480x150-Gae-2

Il giovane sindacato ha deciso di tornare in piazza, dopo aver preso atto della volontà dell’esecutivo di non volere andare incontro alle necessità della scuola, degli alunni e del personale docente abilitato. L’unico pensiero del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, è la “soppressione definitiva delle GaE”: peccato che l'80 per cento dei 100mila supplenti, che annualmente si legano alla scuola con una supplenza su posto libero, viene chiamato già oggi dalla seconda fascia delle graduatorie d'istituto che i nostri governanti non vogliono considerare utile per le assunzioni a tempo indeterminato e che, ben presto, non sarà utile neppure per le supplenze: chi ha svolto oltre 36 mesi non potrà, infatti, andare più a ricoprire cattedre libere per l’intero anno scolastico.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’Italia sta travisando il senso delle direttive UE e della Corte di Giustizia europea che intendono la soglia dei tre anni di servizio, pure non continuativo, un limite oltrepassato il quale si viene assorbiti nei ruoli dello Stato, anziché una barriera temporale che respinge il lavoratore. In questo modo, si allontanano i docenti già formati e, nel frattempo, si costringono le scuole a rivolgersi a docenti inesperti e non abilitati. Per questo, è arrivato il momento di farsi sentire: Anief, nelle prossime settimane, ha intenzione di chiamare a raccolta tutti gli esclusi dal piano di assunzione del governo con una manifestazione nella capitale. L'esecutivo deve, infatti, assumere i docenti come si fa nel resto d’Europa, dove un docente abilitato non viene respinto dalla scuola ma assorbito sui posti liberi: da noi in Italia, invece, i posti ci sono ma li teniamo in ‘naftalina’ dichiarandoli non totalmente liberi. Così la supplentite rimane cronica.

 

Se il governo pensa di eliminare il precariato scolastico svuotando solo le GaE si sbaglia di grosso, perché l'80 per cento dei 100mila supplenti che annualmente si legano alla scuola con una supplenza su posto libero, viene chiamato già oggi dalla seconda fascia delle graduatorie d'istituto: è ora di finirla con questo equivoco. Abbiamo intenzione di chiamare a raccolta a Roma i tanti esclusi dal piano di assunzione del governo per una grande manifestazione nazionale”. A dirlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario organizzativo Confedir, commentando le risposte fornite dal ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, a proposito dei problemi che stanno caratterizzando l’anno scolastico.

In Senato, il ministro ha detto che le GaE sono “un'anomalia del sistema” e che “è insito nella definizione stessa di graduatoria ad esaurimento l'idea che si accumulino centinaia di migliaia di persone con una prospettiva di stabilità impossibile e che queste persone debbano aspettare un altrettanto utopistico orizzonte di assunzione”. Giannini ha aggiunto che, giacché d’ora in poi il concorso rimane da oggi “l’unico strumento per poter accedere al mondo della scuola”, per eliminare il problema delle graduatorie non resta che puntare alla “soppressione definitiva” delle GaE.

Sulla progressiva eliminazione di candidati presenti in una parte delle Graduatorie ad esaurimento – ribatte il presidente nazionale Anief - non c'è proprio nulla di cui felicitarsi. Se non altro perché prima è stato stabilizzato il personale abilitato delle GaE esaurite, anche attraverso il piano straordinario della Legge 107/2015 ma, ora, lo stesso personale abilitato all’insegnamento, dal 2011 in poi, viene escluso da tutto. Anziché assumerlo a tempo indeterminato, viene allontanato persino dalle supplenze annuali, laddove abbia svolto oltre 36 mesi a partire dal 1° settembre scorso (anche se tale procedura, introdotta dalla Legge 107/15 vale solo nei casi di assegnazione di cattedre vacanti sino al 31 agosto): ribaltando, pertanto, il senso delle direttive UE e della Corte di Giustizia europea che intendono la soglia dei tre anni, pure non continuativi, un limite che una volta superato permette di essere automaticamente assorbiti nei ruoli dello Stato. In Italia, invece, si è ribaltano il concetto tirando su una barriera temporale che respinge il lavoratore”.

Per non parlare – continua Marcello Pacifico – della tendenza crescente delle migliaia di supplenze conferite attraverso la sola ‘messa a disposizione’: assegnate dunque a precari nemmeno abilitati che, tra l'altro, sono gli stessi candidati docenti, reputati oggi utili per le supplenze, ma non al punto da meritarsi l’accesso all'ultimo Concorso a cattedra. Stando così le cose, considerando la mancanza di coerenza e di un filo conduttore nella gestione dei docenti precari, riteniamo che sia giunto il momento di farsi sentire in piazza: per questa ragione, Anief ha intenzione di chiamare tutti gli esclusi dal piano di assunzione del governo, per svolgere una manifestazione a Roma, da attuarsi nel prossimo mese di novembre”.

L’obiettivo dell’iniziativa è certamente quello di sensibilizzare il Parlamento sulla difficile fase di precarietà che continua a colpire la scuola italiana. Il governo vorrebbe far credere che per vincere la supplentite basterebbe svuotare le graduatorie ad esaurimento: non è così. Pensi, piuttosto, ad assumere i precari come si fa nel resto d’Europa, dove un docente abilitato non viene allontanato dalla scuola ma accolto non appena si liberano i posti. Da noi in Italia, invece, – conclude il sindacalista Anief-Cisal - i posti ci sono ma li teniamo in ‘naftalina’, dichiarandoli non totalmente liberi”.

Per approfondimenti:

Anief ricorda che è possibile aderire ai ricorsi per ottenere ragione contro l’illegittima reiterazione di contratti a termine oltre i 36 mesi di servizio e la corresponsione degli scatti di anzianità ai precari. Anche i docenti già immessi in ruolo possono ricorrere per ottenere gli scatti di anzianità non percepiti nel corso del precariato e la con immediatezza la ricostruzione di carriera integrale comprendente anche l’intero servizio di precariato.

 

 

 

 

 

Docenti, addio alla titolarità su scuola: il Miur getta le basi per la rete di istituti, con i prof- jolly sballottati da una sede all’altra

Mobilità, firmato l’accordo su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie: si faranno su scuola e non su ambito, ma fuori tempo massimo

Chiamata diretta, c’è l’accordo Miur-sindacati: sì alla graduatoria di istituto con indicatori nazionali, ma la sostanza non cambia

Chiamata diretta, l’accordo Miur-sindacati in crisi nera prima ancora di essere sottoscritto

Chiamata diretta: trattativa fallita (Tuttoscuola del 14 luglio 2016)

Chiamata diretta, individuare più o meno titoli non risolve il problema: stanno riuscendo nell’impresa di peggiorare la Buona Scuola

Chiamata diretta, il Miur svela le linee guida: decidono i presidi, depotenziati i Pof, tempi ristretti

Chiamata diretta, Anief porta il caso in Corte Costituzionale: partono i ricorsi dei docenti

Trasferimenti infanzia e primaria, il cervellone non regge: ritardi e reclami

La riforma è già alla frutta: organico potenziato utilizzato per i docenti soprannumerari di altre materie e trasferimenti nel caos

Buona Scuola, il potenziamento è un enorme buco nell’acqua: alle scuole docenti sbagliati e ora i vicari rischiano di perdere l’esonero dalle lezioni

Chiamata diretta, è solo l’inizio: anche i 32mila assunti del 2016 passeranno per ambiti territoriali e giudizio dei presidi

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei (La Stampa del 29 agosto 2016)

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla (Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

Precari, graduatorie ancora stravolte: il Tar ordina e il Miur esegue l’inserimento di centinaia di docenti abilitati all’insegnamento

Stop ai docenti che hanno svolto oltre 36 mesi di supplenze. Miur faccia chiarezza, va applicato solo sulle cattedre vacanti

Precariato, gli Uffici scolastici si rifiutano di inserire i docenti nelle GaE così come previsto dai giudici. Anief: rischiano il commissariamento

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari