italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

Se nell’a.s. 2010/11 la percentuale di alunni con DSA sul totale degli alunni si attestava ad appena lo 0,7%, a distanza di appena sei anni la percentuale è salita fino al 2,9%. Il disturbo mediamente più diffuso è la dislessia (42,5% delle certificazioni), anche se più disturbi possono coesistere in una stessa persona. Seguono le certificazioni per la disortografia (20,8%), quelle per la discalculia (19,3%) e quelle per la disgrafia (17,4%). Il Miur ha spiegato che la crescita delle certificazioni si deve soprattutto all’introduzione “della legge 170 del 2010, grazie alla quale la scuola ha assunto un ruolo di maggiore responsabilità nei confronti delle alunne e degli alunni con questi disturbi, con più formazione per il corpo docente e una sempre maggiore individuazione dei casi sospetti”. Solo che nella pratica la legge rimane disattesa. Perché non sempre i docenti del Consiglio di classe adottano adeguate misure dispensative e compensative previste dal Pdp. E lo stesso vale per la valutazione specifica. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Le denunce che raccoglie il nostro sindacato sono indirizzate verso una sostanziale superficialità da parte della scuola nei confronti degli alunni con questi disturbi di apprendimento. Le misure dispensative e compensative non sempre vengono messe a disposizione degli alunni Dsa: soprattutto laddove le famiglie non seguono le ‘pratiche’ amministrative, le scuole non riescono sempre a subentrare e ad assicurare la fornitura degli strumenti adeguati. Inoltre, anche le valutazioni, intermedie e finali, in sede di scrutinio, risultano spesso non adeguate alle circostanze. In questi casi, che non sono purtroppo residuali, si attua un vero e proprio disinteresse per le leggi che lo Stato italiano ha approvato negli ultimi anni e anche delle linee guida successive emesse dal Ministero dell’Istruzione. Infine, è indispensabile che vi sia una maggiore consapevolezza da parte del corpo insegnante verso le esigenze degli alunni Dsa: sarebbe bene, quindi, che i docenti ancora a digiuno di conoscenze e competenze in materia le facciano loro nell’ambito dell’aggiornamento professionale. 

A questo proposito, l’Ente formativo Eurosofia – riconosciuto dal Miur - offre la possibilità di acquisire nuovi approcci metodologici in differenti aree tematiche, anche per alunni Dsa, attraverso specifici corsi di aggiornamento professionale: per informazioni o per trovare il corso più adatto alle proprie esigenze di insegnamento, tutti fruibili con i 500 euro annui previsti dalla “carta del docente”, cliccare qui.

 

 

 

Diverse migliaia di unità di personale amministrativo, tecnico e ausiliario, dopo essere state impegnate tutto l’anno nelle nostre scuole per coprire i “buchi” di organico, vengono incomprensibilmente messe alla porta l’ultimo giorno di giugno: nei mesi di luglio e agosto non servono più. In tal modo, si sguarniscono gli organici nel periodo in cui ve ne è più bisogno, visto che i dipendenti di ruolo vanno in ferie. Ma a Viale Trastevere lo sanno che in estate nelle scuole si svolgono una miriade di attività? Probabilmente sì, visto che il Miur in queste ore ha pubblicato la Nota n. 20017, nella quale ricorda ai dirigenti scolastici che possono chiedere ai Direttori degli Usr la proroga del contratto al 31 agosto per quelle supplenze il cui personale si ritiene necessario che venga mantenuto in servizio nei due mesi estivi, anche al fine di sopperire alla carenza di risorse umane. Anief, di contro, ricorda a tutti i lavoratori ATA precari – amministrativi, tecnici e ausiliari – la cui supplenza non sarà prorogata che è possibile rivolgersi al giudice del lavoro per rivendicare l’estensione del contratto in tutti quei casi in cui il posto è vacante e disponibile, come prevede la Legge 124/99. Per aderire al ricorso e recuperare le mensilità estive degli ultimi cinque anni, vai al seguente link. 

Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Nei mesi di luglio e agosto le segreterie didattiche devono gestire i flussi in uscita e in entrata degli alunni, con mansioni crescenti: basti pensare a quella rifilata lo scorso anno dal Governo sulla verifica dello stato di vaccinazione degli allievi iscritti. Per non parlare dell’andirivieni di insegnanti, che nei giorni più caldi dell’anno raggiunge l’apice. Pensiamo anche agli esami di maturità o ai debiti formativi che necessitano di laboratori efficienti, a cui vengono però sottratti gli assistenti tecnici. Ancora più ingiustificato, poi, è il licenziamento anticipato dei collaboratori scolastici: sempre durante l’estate, sempre più scuole svolgono attività di vario genere, non solo didattiche, e non si comprende perché non ci si debba più avvalere di un servizio completo di pulizia e sorveglianza.

 

 

È totalmente inutile pensare a una fase transitoria: dal 28 aprile è stato indetto uno sciopero della fame e un presidio permanente al Miur. Il 2 e 3 maggio invece sarà la volta di uno sciopero nazionale che culminerà il 3 maggio in una manifestazione nazionale a Roma, davanti alla sede ministeriale. Necessario sospendere subito tutti i ricorsi pendenti presso il Tribunale amministrativo in attesa di un riesame della questione in Parlamento e in Cassazione. 

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: Su 120 mila docenti abilitati alle superiori, soltanto uno su tre ha presentato domanda di partecipazione alla fase transitoria che, peraltro, per come ideata, non garantisce l’immissione in ruolo di tutti né è utile al conferimento delle supplenze. Per i posti di sostegno, addirittura, si è presentato soltanto uno specializzato su sei degli ultimi cinque anni; uno su due è già di ruolo. Pertanto, ipotizzare, di applicare questo sistema di reclutamento alla primaria sarebbe inutile; meglio ritornare sui propri passi e riaprire le Gae come ha fatto il Parlamento nella XVI legislatura. 

Per opporsi alla decisione dell’Avvocatura dello Stato, l’Anief ha predisposto uno specifico ricorso, rivolto al giudice del lavoro, finalizzato proprio ad opporsi al licenziamento dei diplomati magistrale che hanno superato l'anno di prova: per informazioni cliccare qui.

 

 

La decisione di applicare la sentenza del Consiglio di Stato di fine 2017 si allarga ai tanti docenti con diploma magistrale già immessi in ruolo e che hanno superato l’anno di prova. Il parere dell’Avvocatura è stato espresso, nonostante l’Anief abbia da mesi prodotto un dettagliato e motivato parere, firmato dall’ex presidente della Cassazione Michele De Luca, finalizzato proprio a salvare dal licenziamento i maestri immessi in ruolo con riserva e che hanno superato l’anno di straordinariato: adottando il principio dell’acquiescenza, infatti, si sarebbero potuti senza alcun problema confermare in ruolo i docenti già assunti e valutati pure dopo la sottoscrizione del ruolo. Tra l’altro, questa soluzione è stata fortemente auspicata da miriadi di associazioni e sindacati, oltre che dalle istituzioni locali. 

Secondo Marcello Pacifico, presidente del giovane sindacato, in questo modo, oltre a mettere a rischio il prossimo anno scolastico, si mina alla base il nostro stato di diritto, calpestando anche la democrazia. Se un cittadino è in possesso di un titolo utile ad insegnare ha diritto a farne pieno uso e ad essere assunto nei ruoli dello Stato. Non esiste che possa invece essere cacciato dalla scuola. Il 28 aprile, proprio per opporsi alla decisione presa dagli avvocati dell’amministrazione scolastica, è stato programmato lo sciopero della fame da parte delle maestre, con un presidio permanente davanti al Miur. L’iniziativa culminerà il 3 maggio, con un doppio sciopero, il terzo in quattro mesi, con una manifestazione nazionale a Roma.

Per opporsi alla decisione dell’Avvocatura dello Stato, l’Anief ha predisposto uno specifico ricorso, rivolto al giudice del lavoro, finalizzato proprio ad opporsi al licenziamento dei diplomati magistrale che hanno superato l'anno di prova: per informazioni cliccare qui.

 

 

 

La sentenza del TAR Lazio emanata oggi e ottenuta dai legali Anief Walter Miceli e Denis Rosa mette la parola fine alla questione del taglio della seconda ora di primo strumento nel biennio dei licei musicali predisposta dal Ministero dell'Istruzione con la nota n. 21315/2017 e ritenuta dal Tribunale Amministrativo, in pieno accoglimento delle tesi patrocinate dal nostro sindacato, illegittima perché in contrasto con la normativa primaria di riferimento (DPR n. 89/2010). Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Il TAR Lazio ha annullato in via definitiva la nota Miur del 2017 accogliendo in toto le nostre ragioni e soprattutto imponendo al Ministero il rispetto del diritto all'istruzione degli alunni nel biennio dei licei musicali”.

 

ROMA, 19 APR - La firma per il rinnovo del contratto nella scuola è "un evento storico, perché non si verificava da quasi un decennio, ma del tutto vanificato dalla consistenza ridicola degli importi che, probabilmente nel mese di maggio, tutto il personale della scuola andrà a percepire: il trattamento peggiore sarà riservato agli assistenti amministrativi, i tecnici e i collaboratori scolastici che già percepiscono gli stipendi più bassi della pubblica amministrazione, visto che variano tra i 1.000 e i 1.300". A sostenerlo è Marcello Pacifico (Anief-Cisal). "Questa sarebbe la famosa valorizzazione di cui anche nelle ultime ore ha parlato la ministra Fedeli? Può - prosegue Pacifico - un applicato di segreteria scolastica con oltre 35 anni di anzianità essere felice per vedersi assegnati 42 euro di aumento, dopo avere avuto lo stipendio bloccato dal 2009? Gli aumenti concordati risultano tre volte sotto l'indice Ipca aggiornato negli ultimi dieci anni. In base all'indice oggettivo economico su scala nazionale, legato al costo della vita, i lavoratori della scuola che rappresentiamo avrebbero dovuto percepire 300 euro, per di più senza novità sull'adeguamento dei profili al resto della Pubblica amministrazione. Nella scuola il personale Ata lavora di più rispetto agli enti locali, a cominciare dai Comuni, ma a parità di qualifica si ritrova con uno stipendio miserevole. Tra l'altro con la carriera bloccata, visto che dopo 15 anni ci ritroviamo con tanti amministrativi utilizzati annualmente come Dsga ma mai ricollocati professionalmente nel ruolo superiore perché non si fanno i concorsi biennali previsti per legge disapplicando la percentuale di riserva al personale interno. Anief s'impegna a rivedere tutto nel prossimo contratto, appena diventerà rappresentativa a seguito del rinnovo delle rappresentanze sindacali di ogni istituto". (ANSA).
 

In questi giorni gli insegnanti stanno prendendo visione delle graduatorie interne al loro istituto ed in diversi hanno scoperto di essere stati collocati dall’amministrazione in una posizione arretrata rispetto a quella che gli sarebbe spettata. Oltre ai meri errori materiali, si registrano molti casi di mancata valutazione del servizio precedente alla data di immissione in ruolo. Come rivendicato dall’Anief e avallato dai giudici, il precariato va infatti valutato per intero piuttosto che con il meccanismo della ricostruzione di carriera, ovvero soltanto per i primi quattro anni e con la riduzione di un terzo degli anni successivi. 

Il giovane sindacato si rivolge al personale danneggiato, ricordando che la valutazione corretta del punteggio della graduatoria d’istituto è fondamentale: vedersi sottratti dei punti, in particolare quelli relativi agli anni di precariato, significa rischiare di vedersi dichiarato soprannumerario. Con tutte le implicazioni del caso, ovvero essere costretti a cambiare scuola, quindi spostarsi di decine se non di centinaia di chilometri. Per aderire al ricorso, vai al seguente link. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): I tribunali del lavoro hanno acclarato che è illegittima l’attuale valutazione prevista dal contratto, analogamente a quanto avviene con le ricostruzioni di carriera successive all’anno di straordinariato dopo il ruolo. Rivendichiamo, con tutte le nostre forze, che il servizio pre-ruolo debba essere valutato per intero anche al di fuori dei primi quattro anni. È una mancanza, quella che attuano le segreterie scolastiche, che rischia di costare cara a troppi docenti. Ha avuto ragione Anief, nelle aule del tribunale, con moltissime sentenze positive negli anni passati. E ora ripropone il relativo ricorso.

 

Oggi alle 12.30 l’Aran ha convocato i sindacati rappresentativi per la firma definitiva sul contratto della scuola, dopo il via libera della Corte dei Conti. Si tratta di un evento storico, perché non si verificava da quasi un decennio, ma del tutto vanificato dalla consistenza ridicola degli importi che, probabilmente nel mese di maggio, tutto il personale della scuola andrà a percepire: il trattamento peggiore sarà riservato agli assistenti amministrativi, i tecnici e i collaboratori scolastici che già percepiscono gli stipendi più bassi della pubblica amministrazione, visto che variano tra i 1.000 e i 1.300. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Questa sarebbe la famosa valorizzazione di cui anche nelle ultime ore ha parlato la ministra Fedeli? Può un applicato di segreteria scolastica con oltre 35 anni di anzianità essere felice per vedersi assegnati 42 euro di aumento, dopo avere avuto lo stipendio bloccato dal 2009? Gli aumenti concordati risultano tre volte sotto l'indice Ipca aggiornato negli ultimi dieci anni. In base all’indice oggettivo economico su scala nazionale, legato al costo della vita, i lavoratori della scuola che rappresentiamo avrebbero dovuto percepire 300 euro, per di più senza novità sull'adeguamento dei profili al resto della PA. Nella scuola il personale Ata lavora di più rispetto agli enti locali, a cominciare dai Comuni, ma a parità di qualifica si ritrova con uno stipendio miserevole. Tra l’altro con la carriera bloccata, visto che dopo 15 anni ci ritroviamo con tanti amministrativi utilizzati annualmente come Dsga ma mai ricollocati professionalmente nel ruolo superiore perché non si fanno i concorsi biennali previsti per legge disapplicando la percentuale di riserva al personale interno. Anief s'impegna a rivedere tutto nel prossimo contratto, appena diventerà rappresentativa a seguito del rinnovo delle rappresentanze sindacali di ogni istituto. 

Anief prosegue i ricorsi gratuiti per far attribuire ai lavoratori il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018 e recuperare cifre molto più cospicue di quelle ridicole in arrivo.

 

 

Come riporta la rivista specializzata, è online il Piano nazionale di formazione docenti 2016-2019 che ha come scopo delineare alcune condizioni attuative della legge di riforma ‘Buona Scuola’. Sono stati costituiti tre gruppi di lavoro che si sono occupati di formazione, ma anche di fare il punto ed elaborare una serie di proposte su: indicatori di qualità, standard professionali, curriculum e portfolio professionale del docente. I lavori hanno riguardato anche l’elaborazione di proposte che puntano alla valorizzazione della professionalità dei docenti.

Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Di una carriera che distingua gli insegnanti in docenti principianti, ordinari ed esperti già se ne parlava nei decreti attuativi della legge n. 53/2003, prima ancora che la legge n. 122/2010 bloccasse gli stipendi di tutti i dipendenti pubblici. Pertanto, prima di affrontare nel prossimo contratto un tema così delicato è necessario assolutamente concentrarsi su problemi urgentissimi, come quello di allineare gli stipendi all’inflazione. L’ultimo contratto 2016/18 firmato dai sindacati confederali prevede aumenti nel 2018 3 volte sotto l’indice IPCA e arretrati 13 volte inferiori allo stesso indice registrato per il 2016-2017”. 

Si ricorda che oggi è l’ultimo giorno per votare il giovane sindacato Anief e ricambiargli la fiducia, visto che da sempre è al fianco dei lavoratori della scuola, in prima linea nella difesa dei loro diritti. Votiamo Anief #Perunascuolagiusta. Costruire un futuro luminoso per la nostra scuola si può.

 

Torna la questione “pettine-coda” nelle Graduatorie a Esaurimento con la vittoria Anief in Corte d'Appello di Bologna per una docente che il Miur non aveva immesso in ruolo nel 2015 da “fase 0” collocandola “in coda” negli elenchi di sostegno per la scuola infanzia.

Il Miur non ha imparato la lezione e torna la questione dell'inserimento nelle graduatorie in base al punteggio posseduto e non al momento di conseguimento del titolo di specializzazione. A farne le spese in tribunale, però, è sempre il Ministero dell'istruzione che viene nuovamente condannato per violazione dell'unico principio che può regolare le Graduatorie a esaurimento: quello del merito costituzionalmente garantito. La Corte d'Appello di Bologna, infatti, ha dato piena ragione agli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Tiziana Sponga e confermato che nelle operazioni di immissione in ruolo del 2015 il Ministero non poteva pretermettere i docenti con maggior punteggio solo perché avevano conseguito il titolo di specializzazione sul sostegno in data successiva al 2014. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “La questione era stata risolta dalla Corte Costituzionale con la storica sentenza n. 41 che abbiamo ottenuto nel 2011 in cui la Consulta si è espressa sull'inserimento dei precari nelle graduatorie 2009/2011 in favore del rispetto del principio del merito e, dunque, dell'inserimento “a pettine” in base al punteggio, ma evidentemente l'amministrazione tende a dimenticare ciò che si può o non si può fare all'interno delle Graduatorie per le immissioni in ruolo e il nostro sindacato è sempre pronto a ricordarglielo, anche ricorrendo nuovamente in tribunale per tutelare il diritto dei lavoratori”.

 

 

Altre dieci sentenze ottenute dai legali Anief riconoscono il diritto dei precari a percepire le medesime progressioni stipendiali dei docenti di ruolo. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): nella contrattazione pari dignità ai lavoratori precari anche per la retribuzione.

In tribunale l'Anief continua a tutelare i diritti dei lavoratori precari della scuola e ottiene altre dieci sentenze che riconoscono l'illegittimità dell'operato del MIUR che nega ai precari le progressioni stipendiali in base all'anzianità di servizio. Presso il Tribunale di Brescia, poi, i legali ottengono anche la declaratoria dell'illegittimità della serie di contratti a termine stipulati con una precaria “storica” e la conseguente condanna del Ministero a risarcirla con ulteriori 7mila Euro oltre gli scatti. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Siamo sempre in prima linea per la tutela dei diritti dei lavoratori della scuola e la nostra battaglia si prefigge, ora, di ottenere le dovute rettifiche al CCNL non solo nella parte economica, ma anche per quanto riguarda i permessi e le altre prerogative. Necessita, inoltre, l'immediata stabilizzazione dei tanti docenti abilitati ancora precari”. L'Anief ha promosso ricorsi mirati per la tutela dei lavoratori precari cui è ancora possibile aderire per ottenere il giusto riconoscimento della propria professionalità; il nostro sindacato, inoltre, invita tutti i lavoratori allo sciopero il 2 e 3 maggio prossimi.

  

Emanata la sentenza TAR Lazio che dà definitivamente ragione ai legali Anief sul ricorso 'pilota' e conferma l'illegittimità della norma contenuta nella “Buona Scuola” e il diritto dei docenti di ruolo a partecipare al concorso a cattedra 2016 e a tutti i concorsi per l'accesso ai ruoli nella scuola pubblica. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): dopo la Corte Costituzionale, anche il TAR ci ha dato ragione e abbiamo ottenuto giustizia per i docenti a tempo indeterminato, ma c'è ancora tanto da fare per portare il rispetto del Diritto e la vera tutela dei lavoratori nelle nostre scuole. 

Dopo la sentenza della Corte Costituzionale n. 251/2017 che confermava l'illegittimità costituzionale dell’articolo 1, comma 110, della cosiddetta “Buona Scuola” (Legge 107/2015), infatti, il TAR Lazio segna la parola “fine” sulla diatriba e ratifica la sconfitta completa del Miur con la conferma che i bandi del concorso a cattedra 2016, nella parte in cui prevedevano che «[a]i concorsi pubblici per titoli ed esami non può comunque partecipare il personale docente ed educativo già assunto su posti e cattedre con contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato nelle scuole statali», “nel restringere irragionevolmente la platea dei partecipanti al pubblico concorso”, confliggono “non solo con l’art. 3 Cost., ma anche con i principi enunciati dagli artt. 51 e 97 Cost.”. La vittoria, tutta targata Anief, è una nuova conferma della solidità delle tesi da sempre sostenute dal nostro sindacato a tutela dei diritti dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato nella scuola statale. 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie