770X100-ricorso-ds2

 

La nota n. 2805 dell’11 dicembre emessa dal Ministero dell’Istruzione, oltre che giunta fuori tempo massimo, non chiarisce, né tanto meno risolve, diversi punti oscuri del farraginoso impianto venutosi a creare con la Legge 107/15. Come è possibile dare la “priorità all'attività progettuale”, dal momento in cui nelle scuole quest’anno sono stati spalmati 48mila docenti neo-assunti che in gran parte non avevano richiesto?

Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): si tratta di immessi in ruolo al buio, catapultati nelle scuole senza ancora aver realizzato il Piano triennale dell’offerta formativa, la cui stesura si realizzerà solo tra un mese. È come se si realizza una casa partendo dal tetto e non dalle fondamenta. Tra le contraddizioni che stiamo vivendo permane poi l’assenza del personale Ata nel piano di reclutamento. E che dire della possibilità data ai collegi dei docenti di scegliere i docenti, in modo gerarchico, tra sette aree disciplinari, per poi inviare quelli c’erano a disposizione? La frittata dell’amministrazione sarà poi completata a giugno, quando verranno istituti gli ambiti territoriali. Nel frattempo, quasi tutti i docenti immessi in ruolo con il potenziamento della fase c) faranno i tappabuchi.

Il Ministero dell'istruzione fornisce le attese indicazioni sull'elaborazione del PTOF, il Piano Triennale dell'Offerta Formativa previsto dal comma 14 della Legge 107/2015, che dovrà essere approvato entro il 16 gennaio. Tuttavia, la comunicazione ufficiale, la nota n. 2805 dell’11 dicembre, oltre che giunta fuori tempo massimo, non chiarisce né tantomeno risolve diversi punti oscuri del farraginoso impianto creato con la riforma.

Anzi, le indicazioni fornite dal Miur moltiplicano ancora di più le contraddizioni. Ad iniziare dal dato sulla previsione del fabbisogno di organico, che “nel PTOF dovrà tenere conto anche delle necessità legate alle supplenze, ma dando priorità all'attività progettuale”, scrive la rivista Orizzonte Scuola. Si tratta, tuttavia, di una richiesta impossibile da realizzare, perché le scuole quest’anno si ritrovano per lo più personale aggiunto, attraverso la fase c) del potenziamento, circa 48mila nuovi assunti, che però non avevano richiesto.

“Sono docenti precari assunti al buio – spiega il presidente Anief, Marcello Pacifico – catapultati nelle scuole senza ancora aver realizzato il Piano triennale dell’offerta formativa, la cui stesura si realizzerà solo tra un mese. È come se si realizza una casa partendo dal tetto e non dalle fondamenta. E non c’è solo questo. Perché se sembra facile comprendere il futuro meccanismo di reclutamento affidato ai dirigenti scolastici e le conseguenze sui docenti assunti con il potenziamento degli istituti e sugli oltre 100mila che faranno domanda di mobilità, grosse nuvole si addensano sulla copertura dell’effettivo fabbisogno di organico espresso dalle singole scuole autonome in rapporto all’individuazione dei posti contra legem relativi al futuro concorso a cattedra. Questi, infatti, sono stati definiti dall’amministrazione centrale, senza tenere conto delle richieste delle scuole”.

“E lo stesso metro contraddittorio – continua Pacifico – è stato adottato pure per la scelta del personale da assumere. Perché se è assodato che nella scuola il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario è fondamentale, non si comprende perché con la riforma non è stato assunto nemmeno un Ata. Perché senza di loro non è possibile prevedere attività didattiche e progettuali. Né tantomeno attuare quell’autonomia degli istituti che la Legge 107 sembrava volesse ampliare”.

“A tal proposito – dice ancora il presidente Anief – ci chiediamo come sia stato possibile chiedere ai collegi dei docenti del personale docente, scegliendolo su sette aree disciplinari, molto ‘larghe’, comprendenti oltre 150 classi di concorso. Perché se è vero che le aree sono state prescelte dalle scuole con modalità gerarchica, dalla prima all’ultima, alla fine della fiera agli istituti sono stati assegnati i docenti precari disponibili nelle graduatorie. Con tantissimi casi di docenti approdati nelle scuole abilitati in discipline diverse da quelle che servivano. Ma non solo. Perché tutto ciò è avvenuto senza le indicazioni del nuovo Pof, che infatti verrà varato solo a metà gennaio”.

“La frittata dell’amministrazione sarà poi completata a giugno, quando verranno istituti gli ambiti territoriali. Con una mobilità che si prospetta senza precedenti, per mole come per disorganizzazione. Con i neo assunti della riforma rimescolati nella centrifuga dei trasferimenti più o meno coatti. Nel frattempo, quasi tutti i docenti immessi in ruolo con il potenziamento della fase c) faranno i tappabuchi. Francamente – conclude Pacifico - parlare di miglioramento dell’offerta formativa in questa situazione appare davvero bizzarro”.

Per approfondimenti:

Come si ricorre con Anief per chiedere l’inserimento a pettine in Seconda Fascia G.I. ABILITATI e ABILITANDI

Precariato, la Commissione UE risponde alla prima denuncia: le assunzioni non sono un “regalo” del Governo, ma imposte da Bruxelles

DDL Scuola – Sono 70mila i precari che ricorreranno in tribunale: chi ha frequentato i corsi di abilitazione Pas o i Tfa ha diritto all’assunzione, non a pillole amare presentate come regali

DDL Scuola – Il maxiemendamento non risolve nulla: tagliate fuori le nuove generazioni di docenti

Riforma scuola, i profili di incostituzionalità nel ddl ‘Buona Scuola’ (Il Fatto Quotidiano del 29 giugno 2015)

DDL Scuola – Sulle assunzioni è caos: avverranno ad anno scolastico iniziato ed 1 precario su 2 avrà solo la nomina giuridica, poi sarà scelto dal preside il prossimo anno

DDL Scuola – Riforma a vele spiegate verso l’approvazione finale, l’anno scolastico si aprirà all’insegna di disagi e caos

DDL SCUOLA – Le assunzioni di 100mila docenti precari si giocano col ballottaggio tra le fasi A, B e C: in tanti faranno ricorso in tribunale

DDL SCUOLA – Precariato, la riforma rinnega la Corte di Giustizia europea: per decine di migliaia di precari niente assunzioni e addio supplenze

La Circolare Miur A00DGPER 0019400 del 3 luglio 2015: Anno scolastico 2015/2016 - adeguamento degli organici di diritto del personale docente alle situazioni di fatto

Il Miur emana la circolare sugli organici, ignorando la riforma che sta per essere approvata: entro l’11 luglio i dirigenti dovranno rispondere con i vecchi parametri

Organico di fatto, le tabelle per Regioni. Tagliati 2.145 posti (Orizzonte Scuola dell’8 luglio 2015)

Con la riforma 5 insegnanti in più ad istituto dal 2016, intanto però il Miur decide che a settembre ogni due scuole salterà un dipendente

Estate rovente nei tribunali, i giudici inseriscono 4mila diplomati magistrale nelle GaE: è l’inizio dello tsunami di prof abilitati che chiedono l’assunzione

Grazie ai “buchi” della riforma e ai vincoli del Mef nuovo anno a rischio caos: tutto tace su assunzioni Ata, presidi senza vicari e assistenti amministrativi che faranno i Dsga

Assunzioni, inizia settimana di passione: entro venerdì 100mila devono decidere se aderire al piano sfascia-famiglie. E chi vuole mettersi in gioco rimane fuori.

POF triennale, ci sarà un modello unico per tutte le scuole. Pronta la circolare ministeriale (Orizzonte Scuola dell’11 agosto 2015)

Il POF cambia, c’è il modello unico (Italia Oggi dell’11 agosto 2015)

Vicepresidi, siamo alla farsa: il Mef li manda in classe, ma il Miur invita i dirigenti scolastici a dargli gli esoneri disapplicando la riforma

Piano Triennale Offerta Formativa, guida Ministero: superamento organico di diritto e di fatto, posti comuni e potenziamento (Orizzonte Scuola dell’11 dicembre 2015)

12 dicembre 2015                                                                                                              Ufficio Stampa Anief

                                                                                                                                              www.anief.org

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie