480x150-Gae-2

“Siamo arrivati al punto che professori e presidi vengono percepiti come nemici dello Stato e, di conseguenza, delle persone. Contrariamente a ciò che si pensa siamo tutti al servizio dello Stato, del cittadino e, quando si parla di scuola, ci dobbiamo impegnare per garantire un servizio fondamentale per la nostra società”. Con queste parole Marcello Pacifico, Presidente Nazionale Anief e segretario confederale Cisal, ha commentato l’ennesimo agguato, con tanto di aggressione fisica, ad un dirigente scolastico catanese, Fernando Rizza, che fatica a spiegare l’accaduto: “Aggredito a calci e pugni ma non so perché. Viviamo in una società che ha perso i valori e magari si pensa di ottenere un diritto agendo con queste forme sbagliate. “Abbiamo a che fare – spiega il preside al quotidiano La Sicilia– con centinaia di persone e trattiamo tanti atti amministrativi con un unico obiettivo: fare il bene della scuola per educare e formare i ragazzi. Qualche atto può non essere gradito, ma ci sono altri modi per contestare l’operato di un preside, come i sindacati e la legge”. Il Presidente dell’Anief tenta di trovare una spiegazione plausibile all’ennesimo gesto di intollerabile gravità che sta assumendo i contorni di un fenomeno deprecabile del nostro tempo, strettamente correlato a quella crisi di status che riguarda la figura professionale dell’insegnante: “C’è ormai il clima negativo, culturale e politico, di un Paese che si ostina, contro ogni evidenza, a dipingere i dirigenti scolastici come nemici del Collegio docenti o del personale Ata, come potenziali corrotti e corruttori che si approfitterebbero dell’autonomia scolastica per perseguire interessi personali”. Pacifico si sofferma poi sulla questione decreti delegati: “C’è la necessità che entro il 17 marzo si giunga ad una revisione completa degli otto testi al vaglio delle commissioni. I decreti sono sbagliati e vanno corretti. Ci sono errori all’interno del decreto sul sostegno come in quello che affronta il tema della formazione iniziale. In questo modo la scuola precipita, non so come faccia la neo ministra Fedeli ad annunciare che tutti i professori saranno in cattedra per i primi di settembre, è utopistico”.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari