Nel testo approvato ieri sera dal CdM si è andati addirittura sotto i già ridicoli 300-400 milioni di euro di chi si parlava da settimane: è con 6 euro l’anno di aumento a lavoratore statale che quindi il Governo ha intenzione di sedersi quindi al tavolo per ridurre i comparti da 11 a 4, agevolando lo spostamento dei dipendenti soprannumerari da un ministero all’altro e gambizzando rappresentatività dei sindacati minori. E anche di applicare la riforma Brunetta della PA, che prevede l’accesso al merito professionale solo per un dipendente su quattro, con la cancellazione definitiva degli scatti di anzianità.

Marcello Pacifico (presidente Anief e segretario confederale Cisal): siamo alla follia, perchè ai tre milioni di dipendenti pubblici vanno assegnati più di 12 miliardi di euro di arretrati, che corrispondono a 4mila euro di mancata assegnazione dell’indennità di vacanza contrattuale. Sommando i sei anni di mancato rinnovo, hanno infatti perso il 9,3 per cento di salario. Se le cose stanno così, vuole dire che inonderemo i tribunali del lavoro. Perché l’ora delle mancate promesse è finita.

Per aderire al ricorso per il recupero completo degli arretrati vai al LINK.

La Legge di stabilità gela le speranze di 3milioni e 100mila dipendenti statali. Spulciando tra le tabelle del Governo sul testo approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, emerge che i soldi stanziati per il rinnovo dei contratti, fermi da sei anni, sono addirittura pari alla metà della cifra, già irrisoria di 300-400 milioni, trapelata nei giorni scorsi in occasione dell’incontro interlocutorio tenuto dai sindacati all’Aran per la riapertura della trattativa: l’Esecutivo ha infatti approvato lo stanziamento di appena 200 milioni di euro, che corrispondono a 6 euro lordi l’anno di indennizzo.

Con questa cifra ridicola, pari a un trancio di pizza a taglio, il Governo ha intenzione di sedersi quindi al tavolo per ridurre i comparti da 11 a 4, agevolando lo spostamento dei dipendenti soprannumerari da un ministero all’altro e gambizzando rappresentatività dei sindacati minori. E di applicare quel Decreto Legislativo 150/09, la riforma Brunetta della PA, che prevede l’accesso al merito professionale solo per un dipendente su quattro, con la cancellazione definitiva degli scatti di anzianità. Ad iniziare dalla scuola, dove l’unica forma di carriera era proprio l’accesso all’aumento aumento automatico periodico, ma che ora dovrà contare sui 200 milioni di euro annui previsti dalla Legge 107/15, guarda caso la stessa cifra concessa a tutti i dipendenti pubblici, da assegnare ai dipendenti in quota ai dirigenti scolastici.

Secondo Marcello Pacifico, presidente ANIEF e segretario confederale CISAL, “siamo alla follia: ai tre milioni di dipendenti pubblici vanno assegnati più di 12 miliardi di euro di arretrati. Perchè ad ogni lavoratore statale, il minimo che si possa conferire con il rinnovo del contratto sono i 4mila euro di mancata vacanza contrattuale negati in questi anni. E non ci vengano a dire che le intenzioni della Consulta, nel reputare illegittimo il blocco dei contratti e degli stipendi della PA, erano quelle di far valere il mancato adeguamento solo dal momento della sentenza, mandando in fumo sei anni di mancati aumenti”.

“Dal 2009 – continua il sindacalista Anief-Cisal – il costo della vita ha camminato molto di più dell’inflazione, proprio per la mancata applicazione dell’indennità di vacanza contrattuale che adesso va necessariamente indennizzata: si è cominciato a perdere terreno già nel 2009, con una perdita dell’0,7 per cento rispetto allo stipendio; l’anno successivo il gap è stato dell’1,6 per cento; nel 2011 si è saliti al 2,7 di differenza; nel 2011 la perdita salariale ha toccato il 3 per cento. Nel 2013 si è poi registrato un meno 1,1 per cento e lo scorso anno uno 0,2 per cento. Sono dati certificati proprio in questi giorni e pubblicati sulle pagine della stampa specialistica. Sommando i sei anni di mancato rinnovo, siamo giunti a un meno 9,3 per cento di perdita salariale”.

“Non è accettabile, ora, che il Governo stanzi una cifra del genere, appena 200 milioni: se le cose stanno così, vuole dire che inonderemo i tribunali del lavoro. L’ora delle mancate promesse è finita: bisogna prima di subito ripristinare i valori dell’indennità di vacanza contrattuale, che per legge - conclude Pacifico - prevede il pagamento annuale del 50% dell’aumento del costo della vita”.

Tutti i dipendenti pubblici che intendono aderire al ricorso Anief-Cisal possono cliccare su questo LINK.

Per approfondimenti:

Sugli scatti di anzianità non c’è nulla da negoziare: vanno mantenuti per non far sprofondare gli stipendi sotto l’inflazione

Le ore di lavoro degli insegnanti italiani in linea con l’area Ocse: 39 a settimana. La differenza è negli stipendi

Stipendi, i lavoratori della scuola sono la pecora nera dalla PA: meno di loro nessuno

Per finanziare le 140mila assunzioni, il Governo pensa di bloccare per 12 anni gli stipendi dei neo immessi in ruolo. Anief: in arrivo una valanga di ricorsi

Istat: Rapporto annuale 2015

I ricorsi Anief per la stabilizzazione dei precari

Sentenza Corte di Giustizia Europea: cosa fare per ricorrere? Ecco le FAQ

Blocco stipendi, per l’avvocatura dello Stato ha fatto risparmiare 35 miliardi. Anief-Confedir: non è questo il punto, in ballo c’è il diritto UE

Approvato il decreto sulle pensioni. Renzi: "2 miliardi e 180 milioni a 3,7 milioni di persone" (Repubblica – Economia & Finanza, 18 maggio 2015 )

Pa, rischio contratti da 35 miliardi(Il Sole 24 Ore, 5 giugno 2015)

Blocco stipendi Pa: la norma è illegittima, ma non per il passato (Repubblica – Economia & Finanza, 24 giugno 2015)

PA – La Corte Costituzionale boccia il blocco dei contratti, il Governo deve ora trovare 2 miliardi di euro

Madia: “A settembre lo sblocco dei contratti del pubblico impiego” (La Stampa, 28 giugno 2015)

Il Governo promette a breve il rinnovo dei contratti pubblici, ma per tanti dipendenti statali gli aumenti di stipendio potrebbero non arrivare

Statali, Depositata la Sentenza che sblocca i contratti nelle Pa (PensioniOggi.it, 24 luglio 2015)

Italia, retribuzioni in lieve recupero ma non c'è ancora l'effetto statali (Teleborsa, 24 luglio 2015)

Riforma dei contratti, Squinzi: ‘Sindacati ci prendono a schiaffoni, trattativa fallita’ (Il Fatto Quotidiano, 6 ottobre 2015)

Rinnovo dei contratti, il Governo pensa al salario minimo: per 3 milioni di lavoratori sarebbe una beffa

P.a: si apre il tavolo sui comparti (Ansa, 9 ottobre 2015)

Rinnovo del contratto, dopodomani i sindacati convocati all’Aran ma la distanza è abissale: servono 12 miliardi, il Governo offre 300 milioni

Un contratto da 7 euro al mese (Italia Oggi, 13 ottobre 2015)

Stabilità 2016/ Solo 200 milioni per il rinnovo del contratto del pubblico impiego (Il Sole 24 Ore, 16 ottobre 2015)

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari