per cento del totale assegnato, dopo il diniego totale della Buona Scuola per la quale i docenti fino a 6 anni non sono stati nemmeno presi in considerazione. Abbiamo, infine, un’organizzazione dei posti di sostegno agli alunni disabili che non si riesce a migliorare: confermando oltre 40mila posti in deroga, anche il prossimo anno scolastico si svolgerà con un posto su tre scoperto e assegnato a supplenza in autunno, dopo il solito balletto di precari che si sono avvicendati, con conseguenze pesanti per i disorientati alunni disabili: una vergogna nazionale per la Ministra dell’Istruzione in uscita che, al di là dei comunicati e delle belle parole espresse per oltre un anno, ha confermato tutte le contraddizioni che hanno caratterizzato le gestioni passate.

Alla luce degli organici bloccati, continua la battaglia legale del sindacato, sempre pronto a contrastare in tribunale, attraverso ricorsi mirati, questa politica al risparmi e contro i cittadini.

 

 

Nuova vittoria Anief presso il Tribunale del Lavoro di Latina e nuova conferma che il periodo svolto durante il precariato deve essere integralmente computato ai fini del raggiungimento del quinquennio di permanenza su posto di sostegno. Già attive le preadesioni ai ricorsi Anief contro le procedure di Mobilità 2018.

Il Tribunale del Lavoro di Latina dà piena ragione ai legali Anief e dichiara illegittimo il CCNI nella parte in cui discrimina il servizio svolto durante il precariato ai fini del raggiungimento del quinquennio di permanenza sul sostegno, contrastando con la normativa comunitaria. Gli avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli, Ida Mendicino e Maurizio Faticoni ottengono piena ragione in favore di una nostra iscritta con la declaratoria del suo pieno diritto al computo del preruolo svolto su posto di sostegno nelle procedure di mobilità. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Abbiamo ancora una volta avuto ragione in tribunale e dimostrato che il contenuto della contrattazione integrativa sulla mobilità è discriminatoria per quanto riguarda le previsioni sul precariato non permettendo di computare il servizio a termine svolto sul sostegno ai fini del raggiungimento del quinquennio per poi poter passare su posto comune e lo è ancora di più nelle tabelle per le graduatorie interne d'istituto che attribuiscono punteggio deteriore al servizio preruolo. La giurisprudenza europea, infatti, ha affermato che lo Stato ha l’obbligo di vigilare affinché tra contratto a termine e contratto a tempo indeterminato non vi sia un trattamento globalmente sfavorevole all’interessato quando l’oggetto del suo incarico e la natura delle sue funzioni restano invariati”. Già attive le preadesioni ai ricorsi Anief contro la procedura di Mobilità che continua a discriminare i precari, il servizio svolto nelle scuole paritarie e non riconosce punteggio ai titoli come la SSIS o la specializzazione sul sostegno.

 

 

 

Nei prossimi giorni, quindi, le amministrazioni scolastiche saranno chiamate ad esaminare i titoli, i servizi e le documentazioni presentate dagli insegnanti in forzo al loro istituto. Il tutto servirà a costituire queste maxi-graduatorie, comprendenti docenti con diverse collocazioni. Purtroppo, le indicazioni che hanno le segreterie da parte dell’amministrazione centrale non sono rispettose dei diritti di molte tipologie di insegnanti. A questo proposito, Anief ricorda che risulta illegittima la valutazione parziale del servizio pre-ruolo o prestato nella scuola paritaria. Lo hanno ribadito molte sentenze dei tribunali. E per questo motivo, il sindacato ha predisposto apposito ricorso, al giudice del lavoro, in modo da far valere il servizio pre-ruolo per intero.

Anief, inoltre, ritiene non corretta la tabella di valutazione dei titoli, predisposta sempre dall’amministrazione. Le incongruenze sono diverse: si va dall’abilitazione SSIS alla specializzazione SSIS di sostegno, dal titolo TFA conseguito (anche sostegno) al servizio pre-ruolo al pari di quello prestato dopo la nomina (punti 6 e per intero), dal doppio punteggio per servizio pre-ruolo in piccole isole al servizio militare prestato non in costanza di nomina. Anche in questo caso, Anief consiglia al personale coinvolto di non rischiare di perdere il posto nella scuola di titolarità impugnando la tabella predisposta Miur direttamente al giudice di competenza.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Tutti gli insegnanti che risultano danneggiati dalla purtroppo ampia casistica di norme illegittime farebbero bene e presentare ricorso: soprassedere, per poi ritrovarsi perdenti posto, rappresenterebbe una beffa enorme. Con conseguenze negative immaginabili, derivanti dalla perdita del posto e dall’obbligo di trasferirsi in un’altra sede scolastica. L’aspetto più inquietante di certe decisioni prese dal Miur è la mancata considerazione di titoli e servizi, conseguiti alla stregua di altri invece riconosciuti. A noi, come sindacato, questo palese aggiramento della direttiva UE n. 70/99, con insopportabili discriminazioni tra il personale, non può stare bene. E lo diremo chiaramente, tramite i nostri legali, ai giudici di competenza.

 

 

Il Ministero dell’Istruzione si oppone al potenziamento dell’attività motoria nella scuola primaria, dove si continua a fare svolgere attività fisica agli alunni solamente attraverso iniziative autonome e quasi sempre finanziate dalle famiglie: la disposizione, prevista dalla Legge di Bilancio 2018, la quale prevede l’utilizzo fino al 5% del potenziamento per l’attività motoria nella scuola primaria, è quindi slittata al 2019/20, perché a detta dei dirigenti del Miur è necessario che le scuole inseriscano tale attività nei Piano triennale dell’offerta formativa. Il sindacato Anief non reputa corretto procedere in questo modo: il mancato inserimento nel Ptof ha infatti tutta l’aria di essere una clausola cercata appositamente per posticipare il progetto e soprattutto i costi che comporterebbe. L’approvazione della norma, le cui percentuali si auspica che possano man mano diventare sempre maggiori, comporterebbe infatti il coinvolgimento di operatori specializzati.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): L’amministrazione ha preso questa decisione senza tener conto del fatto che la legge è assolutamente chiara. In questo caso, come in altri, è necessario che il Miur si adegui e la smetta di fare ostruzione: a noi sembra che abbiano montato un caso dal nulla, visto che i collegi dei docenti fino a prova contraria possono ancora deliberare in vista dell’avvio del prossimo anno scolastico, al quale peraltro mancano ancora cinque mesi pieni. A spingere da anni per lo svolgimento dell’attività fisica permanente in tenera età non siamo del resto noi, ma tutti coloro che, sulla base di studi scientifici, mirano al benessere della cittadinanza. Per non parlare dei continui moniti in questo senso da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità.

 

 

Il Miur fornisce i numeri del percorso di reclutamento transitorio previsto dal Governo Renzi per andare incontro, solo in apparenza, ai precari “storici” della scuola pubblica: ammontano a meno di 50 mila i partecipanti al concorso abilitati della secondaria. Ma il numero dei partecipanti a questa prima tornata è ridondante solo in superficie, poiché ancora una volta, in seguito alle novità introdotte dalla Buona Scuola, i docenti hanno respinto l’elemosina del Governo: parteciperà solo uno su due degli aventi diritto tra Pas e Tfa. Altri 10mila ricorrono per entrare e altrettanti già assunti a tempo indeterminato, grazie al ricorso Anief, aspirano al passaggio tra un ruolo e l’altro. In questo modo falliscono i decreti delegati della Legge 107/2015.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Noi lo ripetiamo da tempo e avremmo la soluzione all’ingarbugliatissimo problema: bisogna stabilizzare e risarcire i precari e attivare le prove suppletive al vecchio concorso, poiché solo così si possono evitare conflitti nei tribunali. In pratica, dopo l'esclusione di 20 mila laureati dal vecchio concorso, lo Stato ci riprova ma tante incognite stanno dando luogo al nuovo contenzioso. Anief, infatti, ha raccolto diverse migliaia di ricorsi per via delle esclusioni incomprensibili dal concorso riservato ai docenti abilitati 2018. Il problema di fondo è che l’amministrazione non ha ancora compreso che il dipendente precario, dopo tre anni di supplenze, va stabilizzato.

Anief ricorda che ha sottoscritto una convenzione con Eurosofia, ente accreditato dal Miur: per i docenti che vogliono accuratamente delineare la propria preparazione offre quindiun ausilio costante.

 

 

Il problema dei tanti capi d’istituto esclusi illegittimamente dal ruolo di Presidente degli Esami di Stato 2018 della secondaria era stato sollevato dall’Udir: ora diventa oggetto di confronto con i sindacati. Tuttavia, considerando l’impedimento normativo e i tempi ristrettissimi per evitare il danno retributivo ai presidi esclusi, il giovane sindacato conferma la volontà di condurre i ricorsi gratuiti al TAR del Lazio avverso la Circolare Miur 4537 del 16 marzo scorso: l’impugnazione riguarda l’esclusione illegittima dal ruolo di presidenti delle Commissioni degli Esami di Stato di tutti i dirigenti degli istituti comprensivi, delle direzioni didattiche, dei Centri Provinciali per l'Istruzione degli adulti e delle scuole secondarie di primo grado. È necessario presentare la domanda di partecipazione e adesione al ricorso entro il 4 aprile.

Marcello Pacifico (presidente Udir): Le esclusioni risultano inspiegabili, perché riguardano tutti i dirigenti provenienti dal ruolo di docenti, regolarmente abilitati all’insegnamento alle scuole superiori, ovviamente in possesso della laurea e dei medesimi titoli dei colleghi della scuola secondaria di secondo grado. Inoltre, sono a capo di istituti scolastici complessi, con diversi plessi annessi: presenteremo ai giudici del Tar del Lazio quello che a nostro avviso si configura come un vero e proprio atto discriminante.

 

 

Legata alla sedia con lo scotch, presa a calci e ripresa con il telefonino dagli studenti della classe: la scellerata vicenda, che rimane grave anche dopo il tentativo di ridimensionamento dei genitori, è accaduta più di un mese fa in una scuola prima superiore. Dinanzi a certi accadimenti, ci si sarebbe aspettati una punizione esemplare, finalizzata anche a prevenire qualsiasi tipo di emulazione: invece la sanzione per gli studenti si è limitata ad “un mese di sospensione con l’obbligo di frequenza in aggiunta la pulizia dei cestini delle altre aule durante l’intervallo”.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non è davvero ammissibile ciò che è successo. L’aggressione nei confronti di un docente deve comportare l'espulsione immediata dello studente o degli studenti che si sono resi artefici di tale azione vergognosa. Inoltre, l’insegnante può persino valutare di denunciare questi giorni per oltraggio a pubblico ufficiale: quello che è stato fatto, se accertato, è un vero e proprio reato penale. Il primo fine del nostro lavoro è educare le generazioni del futuro: dobbiamo formare uomini e donne rispettosi e ricolmi di senso civico. Chi compie questi oltraggi deve essere espulso, senza se e senza ma: d'ufficio. E in tutto questo, le famiglie, dove sono? Perché escono allo scoperto solo ora, tentando di giustificare l’ingiustificabile? La verità è che i genitori dovrebbero collaborare, altrimenti episodi di questo genere non faranno che moltiplicarsi. La scuola da sola non ce la può fare.

 

 

Presso il Tribunale di Marsala (TP) è nuova vittoria per le tesi da sempre sostenute dall'Anief: ribadito il diritto all'integrale e immediata ricostruzione di carriera computando per intero il servizio svolto durante il precariato. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Stop alle discriminazioni tra precari e personale di ruolo”. Ancora possibile aderire gratuitamente ai ricorsi Anief.

Il Ministero dell'Istruzione è di nuovo soccombente in tribunale sulla questione del riconoscimento integrale e immediato della carriera durante il precariato. Il Tribunale del Lavoro di Marsala (TP), infatti, in pieno accoglimento del ricorso patrocinato per Anief dagli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Maria Adamo evidenzia la palese discriminazione posta in essere dal Miur a discapito dei lavoratori cui non riconosce per intero gli anni di servizio a tempo determinato all'atto della ricostruzione di carriera in aperta violazione della Direttiva 1999/70/CE. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Ribadiamo il nostro fermo dissenso alle continue discriminazioni che la contrattazione interna pone ancora in essere a discapito del servizio prestato con contratti a termine. Il servizio svolto durante il precariato, discriminato anche all'atto delle operazioni di ricostruzione di carriera, deve essere immediatamente e integralmente computato ai fini del corretto inquadramento stipendiale del lavoratore immesso in ruolo in ossequio al principio di non discriminazione sancito dalla Direttiva Comunitaria 1999/70/CE”.

Di contrattazione, retribuzione dei lavoratori e rispetto delle normative comunitarie si parlerà anche nel corso dei nuovi seminari gratuiti sulla legislazione scolasticaorganizzati da Anief ed Eurosofia “DIES IURIS LEGISQUE” che si svolgeranno in tutta Italia nel corso dei prossimi mesi e che vedranno come relatore proprio il presidente Anief Marcello Pacifico.

 

È di poche ore fa la pubblicazione del Miur del numero di partecipanti, 50.000, al concorso per docenti abilitati della secondaria di primo e secondo grado, con il numero maggiore di domande presentato al Sud. La quota di partecipanti è solo in apparenza alta, perché oltre il 20% è composto da personale già di ruolo: inoltre, ci si aspettava un’adesione ben più alta se solo si considera che gli abilitati che puntano al ruolo sono almeno il doppio rispetto alle iscrizioni effettive. Il Ministero dell’Istruzione conferma che nel corso dell’anno “seguiranno il bando per docenti iscritti nelle graduatorie di istituto non abilitati ma con tre anni di servizio almeno alle spalle e quello per i neo-laureati”. E qui viene il bello. Perché se è vero che “scalpitano” i non abilitati e i laureati, è altrettanto vero che chi verrà selezionato è atteso da un percorso tortuoso e senza alcuna garanzia di giungere all’arrivo.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Per i non abilitati e laureati è iniziata la grande attesa, che durerà, presumibilmente, almeno fino all'estate. In pratica, possiamo dire che dopo l'esclusione di 20 mila laureati dal vecchio concorso, lo Stato ci riprova ma tante incognite stanno dando luogo al nuovo contenzioso. Anief, infatti, ha raccolto diverse migliaia di ricorsi per via delle esclusioni incomprensibili dal concorso docenti 2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 16 febbraio scorso. Il problema di fondo è che si continua a mantenere la politica del respingimento che non risparmia l’ambito dei concorsi: basti pensare che i laureati avrebbero dovuto partecipare anche al precedente concorso a cattedra, invece in quell’occasione sono stati lasciati fuori, come se il loro titolo di studio avesse una valenza giuridica mutevole. Il risultato di questo bailamme è che ci ritroviamo degli organici pieni zeppi di precari, con l’apice che si tocca per quelli di sostegno, i quali prevedono che un posto su tre vada a supplenza, derivante dalla mancata trasformazione di posti in deroga nell’organico di diritto. Una condizione assurda, che continua a farci patrocinare cause in difesa delle famiglie degli alunni disabili, riguardo le quali i giudici si esprimono in percentuali bulgare a favore del riconoscimento e della tutela del diritto negato agli alunni disabili, con tanto di risarcimenti adeguati.

Per coloro che necessitano di una preparazione accurata e completa al concorso riservato ai docenti abilitati, l’ente formativo Eurosofia, riconosciuto dal Miur, offre un ausilio costante.

 

 

La notizia, apparsa in tutti i quotidiani franchi e internazionali, annunciata dal presidente Emmanuel Macron, è che i bambini dovranno entrare in classe all’età di tre anni e non di sei: si tratterebbe di una ufficializzazione della pratica, poiché quasi tutti i bimbi risultano iscritti alla scuola già a quell’età. Più che altro, sembrerebbe un modo per dare risalto al ruolo della scuola materna: i bambini tra i 3 e i 6 anni incrementerebbero infatti delle capacità comunicative non indifferenti, “basate sul gioco, sull'attività fisica, su musica, arte e sull'aiuto a sviluppare sani livelli di autoconsapevolezza e buone abilità sociali”. Anche Anief da anni auspica una riforma del sistema 0-6 anni: secondo il programma più volte avanzato dal sindacato, sarebbe necessario anticipare almeno di un anno l’inizio della scuola dell’obbligo, introducendo un’annualità ‘ponte’ durante la quale far operare, in compresenza, maestre della scuola dell’infanzia e primaria.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): In Italia l'obiettivo permane al 33% nel sistema misto pubblico e privato, con le classi primavera a regime ma che coprono un bimbo su tre. Il sindacato aveva chiesto in audizione e in Parlamento almeno l’anticipo di un anno per non cancellare un’annualità delle superiori, ma non c'è stato niente da fare. Non possiamo fare a meno di chiederci il perché del fatto di non dar seguito alla nostra proposta, supportata anche dal un punto di vista pedagogico, di anticipare di un anno l’inizio della scuola dell’obbligo: questa soluzione, tra l’altro, sopperirebbe al problema dell’assorbimento dei maestri della scuola dell’infanzia non inglobati nel potenziamento degli organici che ha invece toccato tutti gli altri ordini. È provato che a cinque anni i bambini hanno bisogno di una formazione di tipo essenzialmente ludico e, nello stesso tempo, di avvicinamento all’alfabetizzazione e al far di conto. In Francia l’hanno compreso e attuato, da noi non se ne parla nemmeno. E si continuano a rifilare brutti scherzi al personale, oltre che agli alunni: è notizia di queste ore che i maestri “potenziatori” sono stati ridotti a 800 totali, meno della metà di quanto prestabilito. Così nelle scuole dell’infanzia, che in Italia sono oltre quota 10mila, ma solo 2.700 risultano pubbliche, ne arriverà appena uno ogni tre istituti.

 

 

Nel corso dell’incontro tenuto poche ore fa al Miur, i sindacati hanno sconfessato le promesse di innalzamento dei posti: quelli da consolidare in organico di diritto su tutti i posti comuni sono appena 3.530; solo 800 posti dell’attuale organico potenziato saranno destinati all’Infanzia (meno ancora dei mille annunciati solo qualche settimana fa dal partito di maggioranza uscente); 1.162 saranno i posti aggiuntivi per la riforma degli Istituti Professionali. Ma soprattutto, prendendo a pretesto la riduzione, a livello nazionale di alcune migliaia di alunni iscritti, dalle previsioni del Miur pare che verranno tagliati posti al Sud e non saranno stabilizzati posti di sostegno. Secondo il sindacato Anief, tutto questo è inaccettabile. Per vari motivi.

Come si fa, ad esempio, a portare in organico di diritto appena 3.530 posti, dal momento che ammontano a 80 mila, di cui la metà su sostegno, quelli assegnati con l’organico di fatto ogni anno, di cui la grande maggioranza vacanti a tutti gli effetti? Perché per la scuola dell’Infanzia arriva un ‘contentino’ di 800 posti da assegnare al potenziamento che già i presidi danno nell'organico dell’autonomia? Cosa se ne fanno gli istituti professionali di soli 1.162 posti in più, dal momento in cui la personalizzazione dei curricola, incentivata con la scuola dell’autonomia e soprattutto con la Legge 107/2015, avrebbe dovuto aumentare sensibilmente le cattedre degli Insegnanti Tecnico Pratici e gli organici sul sostegno, invece sempre bloccati al 70 per cento?

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Rimaniamo sbalorditi da queste ennesime operazioni di facciata, finalizzate esclusivamente ad assicurare pochi esborsi per l’amministrazione, ma continuando a far pagare un prezzo salatissimo agli alunni, alle loro famiglie e a tutto il personale scolastico. Rimane incomprensibile, infatti, il motivo per cui non si tiene conto, nella formazione delle cattedre, di parametri oggettivamente più importanti del numero di alunni, a partire degli alti tassi di abbandono e migratori. Ciò accadrà subito dopo che il sindacato avrà ricevuto un’informativa sugli organici non confacenti alle regole. Occorre ripartire da una seria revisione e integrazione degli organici, con tutto quello che ne consegue. Nel frattempo, continua la battaglia legale del sindacato, sempre pronto a contrastare in tribunale, attraverso ricorsi mirati, questa politica al risparmio e contro i cittadini.

 

 

Continuano in tutte le regioni i nuovi seminari di formazione gratuiti sulla legislazione dal titolo “DIES IURIS LEGISQUE”, organizzati da ANIEF ed EUROSOFIA, centrati sulle nuove norme scolastiche introdotte dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205, sull’organizzazione dell’orario di lavoro e sulla contrattazione, a cui sono invitati tutti i docenti e ata, e tutti i candidati RSU. 

Il prossimo evento in programma:

​Santa Maria Capua Vetere (CE), il ​09 aprile 2018, presso  I.S.I.S.S. "Righi - Nervi" - Via ​​A. Righi, ​4 - dalle ore ​09.00 alle 1​3.00

SCARICA LA LOCANDINA

 I partecipanti hanno diritto all’esonero dal servizio, ai sensi della normativa vigente. Gli interessati possono inviare una e-mail, entro 5 giorni dall’evento, al seguente indirizzo:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per riservare la propria partecipazione all’evento.

Prima, incontri analoghi a: Vinchiaturo (CB) 10 aprile 2018

Scarica le locandine secondo il calendario degli incontri e partecipa, alla presenza del presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico.

 

Continuano in tutte le regioni i nuovi seminari di formazione gratuiti sulla legislazione dal titolo “DIES IURIS LEGISQUE”, organizzati da ANIEF ed EUROSOFIA, centrati sulle nuove norme scolastiche introdotte dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205, sull’organizzazione dell’orario di lavoro e sulla contrattazione, a cui sono invitati tutti i docenti e ata, e tutti i candidati RSU. 

Il prossimo evento in programma:

​Civitanova Marche (MC), il 6 aprile 2018, presso ​IIS "Leonardo da Vinci" - Via Nelson Mandela, snc - dalle ore 09.00 alle ore 13.00. 

SCARICA LA LOCANDINA

 I partecipanti hanno diritto all’esonero dal servizio, ai sensi della normativa vigente. Gli interessati possono inviare una e-mail, entro 5 giorni dall’evento, al seguente indirizzo:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per riservare la propria partecipazione all’evento.

Prima, incontri analoghi a: Caserta/Benevento 9 aprile 2018

Scarica le locandine secondo il calendario degli incontri e partecipa, alla presenza del presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico.

 

Continuano in tutte le regioni i nuovi seminari di formazione gratuiti sulla legislazione dal titolo “DIES IURIS LEGISQUE”, organizzati da ANIEF ed EUROSOFIA, centrati sulle nuove norme scolastiche introdotte dalla legge 27 dicembre 2017, n. 205, sull’organizzazione dell’orario di lavoro e sulla contrattazione, a cui sono invitati tutti i docenti e ata, e tutti i candidati RSU. 

Il prossimo evento in programma:

​Benevento, il ​09 aprile 2018, presso​​Sala del Centenario della Basilica delle Grazie - Via ​San Lorenzo, ​1 - dalle ore ​10.00 alle 1​4.00​

SCARICA LA LOCANDINA

 

I partecipanti hanno diritto all’esonero dal servizio, ai sensi della normativa vigente. Gli interessati possono inviare una e-mail, entro 5 giorni dall’evento, al seguente indirizzo:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  per riservare la propria partecipazione all’evento.

Prima, incontri analoghi a: Vinchiaturo (CB) 10 aprile 2018

Scarica le locandine secondo il calendario degli incontri e partecipa, alla presenza del presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico.

Eurosofia ha creato per tutti i docenti e professionisti un corso di aggiornamento professionale da 40 ore, riconosciuto dal Miur dal titolo: “LIS: Lingua Italiana dei Segni per l'inclusione sociale”.

Il corso ha l’obiettivo di:

     • Sensibilizzare nell’utilizzo di strategie educativo-didattiche per garantire adeguata comunicazione e passaggio di informazioni tra l’alunno sordo e le altre figure del contesto scolastico;

     • Fornire i principali elementi per sviluppare le competenze tecniche e strutturali della comunicazione visivo – gestuale, per poter svolgere professionalmente ed autonomamente il proprio lavoro anche in presenza di persone non udenti.

 

Continuano i successi ANIEF in Consiglio di Stato: annullata, con la sentenza n. 1923/2018 ottenuta dal nostro sindacato, la precedente sentenza emanata dal TAR Lazio su ricorso RG n. 10061/2013 e confermate le abilitazioni conseguite dai ricorrenti che contestavano l'illegittimità del bando nella parte in cui richiedeva, come requisito utile per l'accesso ai PAS, 540 giorni di servizio in 3 anni. Gli Avvocati Francesca Marcone, Rodrigo Verticelli, Sergio Galleano e Vincenzo De Michele ottengono una nuova soddisfacente vittoria con la conferma a pieno titolo delle abilitazioni già conseguite dai ricorrenti che il Miur voleva escludere ab origine dalla possibilità di frequentare i Percorsi Abilitanti Speciali.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie