L’esposizione avverrà davanti alle Commissioni Istruzione di Senato e Camera, in seduta congiunta. Tutto il mondo della scuola è interessato all’intervento del Ministro Fedeli, perché in ballo ci sono diverse questioni aperte: sulla gestione dei precari e sulle loro assunzioni, sulla mobilità del personale, sulle assunzioni, sui concorsi, oltre che su diverse modifiche della Legge 107/15 e sull’impellenza di sottoscrivere un rinnovo contrattuale con risorse vere e non risibili. L’opportunità per metterci mano arriva attraverso la versione definitiva del decreto Milleproroghe e dei decreti delegati della Legge di riforma 107/2015, entrambi in questi giorni all’esame delle commissioni parlamentari del Senato.

Le modifiche da apportare riguardano diversi punti, a partire dall'inserimento degli abilitati post 2011 nella fascia aggiuntiva GaE; dal reclutamento di 20mila Ata e 8mila maestri d’infanzia, alla stabilizzazione di 500 educatori in organico potenziato; dal reclutamento dei vincitori dell'ultimo ‘concorsone’, alla validità delle Graduatorie di merito dove inserire gli idonei all'organizzazione di prove suppletive dello stesso concorso per i candidati laureati o educatori ricorrenti; dall'estensione del corso-concorso per presidi ai ricorrenti del 2011, alla cancellazione del limite di 36 mesi di servizio per la stipula di contratti a termine. Vanno assunti a tempo indeterminato i ricercatori e urge prorogare il blocco di distacchi e comandi di docenti e personale Ata presso enti e Università. Anief ha anche indicato come emendare le otto deleghe della “Buona Scuola”, già approvate in CdM il 14 gennaio, sulle quali è stata iniziata una corsa contro il tempo per la loro stesura definitiva.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): se davvero si vuole dare un segnale di discontinuità con la politica del Governo che ha prodotto la riforma più contestata della storia della Repubblica, questo è il momento giusto. Il Parlamento, infatti, può andare a correggere le tante norme sbagliate della Legge 107, ora confermate con i testi delle leggi delega. Le commissioni di Camera e Senato non possono limitarsi ad ascoltare le indicazioni di chi la scuola la conosce, perché la vive tutti i giorni, ma hanno il dovere di dare seguito a chi chiede solo di migliorare l’offerta formativa attraverso un’organizzazione finalmente orientata alla sua promozione e non esclusivamente alla salvaguardia dei conti pubblici come, invece, è stato fatto sistematicamente negli ultimi anni.

 

A breve sapremo le vere intenzioni del nuovo Governo Gentiloni sull’istruzione pubblica: domani, infatti, a Palazzo Madama alle ore 14.00è prevista la presentazione del Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli delle linee programmatiche del nuovo corso del dicastero di Viale Trastevere sopraggiunto a seguito del cambio di Esecutivo: l’esposizione avverrà davanti alle Commissioni Istruzione di Senato e Camera, in seduta congiunta. Tutto il mondo della scuola è interessato all’intervento del Ministro Fedeli, perché in ballo ci sono diverse questioni aperte e centrali per il futuro della formazione dei giovani italiani e di chi si adopera perché ciò avvenga in modo proficuo e migliore.

Anief, dal canto suo, ha già espresso il parere sulle priorità da attuare, già in vista del prossimo anno scolastico: ci sono diversi nodi da sciogliere, infatti, sulla gestione dei precari e sulle loro assunzioni, sulla mobilità del personale, sulle assunzioni, sui concorsi, oltre che su diverse modifiche della Legge 107/15 e sull’impellenza di sottoscrivere un rinnovo contrattuale con risorse vere e non risibili, oltre che rivolte a pochi eletti dopo che tutti i lavoratori della scuola attendono l’aumento stipendiale da ormai otto anni.

Le modifiche agli errori strategici e di gestione della macchina organizzativa scolastica, sempre secondo il giovane sindacato, possono avvenire anche in tempi rapidi, quindi, compatibili con il tempo limitato a disposizione dell’attuale Governo di transizione. L’opportunità per farlo arriva, prima di tutto, attraverso la versione definitiva del decreto Milleproroghe, in questi giorni all’esame delle commissioni parlamentari del Senato: al decreto legge n. 244 approvato il 30 dicembre 2016, si possono applicare una serie di modifiche normative, che vanno dall'inserimento dei docenti abilitati nella fascia aggiuntiva delle GaE, dove ci sono tante classi di concorso senza più candidati, al reclutamento di 20mila amministrativi, tecnici, ausiliari e 8mila docenti della scuola dell’infanzia; dalla stabilizzazione di 500 educatori in organico potenziato, al reclutamento dei vincitori dell'ultimo concorso a cattedra, per i quali sono incredibilmente scomparsi i posti, alla validità delle Graduatorie di merito dove inserire tutti gli idonei all'organizzazione di prove suppletive dello stesso ultimo concorso per i candidati laureati o educatori ricorrenti.

Col decreto Milleproroghe è possibile attuare l'estensione del corso-concorso per Dirigenti scolastici ai ricorrenti del 2011, oltre che “rivedere la norma che introduce il limite di 36 mesi alla stipula di contratti a tempo determinato che, lungi dal rappresentare la soluzione al problema all’abuso di contratti a tempo determinato nella scuola statale italiana, configurerebbe invece una illegittima violazione del principio meritocratico alla base dell’individuazione degli aspiranti docenti, in quanto impedirebbe a chi ha un punteggio maggiore (come noto, derivante prevalentemente da una maggiore anzianità di servizio) di stipulare contratti a tempo determinato, che andrebbero invece assegnati ad aspiranti con punteggio ed anzianità di servizio minori”. Per l’Università è necessario immettere nei ruoli statali tanti ricercatori da tempo “congelati”, creando per loro un apposito albo nazionale. È fondamentale, infine, attuare la proroga del blocco per i distacchi e i comandi di docenti e personale Ata presso enti e Università.

Ma c’è un'altra “partita” in corso sulla quale il Governo non può permettersi di sbagliare: quella delle otto deleghe della legge di riforma “Buona Scuola”, già approvate in Consiglio dei Ministri il 14 gennaio scorso e sulle quali è stata iniziata una corsa contro il tempo per la loro stesura definitiva attraverso, anche stavolta, le commissioni parlamentari competenti, entro meno di 60 giorni. Per ogni decreto legislativo, Anief ha prodotto delle precise richieste.

Su formazione iniziale e accesso all'insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado, è utile gestire al meglio lafase transitoria che ci si appresta a vivere, al fine di tutelare i docenti precari. In particolare, il perdurante disallineamento tra domanda e offerta dovuto al blocco dell’aggiornamento delle GaE, il mancato inserimento di personale abilitato, la contrazione degli organici e la falsa individuazione dell’organico di diritto, che produce nuovo precariato con sempre più numerose e certe condanne del Miur al pagamento di scatti stipendiali, mensilità estive, risarcimenti, spese legali. Poiché il Ministero non intende discostarsi da un suo errore storico, quello di blindare le GaE, tocca quindi ai parlamentari provvedere a inserirvi da subito, in primavera, tutti gli abilitati dopo il 2011 attraverso Tfa, Pas, SfP, scuole all’estero e altre tipologie di corsi riconosciuti.

Per quanto riguarda la riforma del sostegno, il giovane sindacato ritiene che qualsiasi cambiamento non debba andare a scollare la figura del docente di sostegno dagli organici della scuola (rifiutando logiche di “medicalizzazione” della professione), facendo venire meno anche il progetto di portare a 10 anni l’obbligo di permanenza sul sostegno dopo l’immissione in ruolo. Per l’immediato, occorre poi assolutamente provvedere alla trasformazione di circa 40mila posti dall’attuale organico di fatto a quello di diritto, visto che i posti in deroga hanno una valenza annale e non possono, come intende fare l’amministrazione, procrastinarne lo status lavorativo a tempo indeterminato.

Sulle scuole all’estero, è fondamentale che si valorizzi al massimo l’operato del personale che opera in strutture collocate in territorio non italiano poiché, ancora oggi, il 50 per cento dei docenti è precario e nei loro confronti l’indennità aggiuntiva, assegnata al personale di ruolo‎, è inspiegabilmente ridotta della metà. Vengono, poi, spezzoni per anni assegnati su posti vacanti le cui situazioni non sono state considerate nella riforma “La Buona Scuola”, mettendo così a rischio il servizio scolastico offerto a 31mila studenti presso gli Istituti stessi.

Sulla riforma della formazione fino a 6 anni, invece, il decreto delegato dovrebbe contenere delle misure che prevedono l’aggiunta del segmento 0-3 anni all’attuale impianto 3-6 anni, nell'ottica di una continuità verticale che vedrebbe finalmente integrato il sistema fino all’inizio della primaria. Tra le novità, servirebbe però anche la fondamentale introduzione dell’anno “ponte”, con la presenza contemporanea di maestri della scuola dell’infanzia e primaria: a 5 anni di età, infatti, i bambini necessitano di un’attenzione pedagogica maggiore. Il percorso scolastico potrebbe, quindi, anche esaurirsi a 18 anni, come avviene in molti altri Paesi.

L’introduzione della compresenza porterebbe l’incremento di almeno 30mila docenti, cui si aggiungerebbero quelli considerati dalla riforma, pari ad almeno altri 25mila nuovi insegnanti di settore (necessari per incrementare fino al 33 per cento la diffusione degli asili nido, soprattutto al Sud). In tal modo, le nuove immissioni in ruolo permetterebbero finalmente la stabilizzazione dei docenti dell'infanzia delle Graduatorie ad Esaurimento, incredibilmente dimenticati dalla Legge 107/15 e, con loro, anche dei precari abilitati non inseriti nelle graduatorie ad esaurimento, che hanno svolto oltre 36 mesi di servizio, nonché tutti i vincitori dei passati concorsi e di quello del 2016.

L’ultimo decreto è relativo al riordino dell’istruzione professionale: è chiaro che, dopo la sentenza n. 284/2016 della Corte Costituzionale, non si può non tenere conto della centralità delle Regioni su questo versante. In particolare, come ha detto la Consulta, sulla “previsione degli standard strutturali, organizzativi e qualitativi dei servizi educativi per l’infanzia e della scuola dell’infanzia, diversificati in base alla tipologia, all’età dei bambini e agli orari di servizio, prevedendo tempi di compresenza del personale dei servizi educativi per l’infanzia e dei docenti di scuola dell’infanzia, nonché il coordinamento pedagogico territoriale e il riferimento alle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, adottate con il regolamento di cui al decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 16 novembre 2012, n. 254”.

Allo stesso modo, sempre in tema di riforma dell’istruzione professionale, bisogna tenere conto didue norme basilari: lo statuto dei lavoratori, il D.M. 300 del 1977, il quale nonostante alcune modifiche recentemente apportate, prevede ancora, all'articolo 10, che il lavoratore sia un soggetto avente titolo a completare un percorso di studi. Allo stesso modo, lo statuto degli studenti e delle studentesse del 1998 accorda il diritto degli studenti alla partecipazione alle attività extracurricolari organizzate dalla scuola. Purtroppo, sinora, non risulta traccia di tali indicazioni nelle bozze attuative predisposte.

A proposito della delega su valutazione e certificazione delle competenze ed Esami di Stato, il sindacato ritiene di continuare a mantenere un assetto tradizionale con una parte maggioritaria esterna alla scuola di appartenenza degli alunni. Vanno scongiurate, a tal proposito, quelle derive che vorrebbero trasformare gli Esami di Stato in un pro-forma; altrettanto fondamentale e imprescindibile è, poi, il mantenimento del valore legale del titolo di studio.

Sulla cultura umanistica, Anief ritiene che vadano introdotte nella scuola secondaria di secondo grado due ore obbligatorie di Filosofia sia di Storia. Per quel che concerne, invece, il diritto allo studio, è basilare un incremento sostanzioso delle borse di studio, a iniziare dagli studenti appartenenti a nuclei familiari non abbienti. Inoltre, vanno incrementati gli organici laddove siano più alti i tassi di dispersione scolastica, di disoccupazione e di collegamento con il mondo del lavoro. Ricordiamo, a questo proposito, che l’Italia è l’unico Paese dell’Ocse che dal 1995 non ha aumentato la spesa per studente nella scuola primaria e secondaria, a dispetto di un aumento in media del 62% degli altri Paesi dell’area Ocse, con le tasse universitarie in costante aumento.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, “se davvero si vuole dare un segnale di discontinuità con la politica del Governo che ha prodotto la riforma più contestata della storia della Repubblica italiana, questo è il momento giusto. Il Parlamento, infatti, attraverso i suoi membri più coinvolti con il mondo formativo, può andare a correggere le tante norme sbagliate approvate con la Legge 107 e confermate con i testi delle leggi delega. Le commissioni di Camera e Senato non possono limitarsi ad ascoltare le indicazioni di chi la scuola la conosce perché la vive tutti i giorni, ma hanno il dovere di dare seguito a quelle linee di pensiero, quale è la nostra, avente il seguente obiettivo: migliorare l’offerta formativa attraverso un’organizzazione finalmente orientata alla sua promozione e non a salvaguardare esclusivamente i conti pubblici come, invece, è stato fatto sistematicamente negli ultimi anni”.

 

 

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Chiamata diretta, individuare più o meno titoli non risolve il problema: stanno riuscendo nell’impresa di peggiorare la Buona Scuola

Chiamata diretta, il Miur svela le linee guida: decidono i presidi, depotenziati i Pof, tempi ristretti

Chiamata diretta, Anief porta il caso in Corte Costituzionale: partono i ricorsi dei docenti

Trasferimenti infanzia e primaria, il cervellone non regge: ritardi e reclami

La riforma è già alla frutta: organico potenziato utilizzato per i docenti soprannumerari di altre materie e trasferimenti nel caos

Buona Scuola, il potenziamento è un enorme buco nell’acqua: alle scuole docenti sbagliati e ora i vicari rischiano di perdere l’esonero dalle lezioni

Chiamata diretta, è solo l’inizio: anche i 32mila assunti del 2016 passeranno per ambiti territoriali e giudizio dei presidi

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei (La Stampa del 29 agosto 2016)

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla (Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

Precari, graduatorie ancora stravolte: il Tar ordina e il Miur esegue l’inserimento di centinaia di docenti abilitati all’insegnamento

Stop ai docenti che hanno svolto oltre 36 mesi di supplenze. Miur faccia chiarezza, va applicato solo sulle cattedre vacanti

Precariato, gli Uffici scolastici si rifiutano di inserire i docenti nelle GaE così come previsto dai giudici. Anief: rischiano il commissariamento

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

Lezioni a singhiozzo, in ogni istituto mancano ancora tra i 4 e gli 8 supplenti annuali. Nelle grandi città non ci sono le convocazioni: 50mila docenti precari in cattedra tra novembre e Natale

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

Legge di Stabilità deludente, lunedì 14 novembre sciopero nazionale Anief con manifestazione a Montecitorio

Precariato, inutile trattativa Miur-Mef per spostare 25mila cattedre in organico di diritto: comunque vada, la supplentite non si schioda

Presentati 5mila emendamenti, 70 sono dell’Anief sulla Scuola: domani in migliaia davanti a Montecitorio per sensibilizzare i parlamentari

Ragioneria dello Stato: lo stipendio dei dipendenti della scuola in calo di 800 euro l’anno, si torna ai livelli del 2007. Rispetto alla media della PA sotto di 7.614 euro

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari