Anche a fronte di un considerevole incremento di allievi a livello nazionale, l’amministrazione – sempre sotto pressione del Mef per limitare le spese - non viene meno alla decisione di eliminare oltre 2mila amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici. Dando seguito all’incredibile “dimenticanza” nella riforma 107/2015, nella quale non è stata prevista alcuna forma di carriera professionale, né un’immissione in ruolo.

Marcello Pacifico (presidente Anief): continuare a cancellare posti di personale Ata rappresenta un errore che potrebbe costare caro. È un paradosso, perché così si mina una delle sezioni centrali della riforma, nella parte in cui prevede un’accelerazione verso l’autonomia degli istituti, anche attraverso l’immissione in ruolo di circa 50mila docenti ‘potenziatori’. Da chi verrebbe supportato – a livello tecnico, di segreteria, sorveglianza e pulizia – questo surplus di lavoro? Anche perché sono due anni che per questi lavoratori, dimenticati dallo Stato, non si fa nemmeno una stabilizzazione. Nemmeno per coprire il turn over.

 

Ci risiamo: il Ministero dell’Istruzione continua ad essere nel mirino del Mef ed ancora una volta è costretto a ridurre gli organici del personale scolastico, pur in presenza di un maggiore numero di alunni. È notizia di queste ore che con il prossimo anno scolastico, pur in presenza di 8.687 alunni in più (7.735.688 contro i 7.727.001 dell’anno in corso), assisteremo comunque al taglio programmato di 2.020 posti di lavoro riguardanti gli assistenti amministrativi, i tecnici e i collaboratori scolastici.

“I tagli – dice la rivista Orizzonte Scuola - fanno riferimento alla finanziaria 2015, mentre il nuovo regolamento sugli organici ATA prevede una programmazione triennale. Programmazione che, però, potrebbe vedere anche un adeguamento con conseguenze nell'organico di fatto”. Operazione che, al momento non sembra affatto risultare nelle intenzioni del Dicastero di Viale Trastevere. Anief ricorda, inoltre, che la categoria Ata quest’anno è stata fortemente penalizzata anche dal comma 332 dellaLegge di Stabilità 2015(Legge 190/14 art. 1), che ha introdotto i tagli alle supplenze “brevi” tra il personale, solo parzialmente superata grazie alla nota n. 2116 del 30 settembre 2015.

“Riteniamo questo modo di procedere da parte del Miur – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – del tutto inappropriato, che purtroppo rientra nei paradossi della Buona Scuola del governo. Perché continuare ad eliminare posti di personale Ata in questo momento, pur di assolvere a dei micro-risparmi per le casse dello Stato, rappresenta un errore strategico che potrebbe costare caro alla stessa amministrazione: l’ennesima operazione risparmio andrà infatti a minare una delle sezioni fondamentali della riforma, la Legge 107/2015, nella parte in cui prevede una spinta ulteriore verso l’autonomia degli istituti, anche attraverso l’immissione in ruolo di circa 50mila docenti cosiddetti ‘potenziatori’”.

Perché a fronte di queste assunzioni di insegnanti, realizzate attraverso la fase C del piano straordinario della Buona Scuola, non si è compiuta nemmeno una stabilizzazione di personale amministrativo, tecnico e ausiliario. Viene da chiedersi chi dovrebbe, quindi, portare avanti il lavoro di segreteria, pulizia e sorveglianza, oltre che di predisposizione e assistenza tecnica, dei progetti e delle attività aggiuntive approvate dagli organi collegiali scolastici e finanziate con il ‘bonus’ annuale, sempre previsto dalla riforma, pari in media a 23mila euro a scuola.

“Eppure – continua Pacifico – il potenziamento dell’organico Ata era indicato nella stessa riforma 107. Sia incrementando il personale addetto alla pulizia e sorveglianza, sia attraverso il supporto ai progetti e alla didattica innovativa. Venire meno a questo, significa mettere in seria crisi l’attuabilità del valore aggiunto che la Buona Scuola avrebbe dovuto portare all’interno delle scuole autonome. Arrivare, come sta accadendo ora, addirittura a tagliare più di 2mila posti, dopo che l’ultimo governo Berlusconi ne cancellò quasi altri 47mila a seguito dei numerosi dimensionamenti, è una contraddizione che potrebbe portare ad un conto salato sul fronte del servizio scolastico”.

“Anche perché – dice ancora il presidente Anief -, oltre al danno sulle attività aggiuntive, che verrebbero ‘gambizzate’, ci sono decine di migliaia di posti liberi da coprire attraverso il precariato. E pure su questo fronte il Miur non si smentisce, perché nei giorni scorsi l’amministrazione ha annunciato la miseria di 5mila assunzioni, dopo che per due anni non ne è stata realizzata nemmeno una. Dopo che nel 2015, l’anno della Buona Scuola, sono state addirittura congelate le 6.200 stabilizzazioni già approvate e finanziate, per assolvere al turn over, per via dell’ipotesi, mai portata a compimento, di delegare quei posti al personale da collocare a seguito della dismissione delle province”.

Il giovane sindacato di fronte a tutto questo ha sempre lottato: anche in quest’anno scolastico appena concluso, quando ha deciso di passare alle vie di fatto, presentando prima una class action e poi apposito ricorso al Tar, contro la Nota 27715 del 28 agosto 2015, attraverso cui l’amministrazione ha congelato le stabilizzazioni, già programmate e finanziate, di oltre 6.200 Ata, sempre per l’improbabile passaggio del personale soprannumerario delle province su quei posti. Con l’intenzione di chiedere pure i danni prodotti al personale scolastico.

 

 

 

 

Per approfondimenti:

Qui di seguito, si elencano i ricorsi a favore del personale Ata. Le adesioni si attiano on line, direttamente dal portale Anief, cliccando sui seguenti link:

Class action per lo sblocco delle assunzioni ATA

Class action per l’avvio del concorso per Dsga

Class action per lo sblocco delle assunzioni del personale educativo

Ricorso per la stabilizzazione del personale ATA

Ricorso per la stabilizzazione di chi ha svolto la funzione di DSGA per almeno 36 mesi

 

 

 

 

Comunicati e articoli correlati:

 

Grazie ai “buchi” della riforma e ai vincoli del Mef nuovo anno a rischio caos: tutto tace su assunzioni Ata, presidi senza vicari e assistenti amministrativi che faranno i Dsga

Le 6.243 assunzioni Ata dirottate alle province. Ultimatum Anief al Miur: se entro lunedì non arriva la smentita, parte class action e scriviamo alla Commissione UE

Mancate assunzioni personale Ata, dal Miur una risposta minimale: Anief avvia il contenzioso

ANIEF avvia class action contro MEF e MIUR per sbloccare 6 mila assunzioni del personale ATA ed educativo sul turn over

Il personale Ata non è figlio di un dio minore: dimenticato dalla riforma, niente assunzioni, supplenze brevi e concorsi

Miur dà facoltà ai presidi di sostituire i bidelli anche dal primo giorno: vittoria del sindacato, ma ora si faccia altrettanto con amministrativi e tecnici

Scuola, l'ultimo fronte: se i bidelli si ammalano si rischia la chiusura (La Repubblica del 16 settembre 2015)

Contro il personale Ata è in atto una vera persecuzione. Anief: così salta la riforma da attuare nelle scuole

Posizioni economiche ATA, c'è il via da parte del Ministero dell'economia

Personale Ata, Anief predispone i ricorsi e il Miur sembra voler correre ai ripari: in cantiere aumenti per 2.300 lavoratori, 7mila assunzioni e lo sblocco dei contratti dei supplenti annuali

Personale Ata, il Miur annuncia assunzioni-mini: Anief incontra 2mila lavoratori e dice basta alle manovre di facciata

ATA, aumento alunni + 8687, ma confermati tagli al personale (Orizzonte Scuola dell’8 giugno 2016)

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari