Lo schema di decreto sul riordino del reclutamento dei docenti per il prossimo triennio esclude l’assunzione dei precari abilitati, ignorati dal piano straordinario di assunzioni, e di chi ha partecipato all’ultimo concorso a cattedra. Nessuna soluzione per i laureati che potevano misurare il loro merito e non possono conseguire l’abilitazione. Inoltre, i futuri tirocinanti lavoreranno senza aver riconosciuta la loro professionalità. Non si può prevedere una fase transitoria, senza tener conto di quanto accade nelle scuole per garantire la continuità didattica.

 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): non si può prevedere una fase transitoria per il reclutamento senza tener conto di quanto accade nelle scuole per garantire la continuità didattica. È impensabile continuare a tenere fuori la porta, praticamente nello stato di precari a vita, i tanti docenti che oggi garantiscono la regolarità delle lezioni nelle nostre scuole. Vale la pena ricordare che tra i 100mila docenti precari, che oggi ancora sottoscrivono una supplenza annuale o fino al termine delle lezioni, ben l’80% sono supplenti iscritti nelle graduatorie d’istituto: tutti insegnanti abilitati con lo stesso percorso e con le medesime modalità di chi li ha preceduti attraverso le Ssis fino al 2011. Ecco perché il sindacato continua a chiedere la tutela di chi lavora nelle scuole, nelle aule dei tribunali come al Parlamento.

 

C’è un buco temporale di tre anni prima dell’avvio del nuovo modello d’insegnamento nelle scuole pubbliche, previsto dalla legge delega della “Buona Scuola”, approvata il 14 gennaio scorso dal Consiglio dei Ministri sul “riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria” (Atto n. 377): uno spazio di tempo durante il quale gli unici precari a essere stabilizzati saranno quelli rimasti nelle GaE. Sappiamo però che non basteranno per coprire i vuoti di organico, visto che vi sono delle classi di concorso dove già oggi non vi sono più docenti.

 

Nessuna considerazione continua a essere data dal Governo, invece, ai tanti docenti abilitati presenti nella seconda fascia delle graduatorie d’istituto. Gli stessi che erano stati già ignorati dal piano straordinario di assunzioni previsto dalla riforma, la Legge 107/2016. E il medesimo trattamento viene riservato a chi ha partecipato all’ultimo concorso a cattedra. Così come rimangono privi di speranze di accesso alla docenza anche i laureati, a cui si nega la possibilità di misurare il loro merito, partecipando al concorso a cattedra. Allo stesso modo gli viene impedito di conseguire l’abilitazione all’insegnamento.

 

Inoltre, in base al nuovo modello formativo post-concorso prefigurato dalla legge delega, i futuri tirocinanti lavoreranno nella scuola senza aver riconosciuta la loro professionalità, essendo costretti a ripartire da zero subito dopo essersi imposti nella selezione nazionale: il tutto in cambio di un micro stipendio di formazione iniziale di 400 euro, assegnatigli per il primo anno, a cui seguiranno successivi altri due anni a paga ridotta.

 

“Il problema – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – è che non si può prevedere una fase transitoria per il reclutamento senza tener conto di quanto accade nelle scuole, per garantire la continuità didattica. È impensabile continuare a tenere fuori la porta, praticamente nello stato di precari a vita, i tanti docenti che oggi garantiscono la regolarità delle lezioni nelle nostre scuole. Vale la pena ricordare che tra i 100mila docenti precari che oggi ancora sottoscrivono una supplenza annuale o fino al termine delle lezioni, ben l’80% sono supplenti iscritti nelle graduatorie d’istituto: tutti insegnanti abilitati con lo stesso percorso e con le medesime modalità di chi li ha preceduti attraverso le Ssis fino al 2011”.

 

“Ecco perché il sindacato continua a chiedere la tutela di chi lavora nelle scuole, nelle aule dei tribunali come al Parlamento, a cui nei prossimi giorni chiederemo, in audizione, precise modifiche sulla delega sul riordino della formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria. Se si vuole davvero avviare una ‘fase transitoria’ efficace, rispettando i diritti dei lavoratori, allora si svuotino le graduatorie dei precari, senza più distinzioni o discriminazioni: si preveda, quindi, il progressivo travaso dalla seconda fascia nelle GaE di tutti gli abilitati e abilitandi all’insegnamento. E si dia pure una prospettiva ai vincitori di concorso, come ai laureati”, conclude Pacifico.

 

Relazione illustrativa degli emendamenti proposti dall’Anief all’Atto n. 377 della Legge 107/2015: schema di decreto legislativo recante riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione

 

 

Per approfondimenti:

 

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei (La Stampa del 29 agosto 2016)

 

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

 

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

 

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla (Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

 

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

 

Precari, graduatorie ancora stravolte: il Tar ordina e il Miur esegue l’inserimento di centinaia di docenti abilitati all’insegnamento

 

Stop ai docenti che hanno svolto oltre 36 mesi di supplenze. Miur faccia chiarezza, va applicato solo sulle cattedre vacanti

 

Precariato, gli Uffici scolastici si rifiutano di inserire i docenti nelle GaE così come previsto dai giudici. Anief: rischiano il commissariamento

 

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

 

Lezioni a singhiozzo, in ogni istituto mancano ancora tra i 4 e gli 8 supplenti annuali. Nelle grandi città non ci sono le convocazioni: 50mila docenti precari in cattedra tra novembre e Natale

 

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

 

Legge di Stabilità deludente, lunedì 14 novembre sciopero nazionale Anief con manifestazione a Montecitorio

 

Precariato, inutile trattativa Miur-Mef per spostare 25mila cattedre in organico di diritto: comunque vada, la supplentite non si schioda

 

Presentati 5mila emendamenti, 70 sono dell’Anief sulla Scuola: domani in migliaia davanti a Montecitorio per sensibilizzare i parlamentari

 

Da lunedì il decreto sotto la lente del Senato: per Scuola e Università servono modifiche urgenti

 

Gli studenti e il valzer delle cattedre. In 2,5 milioni hanno cambiato prof (Corriere della Sera del 9 gennaio 2017)

 

Avvio esame Milleproroghe slitta a mercoledì, il Parlamento ha un’occasione ghiotta per abbattere il precariato

 

Mille-proroghe: oggi inizia l’esame in Senato. Governo dia le prime risposte ai precari nella gestione della fase transitoria

 

Quest’anno il record di alunni che hanno cambiato docente. Anief: andrà sempre peggio se non si risolve il problema del Meridione con misure straordinarie

 

Mobilità, nel 2016 record di errori e di sentenze per ripararli: al Miur la lezione non è servita, si sta approvando un altro contratto che porterà lavoro ai giudici

 

Precariato, docente con diploma magistrale immessa in ruolo dal Tribunale di Milano: per l’amministrazione poteva rimanere precaria a vita

 

Precari, non è bastata la Buona Scuola: è record, 3 su 4 della PA sono docenti e Ata

 

Graduatorie precari sbagliate e da rifare: la linea del Miur frana davanti ai giudici

 

Graduatorie precari, il Ministro promette di prenderle tutte in considerazione. Anief: va fatto subito

 

Miur avanti tutta sulle leggi delega della “Buona Scuola”, ma senza modifiche l’autogol è sicuro

 

Buona Scuola, CdM approva 8 decreti attuativi: per Anief è l’inizio di un percorso da completare

 

Per diventare insegnante laurea obbligatoria e concorso pubblico, ma prima la fase transitoria per stabilizzare i precari delle graduatorie

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari