770X100-ricorso-ds2

Il direttivo Anief ha deciso di impugnare, per le stesse motivazioni e sempre alla Commissione Europea, la parte della Legge 107/15 relativa alla stipula dei contratti a tempo indeterminato che espelle, anziché stabilizzare, decine di migliaia di docenti precari e Ata che hanno svolto oltre 36 mesi di servizio: a dirlo oggi a Salerno è stato Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal, in avvio del Consiglio nazionale Cisal dedicato al tema del “Lavoro che non c’è”.

Il sindacalista ha ricordato che a sostenere questa tesi sono ormai anche i giudici del lavoro, come quelli di Lanciano che in questi giorni hanno condannato il Miur a risarcimenti superiori a mezzo milione di euro nei confronti di 54 docenti e Ata non stabilizzati, proprio per l’abuso dei contratti a termine. E sono migliaia ancora oggi i ricorsi pendenti al giudice del lavoro - per ottenere il risarcimento del danno, scatti anzianità ed estensione dei contratti - in attesa della sentenza della Consulta. I nostri legali sono pronti ad una nuova battaglia in ogni grado di giudizio. Sino a costo di arrivare di nuovo alla Corte di Giustizia di Lussemburgo.

“Sull’abuso del precariato non è stata la Buona Scuola approvata in estate, ma la sentenza Mascolo emessa nel novembre scorso dalla curia europea, che ha permesso di archiviare la procedura d’infrazione avviata nel 2010 a Bruxelles a seguito dell’intervento del sindacato. Comunque la partita non è chiusa, perchè il direttivo Anief ha deciso di impugnare, per le stesse motivazioni e sempre alla Commissione Europea, la parte della Legge 107/15 relativa alla stipula dei contratti a tempo indeterminato”. Lo ha detto oggi Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal, prima che prendesse avvio a Salerno il Consiglio nazionale Cisal, in programma sino a domenica, dedicato al tema del “Lavoro che non c’è”.

“Poiché nelle legge di riforma della scuola manca la previsione della stabilizzazione del personale Ata e sono addirittura espulsi i precari dalla scuola dopo 36 mesi di servizio – ha spiegato Pacifico –, per noi la procedura d’infrazione non può essere considerata chiusa. Francamente, con la pubblicazione della sentenza Mascolo del 26 novembre 2014, che ha dichiarato incompatibile con il diritto della Unione Europea la legislazione italiana vigente sino a quella data, ci saremmo aspettati un adeguamento normativo e di fatto da parte dello Stato italiano. Il quale, però, a distanza di un anno, è arrivato solo parzialmente”.

Il problema è che al contrario di quanto dichiarato dal ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, sulla chiusura della procedura Ue sul precariato, secondo la quale “con la Buona Scuola interrompiamo la pratica di utilizzare i contratti a tempo determinato, in modo reiterato, per coprire posti che risultano vacanti”, la Legge 107/15 ha è risposto in modo insoddisfacente alle direttive Ue e alle indicazioni di Lussemburgo. Perché il piano straordinario di immissioni in ruolo della Buona Scuola ha escluso, in modo ingiustificato, ampie fette di personale, docente e Ata. Inoltre, è stato incluso un fondo per il risarcimento sull’abuso dei contatti a termine, dando così ragione ei rilievi mossi dai giudici della Corte di Giustizia europea, ma poco più che simbolico: basterà a coprire solo i primi 500 ricorrenti Anief.

“Al di là dei trionfalismi del ministro – continua Pacifico -, la verità è che oggi nella scuola permangono decine di migliaia di posti vacanti, coperti ancora con le supplenze del personale docente. Addirittura, tutto il personale Ata, da cui è derivata quasi sei anni fa la richiesta d’infrazione a Bruxelles, è stato irrazionalmente escluso dal piano straordinario. E sempre a fronte di diverse migliaia di posti privi di titolare. A sostenere questa tesi sono ormai anche i giudici del lavoro, come quelli di Lanciano che in questi giorni hanno condannato il Miur a risarcimenti superiori a mezzo milione di euro nei confronti di 54 docenti e Ata non stabilizzati, proprio per l’abuso dei contratti a termine”.

Entrando nel dettaglio, Anief reputa contraddittorio che il comma 132 della Legge 107/2015 preveda l’istituzione di “un fondo per i pagamenti in esecuzione di provvedimenti giurisdizionali aventi ad oggetto il risarcimento dei danni conseguenti alla reiterazione di contratti a termine per una durata complessiva superiore a trentasei mesi, anche non continuativi, su posti vacanti e disponibili, con la dotazione di euro 10 milioni per ciascuno degli anni 2015 e 2016”, ma che nel comma precedente indichi anche che “a decorrere dal 1 settembre 2016, i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati, con il personale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario presso le istituzioni scolastiche ed educative statali, per la copertura di posti vacanti e disponibili, non possono superare la durata complessiva di trentasei mesi, anche non continuativi”.

“Vietare dal prossimo anno le supplenze ai precari dopo 36 mesi di servizio, piuttosto che prevedere la loro assunzione – continua il sindacalista Anief-Cisal - è palesemente in contrasto con il diritto dell’Unione Europea e per questa ragione sarà impugnato dai nostri legali in ogni grado di giudizio. Fino ad arrivare nuovamente alla Corte di Giustizia di Lussemburgo. Sono migliaia ancora oggi i ricorsi pendenti al giudice del lavoro, in attesa della sentenza della Consulta, slittata nel frattempo alla prossima primavera: sono tutti stati depositi dal nostro sindacato per ottenere il risarcimento del danno, scatti anzianità ed estensione dei contratti sia per il personale docente inserito nelle GaE e nelle graduatorie d’Istituto. Come anche per il personale Ata. I fatti, non le promesse non mantenute, - conclude Pacifico – ci daranno ragione”.

Per informazioni e adesioni ai ricorsi Anief, finalizzati ad ottenere la stabilizzazione, gli scatti di anzianità e l’estensione dei contratti stipulati, cliccare qui.

Per approfondimenti:

RIFORMA – Il ministro non conosce la scuola o bluffa: come fa a dire che le scuole non dovranno più chiamare i precari? La realtà è che a settembre avremo ancora 100mila supplenze

Riforma, per realizzarla sarà decisivo il parere dei Collegi dei docenti: Anief avvia i seminari informativi per aiutare gli insegnanti a votare in modo consapevole

Come si ricorre con Anief per chiedere l’inserimento a pettine in Seconda Fascia G.I. ABILITATI e ABILITANDI

Precariato, la Commissione UE risponde alla prima denuncia: le assunzioni non sono un “regalo” del Governo, ma imposte da Bruxelles

DDL Scuola – Sono 70mila i precari che ricorreranno in tribunale: chi ha frequentato i corsi di abilitazione Pas o i Tfa ha diritto all’assunzione, non a pillole amare presentate come regali

Sì alla cattedra anche se è lontana ma uno su cinque rifiuta il posto (La Repubblica del 14 agosto 2015)

Piano straordinario di assunzioni: è migrazione da Sicilia e Campania. Un docente su cinque sarà assunto in una regione diversa da quella scelta

Sono 15mila i posti che rimarranno scoperti, il Miur deve allargare le immissioni in ruolo agli abilitati fuori GaE

Piano straordinario delle assunzioni: è scandalo, mancano 10 mila docenti di matematica e di sostegno ma la colpa è del Governo

L’organico potenziato nasce zoppo: tra i 5 e i 10mila posti rimarranno scoperti

Ocse chiede di potenziare la matematica in classe puntando su docenti preparati, l’Italia ce li ha ma continua a tenerli precari con migliaia di posti liberi

I posti non assegnati in organico aggiuntivo non potranno andare a supplenza annuale, ma al Miur non lo sanno

Il ministro Giannini dispensa tranquillità sull’avvio del nuovo anno, ma dimentica di dire che i veri assunti saranno appena 40mila: rimane vivo il problema del precariato

Emiliano padrino dei precari: "la buona scuola fa soffrire per voi affitti e treni scontati" (La Repubblica del 28 agosto 2015)

Il paradosso della mancanza dei prof di sostegno, l’anno parte con 3.671 assunzioni perse e i dirigenti che non sanno a chi dare le cattedre: eppure ci sono 12mila specializzati che rimarranno supplenti

SCUOLA – Assunzioni, 2 precari su 3 della fase B pronti a fare le valigie: boom di trasferimenti da Sud a Nord

Scuola, il dilemma dei professori. Hanno dieci giorni per decidere: andare via da casa oppure rinunciare all’assunzione. “Aspetterò un altro anno. E farò ricorso” (Corriere della Sera del 3 settembre 2015)

L’algoritmo-lotteria che sceglie i prof (Corriere della Sera del 4 settembre 2015)

Assunzioni, il piano è fallito: alla fine saranno immessi in ruolo 80mila precari su 150mila iniziali. E la metà dovrà pure spostarsi di regione

Fase C, tra i precari cresce l’agitazione: c’è chi rischia di non essere assunto (Il Secolo XIX dell’11 settembre 2015)

Precariato, la resa del ministro Giannini: anche quest’anno ci saranno 100mila supplenti, per studenti e famiglia continua il caos

Piano straordinario assunzioni: il Miur rifiuta le domande cartacee di 9mila docenti abilitati, ma il tribunale si deve ancora pronunciare

ASSUNZIONI SCUOLA – Miur al lavoro per preparare la lotteria di Capodanno: entro pochi giorni assegnati alle scuole 55mila nuovi docenti con un nuovo algoritmo, in tanti per insegnare materie a loro oscure

Assunzioni, domani via e-mail la proposta a 55mila docenti: l’algoritmo del Miur deciderà disciplina e provincia. Il sindacato si rivolge al Tar per mancata trasparenza

48.794 docenti precari hanno solo quarantottore per dire sì all’assunzione: comunque vada, saranno 16mila i posti che andranno persi

Abuso precariato: commissione UE archivia infrazione Italia (Orizzonte Scuola del 19 novembre 2015)

20 novembre 2015                                                                                                      Ufficio Stampa Anief  

                                                                                                                                                    www.anief.org

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie