1180-ricorso-ds-3b 1

Il giovane sindacato si schiera con gli insegnanti che oggi hanno protestato contro il Ministro dell’Istruzione, perché il Miur ha effettuato delle operazioni di mobilità che non hanno rispettato il fondamentale principio del merito e della professionalità. Sull’alto numero di alunni che lasciano i banchi prima del tempo, Fedeli ha detto che 'essendoci dati così alti sulla dispersione non è possibile non avere politiche dedicate'.

 

Marcello Pacifico (Cisal-Anief): sono diverse le operazioni da attuare. Come l’assunzione in ruolo su tutti i posti vacanti, rilevati tali dopo un apposito monitoraggio e una vera individuazione dell’organico di diritto; l’anticipo di un anno dell’obbligo scolastico; il potenziamento degli organici, sia di docenti che di personale Ata, proprio in quelle regioni dove le difficoltà territoriali rendono la dispersione e la disaffezione dalla scuola particolarmente accentuate.

 

Hanno fatto bene i docenti sardi a protestare contro il Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, per via dall’algoritmo impazzito della scorsa estate, che li ha costretti a spostarsi di regione pur in presenza di migliaia di posti vacanti nella stessa Sardegna. Anief si è schiarata da subito a fianco dei precari, avviando tutte le procedure possibili per sanare la situazione. E le sentenze emesse nelle ultime settimane dai tribunali hanno confermato le tesi patrocinate dal sindacato: il Miur ha effettuato delle operazioni di mobilità che non hanno rispettato il fondamentale principio del merito e della professionalità acquisita dai lavoratori valorizzata nel punteggio attribuito loro per i trasferimenti.

 

Vale per tutte, la sentenza del giudice del Lavoro di Venezia, che ha ribadito come l'unico principio da rispettare nei trasferimenti dei docenti, in assenza di precedenze, rimanga quello del merito professionale: il tribunale veneto ha infatti rilevato gravi errori nell'attribuzione delle sedi in Fase C, a causa dell'ormai famigerato algoritmo e condannato l'amministrazione all'immediata correzione dei trasferimenti operati nel 2016, riportando a casa una docente Campana erroneamente assegnata in Veneto.

 

Nella sentenza di Venezia, il giudice ha anche spiegato come “la corretta modalità operativa nella predisposizione delle graduatorie e nell’assegnazione della sede a ciascun docente consista nello stilare preferenza per preferenza la graduatoria dei docenti sulla base del punteggio assegnato secondo il punteggio posseduto e assegnato secondo le previsioni di cui all’allegato D al c.c.n.i. del 2016 senza tener conto dell’ordine con cui ciascun interessato abbia espresso la preferenza, a prescindere cioè che l’ambito territoriale esaminato sia collocato come prima o come terza o come altra successiva scelta/preferenza”.

 

Secondo il sindacato, la Sardegna, come le altre regioni del Sud Italia, è stata particolarmente penalizzata sul fronte della permanenza dei suoi docenti. Ed è bene che la necessità di “avere una legge dedicata per puntare sull’insieme dell’istruzione e della formazione”, indicata sempre oggi dal Ministro dell’Istruzione a Cagliari, dove ha incontrato il sindaco Massimo Zedda e il rettore dell’Università Maria Del Zompo, comprenda anche questo aspetto. “Perché essendoci dati così alti sulla dispersione non è possibile non avere politiche dedicate”, ha ribadito Fedeli.

 

Lo stesso concetto, sull’abbandono precoce dei banchi di scuola, era stato espresso qualche giorno fa dal sottosegretario al ministero dell'Istruzione, Angela d'Onghia, secondo la quale “l'Italia sta facendo passi in avanti ma sicuramente bisogna farne molti di più”, perché “ogni ragazzo che perdiamo è una perdita per tutto il paese” con “regioni in cui siamo intorno al 10%, che è la media che vorremmo raggiungere nel 2020” ma “ci sono altre regioni che sono invece più indietro”.

 

Anief reputa positiva le volontà espressa dal ministro Fedeli e dal sottosegretario d’Onghia, entrambe convinte nell’adottare “cure” specifiche per abbattere il fenomeno della dispersione scolastica, a patto che si riconosca che certi obiettivi si ottengono agendo anche sul personale. “È evidente – spiega il suo presidente nazionale, Marcello Pacifico – che qualsiasi manovra in questo senso non può prescindere da una serie di operazioni incrociate. Come l’assunzione in ruolo su tutti i posti vacanti, rilevati tali dopo un apposito monitoraggio e una vera individuazione dell’organico di diritto; l’anticipo di un anno dell’obbligo scolastico, a cinque anni anziché sei, in classi in compresenza”.

 

“Preoccupa non poco il dato di disoccupazione crescente e di collegamento con il mondo del lavoro in determinate aree, con l’Italia che è l’unico Paese Ocse che dal 1995 non ha incrementato la spesa per studente nella scuola primaria e secondaria, a dispetto di un aumento in media del 62% degli altri Paesi. Infine, ma non certo per ultimo, si deve introdurre il potenziamento degli organici, sia di docenti che di personale Ata, proprio in quelle regioni dove le difficoltà territoriali rendono la dispersione e la disaffezione dalla scuola particolarmente accentuate. Si tratta di azioni che però vanno attuate nei fatti. Gli stessi fatti – conclude il sindacalista, che ha di recente espresso in Parlamentoche occorrono per riportare a casa tanti docenti spediti lontano da un algoritmo impazzato e di cui ancora attendiamo notizie sui criteri adottati”.

 

 

Per approfondimenti:

 

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei (La Stampa del 29 agosto 2016)

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla (Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

Precari, graduatorie ancora stravolte: il Tar ordina e il Miur esegue l’inserimento di centinaia di docenti abilitati all’insegnamento

Stop ai docenti che hanno svolto oltre 36 mesi di supplenze. Miur faccia chiarezza, va applicato solo sulle cattedre vacanti

Precariato, gli Uffici scolastici si rifiutano di inserire i docenti nelle GaE così come previsto dai giudici. Anief: rischiano il commissariamento

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

Lezioni a singhiozzo, in ogni istituto mancano ancora tra i 4 e gli 8 supplenti annuali. Nelle grandi città non ci sono le convocazioni: 50mila docenti precari in cattedra tra novembre e Natale

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

Legge di Stabilità deludente, lunedì 14 novembre sciopero nazionale Anief con manifestazione a Montecitorio

Precariato, inutile trattativa Miur-Mef per spostare 25mila cattedre in organico di diritto: comunque vada, la supplentite non si schioda

Presentati 5mila emendamenti, 70 sono dell’Anief sulla Scuola: domani in migliaia davanti a Montecitorio per sensibilizzare i parlamentari

Da lunedì il decreto sotto la lente del Senato: per Scuola e Università servono modifiche urgenti

Gli studenti e il valzer delle cattedre. In 2,5 milioni hanno cambiato prof (Corriere della Sera del 9 gennaio 2017)

Avvio esame Milleproroghe slitta a mercoledì, il Parlamento ha un’occasione ghiotta per abbattere il precariato

Mille-proroghe: oggi inizia l’esame in Senato. Governo dia le prime risposte ai precari nella gestione della fase transitoria

Quest’anno il record di alunni che hanno cambiato docente. Anief: andrà sempre peggio se non si risolve il problema del Meridione con misure straordinarie

Mobilità, nel 2016 record di errori e di sentenze per ripararli: al Miur la lezione non è servita, si sta approvando un altro contratto che porterà lavoro ai giudici

Precariato, docente con diploma magistrale immessa in ruolo dal Tribunale di Milano: per l’amministrazione poteva rimanere precaria a vita

Precari, non è bastata la Buona Scuola: è record, 3 su 4 della PA sono docenti e Ata

Graduatorie precari sbagliate e da rifare: la linea del Miur frana davanti ai giudici

Graduatorie precari, il Ministro promette di prenderle tutte in considerazione. Anief: va fatto subito

Miur avanti tutta sulle leggi delega della “Buona Scuola”, ma senza modifiche l’autogol è sicuro

Buona Scuola, CdM approva 8 decreti attuativi: per Anief è l’inizio di un percorso da completare

Per diventare insegnante laurea obbligatoria e concorso pubblico, ma prima la fase transitoria per stabilizzare i precari delle graduatorie

Formazione nuovi docenti e reclutamento: Anief chiede l’apertura delle GaE nella fase transitoria, l’assunzione dei vincitori e degli idonei

Scuole all’estero, inaccettabile la legge delega approvata in CdM: a rischio organici e diritti del personale, servono modifiche

Delude la riforma sul sostegno agli alunni disabili: la legge delega allontana i docenti specializzati dall’esercizio della professione e lascia 40mila posti vacanti

Delega riforma infanzia 0-6 anni: Anief chiede l’organico di potenziamento e un piano straordinario di assunzioni di 33mila maestri e 2.500 educatori

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie