Secondo il giovane sindacato, nel decreto legislativo della Legge 107/15 sulla ‘istituzione del sistema integrato di educazione e d’istruzione dalla nascita sino a sei anni’ è necessario un sensibile aumento degli organici e l’introduzione di personale potenziato nell’infanzia. Tra le modifiche richieste, c’è anche quella di prevedere l’anticipo di un anno dell’obbligo scolastico in classi in compresenza (con docenti della scuola dell’infanzia e della primaria assieme) e la riapertura delle GaE a tutto il personale docenti abilitato, nonché l’assunzione di tutti gli idonei dei concorsi.

 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): sarebbe importante anticipare l’obbligo scolastico, inserendo l’ultimo dei sei anni del Sistema integrato nel primo del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione. Il fine risponde ai mutamenti culturali del nostro tempo, offrendo un servizio che valorizzi le potenzialità di bambini, i quali in questo modo vivono uno spazio relazionale e cognitivo più dinamici rispetto alle precedenti generazioni. La scelta, inoltre, pur mantenendo in 10 anni la durata del diritto-dovere alla formazione, allinea ai colleghi europei gli studenti italiani che conseguono il diploma in uscita dal sistema di istruzione e formazione secondaria.

 

Senza l’assunzione di 33mila maestri e di 2.500 educatori non avrà alcuna possibilità di riuscita la riforma della scuola dell’infanzia, riguardante la formazione dei bambini fino a 6 anni di età che frequentano le scuole statali. A sostenerlo è l’associazione sindacale Anief, in procinto di presentare una proposta articolata, attraverso la prevista audizione presso le commissioni parlamentari riunite: ricorda che la Legge 107/2015 ha escluso inspiegabilmente dal piano straordinario d’immissioni in ruolo (quasi 100mila assunzioni nel 2015) alcune categorie di lavoratori della scuola, tra cui proprio i docenti della scuola dell’infanzia.

 

Ora, attraverso il decreto legislativo sulla “istituzione del sistema integrato di educazione e d’istruzione dalla nascita sino a sei anni”, l’Atto 380, è giunto finalmente il momento di “riparare” a questo grossolano errore: l’opportunità per farlo è prevedere l’assunzione a tempo determinato su tutti i posti vacanti e disponibili, aggiungendo una quota di docenti “potenziatori”, per un totale di 33mila maestri dell’infanzia e della primaria, oltre che di 2.500 educatori, da ripartire a livello regionale in base alle esigenze.

 

Per il sindacato, “l’assunzione del personale” servirà anche “per l’attivazione dell’anno terminale del sistema integrato, del personale educativo e dell’infanzia in organico potenziato anche per gli anni scolastici successivi all’a. s. 2015/2016”. Gli emendamenti Anief alla delega, riassunti in una memoria sugli emendamenti proposti che verrà consegnata ai parlamentari, prevedono infatti anche il miglioramento dell’offerta formativa rivolta alla fascia di bambini tra 0 e 6 anni, grazie all’incremento del numero d’insegnanti ed educatori; ciò permetterebbe l’anticipo di un anno dell’obbligo scolastico, in cui i maestri dell’asilo nido coi colleghi della scuola dell’infanzia opererebbero in classi in compresenza.

 

Su quest’ultima necessità, Anief chiede di modificare l’ultimo anno della scuola dell’infanzia “prevedendo continuità con il progetto pedagogico del primo biennio della Scuola primaria, tenuto conto delle Indicazioni nazionali per il curricolo”. In tal modo, “fin dal primo anno di attuazione, il Piano assicura il servizio a tutti i bambini che frequentano l’anno terminale del Sistema integrato, in quanto accedono al diritto-dovere all’istruzione e alla formazione”.

 

“La nostra modifica – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - intende anticipare l’obbligo scolastico inserendo l’ultimo dei sei anni del Sistema integrato nel primo del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione. Il fine risponde ai mutamenti culturali del nostro tempo, offrendo - pur senza derogare dalle indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione - un servizio che valorizzi le potenzialità di bambini, i quali, in questo modo, vivono uno spazio relazionale e uno cognitivo più dinamici rispetto alle precedenti generazioni. La scelta, inoltre, pur mantenendo in 10 anni la durata del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, allinea ai colleghi europei gli studenti italiani che conseguono il diploma in uscita dal sistema di istruzione e formazione secondaria”.

 

Anief ritiene inoltre indispensabile attuare con celerità, con la prossima “finestra” prevista per le graduatorie d’istituto, la riapertura delle Graduatorie a Esaurimento, con l’intento di permettere l’inserimento – in fascia aggiuntiva - di tutto il personale abilitato, ma rimasto sinora escluso. Le richieste prevedono pure la copertura dei posti della scuola dell'infanzia per l'attuazione del piano d’azione nazionale per il sistema integrato, anche avvalendosi dell’utilizzo dei candidati inseriti nella GaE, per il medesimo grado di istruzione, come risultante alla data di entrata in vigore della presente legge - estesa anche al personale della primaria da assumere, come già detto, in compresenza nell’ultimo anno del sistema integrato.

 

Fondamentale è poi favorire l’assunzione di tutti i vincitori e idonei dei concorsi pubblici svolti negli ultimi anni, ma rimasti sinora ancora incredibilmente esclusi delle immissioni in ruolo, senza certe prospettive di assunzione a tempo indeterminato, pur in presenza di posti vacanti e disponibili. A livello di utenza, infine, Anief ha chiesto un’ulteriore modifica alla delega, perché venga introdotto un tetto massimo del costo in capo alle famiglie degli alunni iscritti nelle scuole statali da 0 a 6 anni.

 

 

Per approfondimenti:

 

Chiamata diretta, individuare più o meno titoli non risolve il problema: stanno riuscendo nell’impresa di peggiorare la Buona Scuola

 

Chiamata diretta, il Miur svela le linee guida: decidono i presidi, depotenziati i Pof, tempi ristretti

 

Chiamata diretta, Anief porta il caso in Corte Costituzionale: partono i ricorsi dei docenti

 

Trasferimenti infanzia e primaria, il cervellone non regge: ritardi e reclami

 

La riforma è già alla frutta: organico potenziato utilizzato per i docenti soprannumerari di altre materie e trasferimenti nel caos

 

Buona Scuola, il potenziamento è un enorme buco nell’acqua: alle scuole docenti sbagliati e ora i vicari rischiano di perdere l’esonero dalle lezioni

 

Chiamata diretta, è solo l’inizio: anche i 32mila assunti del 2016 passeranno per ambiti territoriali e giudizio dei presidi

 

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei (La Stampa del 29 agosto 2016)

 

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

 

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

 

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla (Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

 

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

 

Precari, graduatorie ancora stravolte: il Tar ordina e il Miur esegue l’inserimento di centinaia di docenti abilitati all’insegnamento

 

Stop ai docenti che hanno svolto oltre 36 mesi di supplenze. Miur faccia chiarezza, va applicato solo sulle cattedre vacanti

 

Precariato, gli Uffici scolastici si rifiutano di inserire i docenti nelle GaE così come previsto dai giudici. Anief: rischiano il commissariamento

 

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

 

Lezioni a singhiozzo, in ogni istituto mancano ancora tra i 4 e gli 8 supplenti annuali. Nelle grandi città non ci sono le convocazioni: 50mila docenti precari in cattedra tra novembre e Natale

 

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

 

Legge di Stabilità deludente, lunedì 14 novembre sciopero nazionale Anief con manifestazione a Montecitorio

 

Precariato, inutile trattativa Miur-Mef per spostare 25mila cattedre in organico di diritto: comunque vada, la supplentite non si schioda

 

Presentati 5mila emendamenti, 70 sono dell’Anief sulla Scuola: domani in migliaia davanti a Montecitorio per sensibilizzare i parlamentari

 

MILLEPROROGHE - Da lunedì il decreto sotto la lente del Senato: per Scuola e Università servono modifiche urgenti

 

Domani il Milleproroghe in Aula al Senato, si possono subito assumere 20mila maestri dell’infanzia

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari