Anief-Cisal non comprende dove sta la copertura finanziaria dell’operazione: rispetto ai 5 miliardi promessi dalla Funzione Pubblica per gli 85 euro di aumento, c’è da subito un disavanzo enorme perché nella Legge di Stabilità sono meno di 2 i miliardi presenti. E, in base a quanto detto dalla parte pubblica, solo la metà, quindi 850 milioni di euro, sarebbero da subito destinati ai rinnovi contrattuali. Inoltre, se il Governo destina appena 850 milioni di euro per 2017 e questi vanno suddivisi tra 3,3 milioni di dipendenti, si ottengono appena 258 euro lordi annui. Che corrispondono a 20 euro lordi, ovvero 14 euro netti mensili. Ora, sempre l’esecutivo dice che ci sarebbero a diposizione anche altri 5 miliardi per l’intero triennio. Ma se ai 33 milioni di dipendenti pubblici dovrebbero essere destinati 85 euro lordi per 13 mensilità, da assegnare per i prossimi tre anni, servirebbero quasi 11 miliardi. Quindi, ancora una volta, l'impegno non può essere onorato. E non finisce qui: perché i dipendenti statali, avrebbero dovuto avere 150 euro in più mensili netti, dal settembre 2015, con aumenti di ulteriori 150 euro. Con lo Stato che così continua a risparmiare 5 miliardi l’anno.

 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’intesa raggiunta tradisce la volontà dei lavoratori. Perché ammesso che ci fosse la copertura finanziaria, a regime significa che in busta paga risulterebbero 60 euro netti. E si tratterebbe sempre di una miseria, perchè prendendo uno stipendio di 1.500 euro, il dipendente pubblico avrebbe dovuto avere lo stesso 20 per cento in più nel settennio concesso ai colleghi metalmeccanici: depotenziando ancora una volta le buste paga dei lavoratori pubblici e rimandando nel tempo anche gli aumenti minimali su cui si è trovato l’accordo, lo Stato avrà fatto strike.Continueremo la strada dei ricorsi.

“L’intesa raggiunta dai sindacati maggioritari con il Governo tradisce la volontà dei lavoratori”: lo sostiene Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, commentando l’accordo per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici, atteso da sette anni, imperniato su aumenti medi in busta paga di 85 euro lordi medi mensili destinati a circa 3,3 milioni di dipendenti pubblici. “Se l'intesa non fosse stata presa – ha continuato Pacifico - i tribunali avrebbero potuto attribuire dal settembre 2015, fino alla firma del contratto, 150 euro mensili netti di aumento. Perché a tanto corrisponde l'adeguamento degli stipendi per coprire almeno la metà dell'aumento del costo della vita accusato negli anni di blocco contrattuale”.

Il sindacato autonomo continua anche a chiedersi dove sta la copertura finanziaria dell’operazione: rispetto ai 5 miliardi promessi dalla Funzione Pubblica, c’è da subito un disavanzo enorme perché nella Legge di Stabilità sono meno di 2 i miliardi presenti. E, in base a quanto detto dalla parte pubblica, solo la metà, quindi 850 milioni di euro, sarebbero da subito destinati ai rinnovi contrattuali.

I conti sono presto fatti: se il Governo destina appena 850 milioni di euro per 2017 e questi vanno suddivisi tra 3,3 milioni di dipendenti, si ottengono appena 258 euro lordi annui. Che corrispondono a 20 euro lordi, ovvero 14 euro netti mensili. Ora, sempre l’esecutivo dice che ci sarebbero a diposizione anche altri 5 miliardi per l’intero triennio. Ma se ai 33 milioni di dipendenti pubblici dovrebbero essere destinati 85 euro lordi per 13 mensilità, da assegnare per i prossimi tre anni, servirebbero quasi 11 miliardi. E quindi, ancora una volta, l'impegno non può essere onorato.

Sempre secondo il sindacalista Anief-Cisal, “ammesso anche che ci fosse la copertura finanziaria per gli 85 euro lordi, a regime significa che risulterebbero 60 euro netti. E si tratterebbe sempre di una miseria, perchè prendendo ad esempio uno stipendio medio di 1.500 euro, il dipendente pubblico avrebbe dovuto avere lo stesso 20 per cento in più nel settennio concesso ai colleghi metalmeccanici, che lo scorso fine settimana hanno sottoscritto il nuovo accordo a queste condizioni”.

I dipendenti statali, in pratica, avrebbero dovuto avere 150 euro in più mensili netti, dal settembre 2015, con aumenti di ulteriori 150 euro. Per un totale complessivo di 75 miliardi di finanziamento, al netto dei 92 euro lordi che da subito hanno i metalmeccanici in più. Questo vuol dire che il blocco dei salari nella Pubblica amministrazione, sempre al netto dell'accordo siglato e di tutte le riserve del caso, produrrà un risparmio allo Stato di 70 miliardi: in pratica, 5 miliardi all'anno per un decennio a partire dal 2010.

“Quindi – dice Pacifico - di cosa stiamo parlando? E perché trapela così tanta euforia dai sindacati confederali? Lo hanno capito o no che si è chiuso un accordo su incrementi stipendiali che nel 2017 rappresentano meno di un decimo di quelli che servivano, ovvero 11 miliardi per assicurare i 150 euro netti indicati come cifra iniziale? In questo modo, invece, depotenziando ancora una volta le buste paga dei lavoratori pubblici e rimandando nel tempo anche gli aumenti minimali su cui si è trovato l’accordo, lo Stato avrà fatto strike: perché in dieci anni, avrà risparmiato 70 miliardi sui salari dei dipendenti pubblici”.

Rimane, inoltre, un mistero il silenzio che caratterizza l’assegnazione delle 17 mensilità successive alla sentenza della Consulta dell’estate 2015, in base alla quale dal mese di settembre dello scorso anno si sarebbero dovuti calcolare i rimborsi ai lavoratori da applicare proprio in occasione del rinnovo contrattuale: per assolvere alle indicazioni dei giudici della Corte Costituzionale, servono quindi altri 5 miliardi. Che vanno aggiunti agli 11, di qui oltre il 90 per cento non stanziati. Anief, pertanto, ricorrerà in tribunale per fare assegnare da settembre 2015 fino al 2016 almeno la quota d'indennità di vacanza contrattuale allineata mensilmente al 50 per cento dell'aumento dell'inflazione. In media, si tratta di incrementi che superano i 2.500 euro netti a dipendente pubblico. Ed è ancora possibile aderire al ricorso per il recupero dell'indennità di vacanza contrattuale: chi vuole procedere con la propria adesione o anche solo avere maggiori informazioni può collegarsi al portale apposito creato dal sindacato.

Per approfondimenti:

Contratto, meglio tardi che mai: i sindacati maggiori si svegliano e chiedono 220 euro di aumento

PA – Rapporto Ragioneria dello Stato sui dipendenti: -0,5% sulle retribuzioni e l’età media sale a 49,2 anni

Valutazione docenti, è polemica tra i sindacati su come assegnare i soldi del “merito” previsti dalla Buona Scuola

Merito professionale, il Governo ha scritto il decreto che cancella gli scatti di anzianità: al 90% dei lavoratori andrà solo il salario minimo

Con la Legge Brunetta 150/09 addio scatti di anzianità. Il Miur replica all’Anief: non è vero. Il sindacato: abbiamo toccato un nervo scoperto, i soldi non ci sono

Pa: firma accordo 4 comparti (Ansa, 5 aprile 2016)

Firmata all’Aran l'ipotesi di accordo sui 4 comparti, ora nel contratto 2016/18 salteranno gli scatti di anzianità

Stipendi a picco, ora il Governo vuole bloccare i valori dell’indennità di vacanza contrattuale fino al 2021

Aumento stipendi ai minimi dal 1982 (Ansa, 27 maggio 2016)

Stipendi mai così bassi negli ultimi 35 anni: 3 milioni di dipendenti pubblici battuti anche dall’inflazione

In Francia 1.400 euro in più ad ogni insegnante che già oggi guadagna più di un preside italiano. Perché il nostro Governo è fermo a 17 euro d’incremento?

P.a: Madia, mai detto soglia 26mila euro per aumenti salario (Ansa, 13 giugno  2016)

In arrivo aumenti solo per chi guadagna meno, la smentita del ministro Madia non convince

Rinnovo contratto, nel DEF previsti appena 800 milioni di euro. Anief: è una vergogna, servivano 6 miliardi solo di arretrati

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

Contratto, Legge di Stabilità: lo sforzo massimo è di 40 euro di aumento, ma ne servono 300

1 dicembre 2016                                                                                                       Ufficio Stampa Anief

                                                                                                                                  www.anief.org   

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari