1180-ricorso-ds2

Pubblicate dal Sistema nazionale di valutazione le attese Linee guida della direttiva ministeriale n. 36/2016, attraverso cui sono state poste le modalità con cui il Direttore Generale dell’Ufficio scolastico regionale emetterà il giudizio su ogni capo d’Istituto: sulla base degli elementi forniti dai Nuclei di Valutazione e sulla base della proposta del coordinatore regionale del servizio ispettivo. Sono quattro i ‘gradi’ di valutazione previsti che assegneranno non oltre 200 euro lordi: in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi, il preside potrà essere assegnato ad un altro istituto scolastico; qualora la valutazione risultasse ancora negativa, il Dirigente uscirà dalla conduzione delle scuole e verrà messo a disposizione dell’Usr. Tanti ancora i nodi da sciogliere.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): si parla tanto di valorizzazione dei capi d’istituto, ma gli stipendi dei Dirigenti scolastici rimangono dimezzati rispetto ai colleghi di altri comparti pubblici. Per questo, con il nuovo contratto bisogna aumentare le risorse e non solo per la retribuzione di risultato raggiunta da ogni preside.

Anief-Dirigenti apprende, intanto, che a una preside della Calabria, andata in pensione il 1° settembre scorso, la Ragioneria territoriale dello Stato di Cosenza ha chiesto la restituzione di 8.591,93 euro lordi. Nel decreto non viene menzionato, poi, con chiarezza il provvedimento che è all’origine del recupero della somma: l’unica spiegazione consiste in “decreti di posizione e risultato n. 1957 del 13, 16 e 20/05/2016 registrati dalla RTS di Cosenza il 20 e 27/06/2016” che, nei fatti, non dicono praticamente nulla. Secondo indiscrezioni, sembra che l’Usr Calabria abbia emesso degli atti unilaterali di taglio degli stipendi: c’è già chi teme che si possa trattare dei decreti “misteriosi” citati dalla Ragioneria cosentina. Eppure, a seguito della Conferenza dei Servizi del 4 agosto scorso, il Miur ha dato disposizione di ritirare gli atti unilaterali e ha dato mandato agli Usr di riprendere le trattative per stipula del Contratto integrativo regionale dal 2012/2013 al 2014/2015, nonché del CIR 2015/2016, Se così fosse, la Calabria starebbe andando per conto suo, applicando delle decurtazioni illegittime.

 

 

 

È iniziato il conto alla rovescia che porterà presto alla valutazione, dopo i docenti, anche dei Dirigenti scolastici: con le Linee guida emesse dal “Sistema nazionale di valutazione”, della direttiva ministeriale n. 36/2016, sono state poste le modalità con cui il Direttore Generale dell’Ufficio scolastico regionale emetterà il giudizio su ogni capo d’Istituto, sulla base degli elementi forniti dai Nuclei di Valutazione. Si tratta della nota esplicativa relativa alla definizione del Piano regionale di valutazione, pubblicato nel Portale Valutazione del sito internet del Ministero e in quello dell’USR, all’interno della sezione Amministrazione trasparente.

Il Direttore adotta annualmente il Piano sulla base della proposta del coordinatore regionale del servizio ispettivo. Come riassunto dalla rivista Orizzonte Scuola, il Piano è annuale e contiene: eventuali obiettivi definiti dal Direttore con riferimento al contesto territoriale; relazione sullo stato del sistema di valutazione a livello regionale e di attuazione degli obiettivi previsti dal Piano precedente; il numero dei Nuclei di valutazione di cui all’articolo 9 da attivare presso l’Usr. Il Piano regionale, che si articola in tre sezioni (obiettivi regionali, relazione sullo stato del sistema di valutazione, nuclei di valutazione), dovrà essere pubblicato entro il mese di dicembre e agli Uffici scolastici sarà fornito un format unico per la sua definizione.

Successivamente, dopo una fase di autovalutazione del Dirigente scolastico, prevista tra gennaio e maggio 2017, entrerà in scena il nucleo valutante - composto da ispettori e da un altro Dirigente scolastico – che avrà il compito di verificare l’autovalutazione di ogni preside. L’ultima azione da adottare sarà ad appannaggio della direzione generale degli Uffici scolastici regionali, cui spetterà esprimere il giudizio finale su ogni preside che opera nel territorio. Fondamentale sarà la verifica di documenti quali il Rav, il Ptof, il Piano per l’inclusione, la valorizzazione dei docenti (bonus), il piano di formazione, il fascicolo personale del Ds: su quest’ultimo, confluiscono tutte le segnalazioni di cattivo comportamento gestionale del Dirigente scolastico.

Saranno tre, in sintesi, le aree della valutazione: competenze gestionali ed organizzative finalizzate al raggiungimento dei risultati, correttezza, trasparenza, efficienza ed efficacia dell’azione dirigenziale, in relazione agli obiettivi assegnati nell’incarico triennale; valorizzazione dell’impegno e dei meriti professionali del personale dell’istituto, sotto il profilo individuale e negli ambiti collegiali; apprezzamento del proprio operato all’interno della comunità scolastica.

Sono quattro, poi, i ‘gradi’ di valutazione previsti dalla direttiva: mancato raggiungimento degli obiettivi, buon raggiungimento degli obiettivi, avanzato raggiungimento degli obiettivi, pieno raggiungimento degli obiettivi. L’esito della valutazione sarà utilizzato per la retribuzione di risultato dei Dirigenti: in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi, il Dirigente potrà essere assegnato inizialmente ad un altro istituto scolastico; qualora la valutazione risultasse ancora negativa, il dirigente uscirà dalla conduzione delle scuole e verrà messo a disposizione dell’Usr.

Anief-Dirigenti Scolastici ribadisce che se esiste ormai una premialità e una valutazione dei docenti, sarebbe stato inconcepibile che ciò non si fosse realizzato anche per chi dirige le scuole. Detto questo, tuttavia, non va dimenticato che già oggi tutti i Dirigenti vengono valutati, almeno formalmente, nonostante quasi sempre la valutazione si risolva in un pro-forma: ben vengano, quindi, le valutazioni. Rimangono, però, ancora molti nodi da sciogliere. Ad esempio, in ogni nucleo valutante ci dovrebbero essere un Dirigente e due esperti: ma cosa si intende per “esperti”? Esperti di cosa? Siamo così sicuri, inoltre, che un Direttore regionale sia in grado di conoscere a fondo l’operato di anche mille Dirigenti scolastici, di analizzare altrettanti report dei nuclei di valutazione e, soprattutto, conosca approfonditamente tutti i Piani dell’offerta formativa? Tutto questo è fattibile?

Per quanto concerne, inoltre, la retribuzione di risultato, da assegnare tramite valutazione esterna, il problema non è da meno perché avremo: il pieno raggiungimento degli obiettivi, l’avanzato raggiungimento, il buon raggiungimento. Il livello più alto avrà tra il 16% e il 37% in più rispetto a quello più basso; il livello intermedio avrà il 5% in più rispetto al livello inferiore. La retribuzione di risultato attuale, però, non arriva al 4% dello stipendio: cosa si vuole “premiare” con 175 euro lordi al mese? Ciò significa che qualche preside avrà 150 euro al mese lordi di premio e qualcuno ne prenderà 200, sempre lordi: il tutto, a fronte di una mole di responsabilità notevolmente aumentata con l’autonomia e la Buona Scuola.

“Si tratta di cifre ridicole perché stiamo parlando di Dirigenti statali - ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – e gli stipendi dei Dirigenti scolastici sono praticamente dimezzati rispetto ai colleghi di altri comparti pubblici. L’ha detto anche, di recente, la Ragioneria Generale dello Stato, che è andata ad analizzare le loro buste paga dell’anno 2014: attraverso i dati raccolti dall’Aran (aggiornamento all'anno 2014 delle elaborazioni statistiche sulle retribuzioni medie pro-capite nella PA), sono emerse differenze sensibili. Per questo, con il nuovo contratto bisogna aumentare le risorse e non solo per la retribuzione di risultato raggiunta da ogni preside”.

È bene ricordare che i fondi stipendiali da assegnare ai dirigenti scolastici non possono di certo essere solo quelli derivanti dallo sblocco del Fondo Unico per le retribuzioni di risultato e posizione dei dirigenti scolastici, stabilito dalla Legge 122/2010. Se è vero, infatti, che vengono confermati i 163.578.766 euro già comunicati in precedenza, mancano all’appello 60 milioni di euro: anzi, il disavanzo ha raggiunto quota 70 milioni. I Dirigenti scolastici, pertanto, perderanno quest’anno circa 8.750 euro e il prossimo anno la propria retribuzione scenderà ancora: gli stessi potranno contare, quindi, solo sulla retribuzione di risultato non percepita negli ultimi anni.

Anief-Dirigenti apprende, intanto, che a una preside della Calabria, andata in pensione il 1° settembre scorso, la Ragioneria territoriale dello Stato di Cosenza ha chiesto la restituzione di 8.591,93 euro lordi, 5.766,04 netti. Nel decreto della Ragioneria vi sono due pagine di premesse, ma non viene menzionato con chiarezza il provvedimento che è all’origine del recupero della somma. L’unica spiegazione consiste in “decreti di posizione e risultato n. 1957 del 13, 16 e 20/05/2016 registrati dalla RTS di Cosenza il 20 e 27/06/2016”, che non dicono praticamente nulla.

Viene da chiedersi, inoltre, come mai la Ragioneria territoriale dello Stato di Cosenza abbia preso un’iniziativa del genere: si tratta, infatti, di un ufficio “pagatore” che agisce in applicazione di disposizioni emesse dalla amministrazione competente, quale è l’Ufficio scolastico regionale che, però, non ha comunicato niente alla dirigente neo-pensionata. Tuttavia, secondo indiscrezioni, sembra che l’Usr Calabria abbia emesso degli atti unilaterali di taglio degli stipendi dei dirigenti scolastici: c’è già chi teme che si possa trattare dei decreti “misteriosi” citati dalla Ragioneria di Cosenza.

Se così fosse, ci troveremmo dinanzi a un doppio errore: a seguito della Conferenza dei Servizi del 4 agosto scorso, il Ministero dell’Istruzione ha, infatti, dato disposizione di ritirare gli atti unilaterali e ha dato mandato agli Usr di riprendere le trattative per stipula del Contratto integrativo regionale dal 2012/2013 al 2014/2015, nonché del CIR 2015/2016, come in effetti sta succedendo in tutte le regioni italiane. Se così fosse, la Calabria starebbe andando per conto suo applicando delle decurtazioni illegittime. Anief-Dirigenti, pertanto, consiglia di inviare immediata una diffida alla Ragioneria territoriale e anche all’Usr, artefici della restituzione priva di fondamento.

 

 

 

 

Legge 107/2015, i commi riguardanti la valutazione dei dirigenti scolastici:

 

 93. La valutazione dei dirigenti scolastici è effettuata ai sensi dell'articolo 25, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Nell'individuazione degli indicatori per la valutazione del dirigente scolastico si tiene conto del contributo del dirigente al perseguimento dei risultati per il miglioramento del servizio scolastico previsti nel rapporto di autovalutazione ai sensi del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80, in coerenza con le disposizioni contenute neldecreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, e dei seguenti criteri generali:

competenze gestionali ed organizzative finalizzate al raggiungimento dei risultati, correttezza, trasparenza, efficienza ed efficacia dell'azione dirigenziale, in relazione agli obiettivi assegnati nell'incarico triennale;

valorizzazione dell'impegno e dei meriti professionali del personale dell'istituto, sotto il profilo individuale e negli ambiti collegiali;

apprezzamento del proprio operato all'interno della comunità professionale e sociale;

contributo al miglioramento del successo formativo e scolastico degli studenti e dei processi organizzativi e didattici, nell'ambito dei sistemi di autovalutazione, valutazione e rendicontazione sociale;

direzione unitaria della scuola, promozione della partecipazione e della collaborazione tra le diverse componenti della comunità scolastica, dei rapporti con il contesto sociale e nella rete di scuole.

94. Il nucleo per la valutazione dei dirigenti scolastici è composto secondo le disposizioni dell'articolo 25, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e può essere articolato con una diversa composizione in relazione al procedimento e agli oggetti di valutazione. La valutazione è coerente con l'incarico triennale e con il profilo professionale ed è connessa alla retribuzione di risultato. Al fine di garantire le indispensabili azioni di supporto alle scuole impegnate per l'attuazione della presente legge e in relazione all'indifferibile esigenza di assicurare la valutazione dei dirigenti scolastici e la realizzazione del sistema nazionale di valutazione previsto dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 marzo 2013, n. 80, per il triennio 2016-2018 possono essere attribuiti incarichi temporanei di livello dirigenziale non generale di durata non superiore a tre anni per le funzioni ispettive. Tali incarichi possono essere conferiti, nell'ambito della dotazione organica dei dirigenti tecnici del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, ai sensi dell'articolo 19, commi 5-bis e6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, anche in deroga, per il periodo di durata di detti incarichi, alle percentuali ivi previste per i dirigenti di seconda fascia. Ai fini di cui al presente comma è autorizzata, per il triennio 2016-2018, la spesa nel limite massimo di 7 milioni di euro per ciascun anno del triennio. La percentuale di cui all'articolo 19, commi 5-bis e 6, del citato decreto legislativo n. 165 del 2001, per i dirigenti tecnici delMinistero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, è rideterminata, nell'ambito della relativa dotazione organica, per il triennio 2016-2018, in misura corrispondente ad una maggiore spesa non superiore a 7 milioni di euro per ciascun anno. Gli incarichi per le funzioni ispettive di cui ai periodi precedenti sono conferiti in base alla procedura pubblica di cui all'articolo 19, comma 1-bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, mediante valutazione comparativa dei curricula e previo avviso pubblico, da pubblicare nel sito del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, che renda conoscibili il numero dei posti e la loro ripartizione tra amministrazione centrale e uffici scolastici regionali, nonché i criteri di scelta da adottare per la valutazione comparativa.

 

 

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Tar Lazio stabilisce che anche i supplenti possono diventare presidi: due insegnanti precari promossi a capo d’istituto

Concorso Dirigenti Scolastici – Consiglio di Stato dà ragione all’Anief e applica la direttiva comunitaria: il servizio pre-ruolo andava valutato come quello di ruolo

Da precari a presidi: parola del Consiglio di Stato

Nel 2015 il nuovo concorso per diventare preside, cade un tabù: varrà il servizio svolto da docenti precari

Concorso a dirigente, aperte le adesioni al nuovo corso Eurosofia

In arrivo il concorso per diventare presidi, rimane solo da sciogliere il “nodo” dei posti

Concorso dirigenti scolastici, è già caos prima di essere bandito

Anief apre alla tutela dei dirigenti scolastici, lasciati soli a gestire la riforma negli istituti

Dirigenti scolastici: manager, sceriffi o…figli di un Dio minore?(Studio di Tuttoscuola del 26 gennaio 2016)

Dirigenti scolastici: più responsabilità, stipendi all’osso e sugli arretrati tutto tace

Dirigenti scolastici, arrivano finalmente gli aumenti ma sono inadeguati: il Miur “dimentica” 63 milioni, pari a 400 euro al mese in meno a capo d’Istituto

Smontata la leggenda metropolitana degli stipendi principeschi dei presidi: la riforma gli ha portato più responsabilità, ma continuano a guadagnare la metà degli altri dirigenti

Dirigenti scolastici, siamo all’assurdo: il rinnovo contrattuale non riesce a coprire i tagli prodotti

Dirigenti scolastici, è allarme rosso: rebus stipendi, concorso in alto mare e da settembre 1 istituto su 4 in reggenza

Dirigenti scolastici, la proposta del Miur è irricevibile: aumenti solo per un anno, da settembre stipendi in calo

Dirigenti scolastici, il Miur decide come valutarne le loro performances ma il “premio” rimane ridicolo: 200 euro lordi al mese

Concorso per dirigenti scolastici, il bando sarà pubblicato entro un mese: al Miur ancora dubbi sui requisiti di accesso

Dirigenti scolastici, i tempi del concorso si allungano e il Governo annuncia la miseria di 200 assunzioni: anche il prossimo anno più di mille scuole rimarranno acefale

Concorso per dirigenti scolastici, il Miur rende pubblico il nuovo regolamento: grave falla, dovevano partecipare anche i docenti precari

Dirigenti scolastici, ecco quanto valgono per Miur e Mef: 50 mila euro sottratti in 10 anni!

Dirigenti Scolastici, lo sblocco dei contratti regionali apre le porte a mini-aumenti. Intanto si riparte con 1 istituto su 4 senza preside

Dirigenti scolastici, certificati gli stipendi più bassi nella PA: col nuovo contratto si può ridurre il gap

Dirigenti scolastici, pronto il regolamento sulla valutazione: incentivi minimi e chi non è in grado di fare il preside diventa impiegato

Istituti al collasso, 1 su 3 ha il preside in condominio che gestisce anche 20 plessi e 4mila studenti

Concorso dirigenti scolastici, dal Consiglio di Stato solo rilievi marginali: si va spediti verso la pubblicazione del bando, ma per i precari è sempre disco rosso

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie