770X100-ricorso-ds2

Nella Legge di Bilancio non vi è alcun cenno alla copertura economica per le tanto annunciate immissioni in ruolo del personale ATA, né all’atteso concorso per Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi che, nei giorni scorsi, sembrava a un passo dal compimento. Questi, invece, i provvedimenti dati per sicuri: si prevede che con 200milioni di euro, 20-25mila cattedre si spostino dall’organico di fatto a quello di diritto e lo stanziamento di 300 milioni per finanziare le "deleghe" della Buona Scuola. Altri 100 milioni sono per gli istituti paritari; una quota ancora da definire prevede il potenziamento degli Istituti tecnici superiori e la decontribuzione per le aziende che assumono i giovani diplomati; 5 milioni di euro serviranno, ancora, a rafforzare l'Orientamento nelle scuole.  

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): chi governa continua a pensare che i tanti progetti e responsabilità introdotti con la scuola dell’autonomia si possano attuare caricando di ulteriori gravosi computi le attuali segreterie degli istituti, nonché i tecnici di laboratorio e i collaboratori scolastici, oggi già in servizio, oberati di lavoro. Davamo per scontato che la Legge di Stabilità contenesse dei finanziamenti a tale scopo: si continua, invece, a rimandare così come è avvenuto con il Concorso per Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi, atteso da più di 20 anni, annunciato nei giorni scorsi, ma neanche stavolta finanziato.

 

Neppure la Legge di Stabilità rende giustizia al personale Ata della scuola: dopo le mancate assunzioni dalla Buona Scuola che non ha previsto che una assunzione di amministrativi, tecnici e ausiliari, anche la legge di bilancio di fine 2016 si conferma su questa assurda linea. Così, promesse a parte, si rimane fermi ai 47mila tagli in tre anni conseguenti al dimensionamento della riforma Gelmini-Tremonti e alla cancellazione di oltre 2mila posti del Governo Renzi; delle 40mila assunzioni di Ata (la metà su posti normali, l’altra metà sul potenziamento degli istituti) non vi è, invece, alcuna traccia.

“Al Governo, come a Viale Trastevere – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - continuano a pensare che i tanti progetti e responsabilità introdotti con la scuola dell’autonomia si possano attuare caricando di ulteriori gravosi computi le attuali segreterie degli istituti, nonché i tecnici di laboratorio e i collaboratori scolastici, oggi già in servizio, oberati di lavoro. Davamo per scontato che la Legge di Stabilità contenesse dei finanziamenti a tale scopo: la logica dei nostri governanti, evidentemente, è un’altra ossia quella di chi rimanda sine die le risoluzioni dei problemi come è avvenuto, del resto, con il Concorso per Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi, atteso da più di 20 anni, annunciato nei giorni scorsi, ma neanche stavolta finanziato”.

A proposito del concorso per Dsga, secondo fonti non ufficiali, i posti liberi sarebbero 1.221 (su 8.072 posti in organico di diritto). Le assunzioni sono state 216; i posti restanti potrebbero essere, quindi, divisi tra bando per concorso DSGA (le cui graduatorie sono esaurite) e la mobilità professionale verticale che si sbloccherebbe di conseguenza. Secondo la rivista Orizzonte Scuola, si tratta “di un concorso molto atteso, già da anni relativamente a una categoria che negli anni ha visto una decurtazione di posti e un accantonamento a seguito della chiusura delle province”.

Anief ricorda, infine, che in base alle informazioni pervenute sino ad oggi, sarebbero solo i seguenti provvedimenti ad essere contenuti nella Legge di Stabilità 2017, già approvata dal Consiglio dei Ministri: la trasformazione di 20-25mila cattedre dall’organico di fatto a quello di diritto, attraverso il finanziamento di 200 milioni di euro;  lo stanziamento di 300 milioni per finanziare le "deleghe" previste dalla Buona Scuola, in particolare quella relativa alla riforma della formazione tra 0 e 6 anni. Altri 100 milioni sono destinati agli istituti paritari; una quota ancora da definire prevede il potenziamento degli Istituti tecnici superiori e la decontribuzione per le aziende che assumono i giovani diplomati che hanno svolto alternanza scuola-lavoro.

Cinque milioni di euro serviranno, ancora, a rafforzare l'Orientamento nelle scuole. Per gli studenti universitari meritevoli vengono stanziati 20 milioni di euro e arriva, pure, l'incremento del fondo per il diritto allo studio (50 milioni aggiuntivi) e una no tax area per i redditi bassi (esenzione totale per i redditi fino a 13.000 euro e parziale per quelli superiori). Sono, infine, previsti fondi aggiuntivi (25 milioni) per gli enti di ricerca, nonché per l'assunzione di ricercatori e, per questi ultimi, un bonus (3mila euro ciascuno) per spese correnti relative alla propria attività di ricerca.

 

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Docenti, addio alla titolarità su scuola: il Miur getta le basi per la rete di istituti, con i prof- jolly sballottati da una sede all’altra

Mobilità, firmato l’accordo su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie: si faranno su scuola e non su ambito, ma fuori tempo massimo

Chiamata diretta, l’accordo Miur-sindacati in crisi nera prima ancora di essere sottoscritto

Chiamata diretta, individuare più o meno titoli non risolve il problema: stanno riuscendo nell’impresa di peggiorare la Buona Scuola

Chiamata diretta, il Miur svela le linee guida: decidono i presidi, depotenziati i Pof, tempi ristretti

Chiamata diretta, Anief porta il caso in Corte Costituzionale: partono i ricorsi dei docenti

Trasferimenti infanzia e primaria, il cervellone non regge: ritardi e reclami

La riforma è già alla frutta: organico potenziato utilizzato per i docenti soprannumerari di altre materie e trasferimenti nel caos

Buona Scuola, il potenziamento è un enorme buco nell’acqua: alle scuole docenti sbagliati e ora i vicari rischiano di perdere l’esonero dalle lezioni

Chiamata diretta, è solo l’inizio: anche i 32mila assunti del 2016 passeranno per ambiti territoriali e giudizio dei presidi

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei (La Stampa del 29 agosto 2016)

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla (Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

Supplenze per 80.000 docenti, 20% meno dello scorso anno anche grazie a utilizzo spesso scorretto del potenziamento (Orizzonte Scuola del 16 settembre 2016)

Parte il valzer delle cattedre ad anno iniziato: chiamata diretta e assunzioni in dirittura d’arrivo, poi si nominerà su 80mila cattedre vuote che il Miur continua a nascondere

La scuola imbavagliata dalle “braccia corte” del Mef: bocciata la richiesta del Ministero dell’Istruzione di spostare 25mila cattedre in organico di diritto

Scuola, il governo vuole assumere 80 mila precari (repubblica.it del 10 ottobre 2016)

Piano assunzioni di 80mila docenti con la Legge di Stabilità. Anief: finalmente, ma ora basta con gli errori

Assunzioni, retromarcia Miur: si lavora su numeri ridicoli che non coprono nemmeno il turn over

Dati Miur sfatano il mito dei troppi docenti al Sud: è la Puglia al primo posto per numero di alunni per insegnante

Scuola, solita manovra al ribasso: poche cattedre liberate per le assunzioni e niente soldi per il contratto. Intanto gli italiani bocciano la riforma e promuovo i docenti

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie