770 px Mobilita 2017 2

La richiesta è giunta nel corso del consiglio nazionale della ‘Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori’, che si sta svolgendo presso il salone delle conferenze del Grand Hotel di Salerno: servono modifiche alla Camera su contratti, pensioni, liquidazioni e precariato.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): presentarsi ad un rinnovo di contratto con la miseria di 8 euro lordi di aumento a dipendente pubblico dopo sei anni di blocco stipendiale (che la Consulta ha anche reputato illegittimo), è una vergogna nazionale: dai nostri calcoli, un incremento equo deve essere almeno pari a 100 euro per la mancata assegnazione di indennità di vacanza contrattuale e 200 euro di vero e proprio aumento in busta paga. Sotto queste soglie, il costo della vita continuerà a sovrastare le buste paga degli statali. Lasciando i consumi al minimo. Governo farebbe bene ad ascoltare la piazza, anziché ostinarsi nel far approvare in Parlamento riforme a perdere come quella della Buona Scuola. L’Italia ha bisogno di un nuovo welfare più orientato al reddito, alla sanità, alla scuola, alla formazione e al sociale.

Cambiare in extremis la Legge di Stabilità, alla Camera, inserendo interventi a favore dei lavoratori: in caso contrario la mobilitazione sarà inevitabile. E dichiararlo è stato oggi Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal, durante il consiglio nazionale della ‘Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori’, che si sta svolgendo presso il salone delle conferenze del Grand Hotel di Salerno.

“Non è possibile continuare a sfruttare milioni e milioni di lavoratori italiani, riducendo gradualmente i loro diritti e stipendi: è una prassi che deve terminare, perché lede anche la Costituzione e la normativa europea”, ha detto Pacifico ricevendo gli applausi dei presenti.

Il sindacalista ha quindi affrontato, punto per punto, i passaggi ineludibili per risollevare le sorti dei cittadini lavoratori, precari e pensionati: “il Governo farebbe bene ad ascoltare la piazza, anziché ostinarsi nel far approvare in Parlamento riforme a perdere come quella della Buona Scuola. L’Italia ha bisogno, piuttosto, di un nuovo welfare più orientato al sostegno al reddito, alla sanità, alla scuola, alla formazione e al sociale. Ad iniziare dalla valorizzazione dello sviluppo del patrimonio culturale, al fine di rilanciare l’economia, produrre ricchezza e cancellare i veri sprechi, oltre che combattere con tutte le forze l’evasione fiscale”.

“Questi passaggi sono raggiungibili – ha aggiunto Pacifico – senza sacrificare i diritti acquisiti di chi lavora, come i dipendenti pubblici, i primi danneggiati dalla crisi economica. Il Governo deve comprendere che la riforma delle riforma è la salvaguardia del benessere di tutti i suoi cittadini, non escludendo quindi i lavoratori, sia in forza alla Stato sia privati. Presentarsi ad un rinnovo di contratto, come vuole fare l’Esecutivo Renzi con la Legge di Stabilità 2016, appena approvata dal Senato e presto al vaglio della Camera, con la miseria di 8 euro lordi di aumento a dipendente pubblico dopo sei anni di blocco stipendiale (che la Consulta ha anche reputato illegittimo), è una vergogna nazionale: dai nostri calcoli, un incremento equo deve essere almeno pari a 100 euro per la mancata assegnazione di indennità di vacanza contrattuale e 200 euro di vero e proprio aumento in busta paga. Sotto queste soglie, il costo della vita continuerà a sovrastare le buste paga degli statali. Lasciando i consumi al minimo”.

Il rappresentante Anief-Cisal ha quindi affrontato il nodo delle pensioni: “pure queste vanno incrementate con aumenti di questa portata, in particolare gli assegni di quiescenza attorno ai 1.500 euro mensili. Come non è possibile decurtare le pensioni, come intende fare il Governo, di un altro 2%. E condannare i nuovi assunti a lavorare 43 anni per percepire una pensione più bassa della sociale. Tornando ai dipendenti pubblici, lo stipendio trarrebbe poi giovamento dalla cancellazione della trattenuta illegittima del trattamento di fine rapporto, come del resto già avviene nel privato”.

Il sindacato, sempre sul Tfr, ha ricordato le diverse recenti espressioni dei giudici favorevoli ai ricorrenti, giunte dopo che la Corte Costituzionale, attraverso la sentenza 223 dell’8 ottobre 2012, ha incasellato come illegittima l’operazione “nella parte in cui non esclude l’applicazione a carico del dipendente della rivalsa pari al 2,50% della base contributiva, prevista dall’art. 37, comma 1, del dPR 1032/73”. Concetto poi ribadito lo scorso anno dalla Consulta con una seconda sentenza: la n. 244/2014.

Pacifico ha toccato anche altri punti critici della legge di bilancio di fine anno: “non è possibile – ha detto – che vengano eliminati i patronati e il loro prezioso servizio alla cittadinanza, a meno che lo Stato non si faccia carico di realizzare le dichiarazioni dei redditi. A tal proposito, è giunto il momento di farla finita di far quadrare i conti con iper-tassazioni nei confronti dei redditi minimi e medi. Il futuro di un paese moderno quale è l’Italia – ha concluso il sindacalista – passa inevitabilmente per questo genere di provvedimenti. Altrimenti, toccherà all’Europa intervenire perché vengano applicati. Come è accaduto con la sentenza Mascolo del 26 novembre 2014, che ha aperto le porte della stabilizzazione a centinaia di migliaia di precari, con oltre 36 mesi di servizio svolto, che altrimenti per il nostro Stato sarebbero dovuti rimanere supplenti a vita”.

Per approfondimenti:

Sugli scatti di anzianità non c’è nulla da negoziare: vanno mantenuti per non far sprofondare gli stipendi sotto l’inflazione

Le ore di lavoro degli insegnanti italiani in linea con l’area Ocse: 39 a settimana. La differenza è negli stipendi

Stipendi, i lavoratori della scuola sono la pecora nera dalla PA: meno di loro nessuno

Per finanziare le 140mila assunzioni, il Governo pensa di bloccare per 12 anni gli stipendi dei neo immessi in ruolo. Anief: in arrivo una valanga di ricorsi

Istat: Rapporto annuale 2015

I ricorsi Anief per la stabilizzazione dei precari

Sentenza Corte di Giustizia Europea: cosa fare per ricorrere? Ecco le FAQ

Blocco stipendi, per l’avvocatura dello Stato ha fatto risparmiare 35 miliardi. Anief-Confedir: non è questo il punto, in ballo c’è il diritto UE

Approvato il decreto sulle pensioni. Renzi: "2 miliardi e 180 milioni a 3,7 milioni di persone" (Repubblica – Economia & Finanza, 18 maggio 2015 )

Pa, rischio contratti da 35 miliardi(Il Sole 24 Ore, 5 giugno 2015)

Blocco stipendi Pa: la norma è illegittima, ma non per il passato (Repubblica – Economia & Finanza, 24 giugno 2015)

PA – La Corte Costituzionale boccia il blocco dei contratti, il Governo deve ora trovare 2 miliardi di euro

Madia: “A settembre lo sblocco dei contratti del pubblico impiego” (La Stampa, 28 giugno 2015)

Il Governo promette a breve il rinnovo dei contratti pubblici, ma per tanti dipendenti statali gli aumenti di stipendio potrebbero non arrivare

Statali, Depositata la Sentenza che sblocca i contratti nelle Pa (PensioniOggi.it, 24 luglio 2015)

Italia, retribuzioni in lieve recupero ma non c'è ancora l'effetto statali (Teleborsa, 24 luglio 2015)

Riforma dei contratti, Squinzi: ‘Sindacati ci prendono a schiaffoni, trattativa fallita’ (Il Fatto Quotidiano, 6 ottobre 2015)

Rinnovo dei contratti, il Governo pensa al salario minimo: per 3 milioni di lavoratori sarebbe una beffa

P.a: si apre il tavolo sui comparti (Ansa, 9 ottobre 2015)

Rinnovo del contratto, dopodomani i sindacati convocati all’Aran ma la distanza è abissale: servono 12 miliardi, il Governo offre 300 milioni

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie