Il futuro premier deve avere ben chiaro in mente che il personale della scuola è di gran lunga la categoria più presente nell’amministrazione pubblica: questi lavoratori sono stati determinanti nella débâcle a cui è andato incontro il Governo lo scorso 4 dicembre. Ignorare questo risultato inequivocabile nella scelta del nuovo primo “inquilino” del Miur sarebbe un grave errore.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): a Viale Trastevere deve arrivare un esponente capace di realizzare un dialogo costruttivo con chi opera nella scuola ogni giorno, per avere un filo diretto con insegnanti, personale tutto, studenti e famiglie: esattamente il contrario di quanto fatto dall’ultimo esecutivo che si è tenuto stretto le proprie convinzioni sbagliate su meritocrazia e chiamata diretta, salvo rimetterle in discussione quando ormai era troppo tardi. Per questi motivi è indispensabile individuare qualcuno con esperienza diretta nella scuola, oltre che con un alto spessore culturale ed etico, che non abbia condizionamenti nel superare, con una contro-riforma, quei provvedimenti dannosi approvati contro il volere della stragrande maggioranza degli addetti ai lavori e dell’opinione pubblica: : attraverso obiettivi semplici e condivisi, si potrebbe davvero voltare pagina e risollevare un settore chiave per il presente e per il futuro del Paese. Pensare, invece, di rilanciare il sistema d’istruzione senza liberarsi della zavorra delle norme della Legge 107 significherebbe perseverare nello sbaglio.

 

L’onorevole Paolo Gentiloni valuti con ponderatezza a chi affidare il Ministero dell’Istruzione: serve una persona credibile e di spessore. A chiederlo è il sindacato Anief, dopo aver appreso che il Ministro uscente degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale è stato incaricato dal Capo dello Stato per formare il nuovo Governo dopo le dimissioni di Matteo Renzi a seguito dell’esito del referendum costituzionale. Il futuro premier deve avere ben chiaro in mente che il personale della scuola è di gran lunga la categoria più presente nell’amministrazione pubblica: questi lavoratori sono stati determinanti nella debacle a cui è andato incontro il Governo Renzi lo scorso 4 dicembre.

Ignorare questo risultato inequivocabile, nella scelta del nuovo primo “inquilino” del Miur, sarebbe un grave errore. Anief, dunque, si trova d’accordo con coloro che sostengono che al Miur serva una persona che garantisca discontinuità con le vicende che hanno caratterizzato l’istruzione pubblica degli ultimi anni, caratterizzati da norme-spot e da un aumento esponenziale dei contenziosi per colpa di norme sbagliate che hanno arretrato il bagaglio dei diritti di chi insegna e studia.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal “la scuola pubblica ha bisogno di un Ministro dell’Istruzione avulso dalla riforma approvata sotto il Governo Renzi: a Viale Trastevere deve necessariamente arrivare un esponente, politico o tecnico che sia, con cui tornare a realizzare un dialogo costruttivo con chi opera nella scuola quotidianamente. Il nuovo Ministro dovrà finalmente avere un filo diretto con gli insegnanti, con il personale tutto, con gli studenti e le famiglie: esattamente quanto non fatto dall’ultimo esecutivo, che si è tenuto stretto le proprie convinzioni sbagliate su meritocrazia e chiamata diretta, tanto per fare degli esempi, salvo rimetterle in discussione un anno dopo l’approvazione della Legge 107/2015, quando ormai era troppo tardi”.

“Per questi motivi – continua Pacifico – è indispensabile individuare qualcuno con esperienza diretta nella scuola, oltre che con un alto spessore culturale ed etico, che non abbia condizionamenti o preclusioni nel superare, con una contro-riforma, quei provvedimenti dannosi approvati contro il volere della stragrande maggioranza degli addetti ai lavori e dell’opinione pubblica: attraverso obiettivi semplici e condivisi, si potrebbe davvero voltare pagina e risollevare un settore chiave per il presente e per il futuro del Paese. Pensare di rilanciare il nostro sistema di istruzione senza liberarsi della zavorra delle norme della Legge 107 – conclude il sindacalista Anief-Cisal - significherebbe perseverare nello sbaglio”.

 

 

 

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Contratto, meglio tardi che mai: i sindacati maggiori si svegliano e chiedono 220 euro di aumento

PA – Rapporto Ragioneria dello Stato sui dipendenti: -0,5% sulle retribuzioni e l’età media sale a 49,2 anni

Valutazione docenti, è polemica tra i sindacati su come assegnare i soldi del “merito” previsti dalla Buona Scuola

Merito professionale, il Governo ha scritto il decreto che cancella gli scatti di anzianità: al 90% dei lavoratori andrà solo il salario minimo

Con la Legge Brunetta 150/09 addio scatti di anzianità. Il Miur replica all’Anief: non è vero. Il sindacato: abbiamo toccato un nervo scoperto, i soldi non ci sono

Pa: firma accordo 4 comparti(Ansa, 5 aprile 2016)

Firmata all’Aran l'ipotesi di accordo sui 4 comparti, ora nel contratto 2016/18 salteranno gli scatti di anzianità

Stipendi a picco, ora il Governo vuole bloccare i valori dell’indennità di vacanza contrattuale fino al 2021

Aumento stipendi ai minimi dal 1982 (Ansa, 27 maggio 2016)

Stipendi mai così bassi negli ultimi 35 anni: 3 milioni di dipendenti pubblici battuti anche dall’inflazione

In Francia 1.400 euro in più ad ogni insegnante che già oggi guadagna più di un preside italiano. Perché il nostro Governo è fermo a 17 euro d’incremento?

P.a: Madia, mai detto soglia 26mila euro per aumenti salario(Ansa, 13 giugno  2016)

In arrivo aumenti solo per chi guadagna meno, la smentita del ministro Madia non convince

Rinnovo contratto, nel DEF previsti appena 800 milioni di euro. Anief: è una vergogna, servivano 6 miliardi solo di arretrati

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

Contratto, Legge di Stabilità: lo sforzo massimo è di 40 euro di aumento, ma ne servono 300

Rinnovo statali, aumenti graduali dal 2017 di 60 euro netti: ne servivano 300. Così lo Stato ha risparmiato 70 miliardi di euro mal pagando i dipendenti pubblici

Anief: decisivo per il “no” il voto del personale della Scuola, ora si volti pagina 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari