1180-ricorso-ds2

È un evento importante che riguarda 320 mila precari, a cui viene offerta la possibilità di presentare ulteriori titoli e servizi, oltre che di spostarsi di sede. Il problema è che l’amministrazione si appresta a fornire tale diritto dei lavoratori, però penalizzandone un enorme numero, anche coloro che avrebbero piena facoltà d'inserirsi nelle graduatorie per la prima volta. Per non parlare di chi è in prima fascia e dovrà attendere il 2018. Possono ricorrere per l’inserimento nella seconda fascia diverse categorie: candidati con diploma magistrale a indirizzo linguistico, Insegnanti tecnico pratici, personale educativo che chiede l’inserimento per la scuola primaria, diplomati accademici di conservatorio fino al 2001/02, abilitati all’estero in attesa di riconoscimento del titolo. Anief ha inoltre attivato il ricorso per l’inserimento in terza fascia per la disciplina Diritto (ex A019) dei laureati in Scienze Politiche – vecchio ordinamento - dopo l’anno accademico 2000/01. È anche possibile ricorrere per ottenere la valutazione del servizio militare prestato non in costanza di nomina.

VAI AI RICORSI PER L’INSERIMENTO IN II FASCIA G.I.


VAI AI RICORSI PER L’INSERIMENTO IN III FASCIA G.I.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’amministrazione continua a trattare il personale precario in modo superficiale e approssimativo. Noi, che da statuto difendiamo i lavoratori della scuola, precari e di ruolo, non possiamo permettere tali abusi: per questo siamo pronti a dare battaglia nelle sedi legali idonee a ristabilire le norme su un piano di correttezza e di equità delle regole che disciplinano il precariato scolastico italiano.

 

Mancano pochi giorni all’aggiornamento delle Graduatorie d'Istituto, le liste d'attesa per le supplenze presenti in tutte le 8.200 scuole pubbliche italiane: si tratta di un evento importante che riguarda 320 mila precari, a cui viene offerta la possibilità di presentare ulteriori titoli e servizi, oltre che di spostarsi di sede. Il problema è che l’amministrazione si appresta a fornire tale diritto dei lavoratori, però penalizzandone un enorme numero. Anche coloro che avrebbero piena facoltà d'inserirsi nelle graduatorie per la prima volta. Anief, pertanto, attiva i ricorsi per l’inserimento degli abilitati e delle categorie escluse.

Considerato, inoltre, che il mancato aggiornamento delle graduatorie a esaurimento, previsto inizialmente per quest’anno e poi rimandato all’anno scolastico 2018/19, causa un grave e ingiustificato danno a chi nelle GaE è già inserito, nella terza fascia o in quella aggiuntiva, in quanto impedisce l’aggiornamento del punteggio e – soprattutto – il diritto al trasferimento della provincia di inserimento, Anief ha deciso di avviare un contenzioso per chi non intende subire questa situazione. Allo stesso modo e per gli stessi motivi, è stato anche attivato un ricorso contro il mancato aggiornamento della I fascia delle graduatorie di circolo e d’istituto, poiché coloro che sono collocati oggi in tale fascia rimangono sostanzialmente in stand by per un altro anno.

Possono ricorrere per l’inserimento nella seconda fascia delle Graduatorie d’Istituto diverse categorie escluse: candidati con diploma magistrale a indirizzo linguistico, Insegnanti tecnico pratici, personale educativo che chiede l’inserimento in seconda fascia per la scuola primaria, diplomati accademici di conservatorio fino al 2001/2002, abilitati all’estero in attesa di riconoscimento del titolo. Anief ha inoltre attivato il ricorso per l’inserimento in terza fascia per la disciplina Diritto (ex A019) dei laureati in Scienze Politiche – vecchio ordinamento - dopo l’anno accademico 2000/2001. Infine, è possibile ricorrere per ottenere la valutazione del servizio militare prestato non in costanza di nomina.

Il giovane sindacato comunica che la preadesione va effettuata on line sul portale Anief e si riserva di fornire ulteriori indicazioni riguardo alla presentazione della domanda d'inserimento in graduatoria, alla firma del mandato al legale e all’invio della documentazione per il ricorso dopo la pubblicazione dei relativi decreti ministeriali.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, “queste esclusioni dimostrano che l’amministrazione continua a trattare il personale precario in modo superficiale e approssimativo. Noi, che da statuto difendiamo i lavoratori della scuola, precari e di ruolo, non possiamo permettere tali abusi: per questo, siamo pronti a dare battaglia nelle sedi legali idonee a ristabilire le norme su un piano di correttezza e di equità delle regole che disciplinano il precariato scolastico italiano”.

VAI AI RICORSI PER L’INSERIMENTO IN II FASCIA G.I.


VAI AI RICORSI PER L’INSERIMENTO IN III FASCIA G.I.

Per approfondimenti:

Graduatorie precari sbagliate e da rifare: la linea del Miur frana davanti ai giudici

Graduatorie precari, il Ministro promette di prenderle tutte in considerazione. Anief: va fatto subito

Miur avanti tutta sulle leggi delega della “Buona Scuola”, ma senza modifiche l’autogol è sicuro

Buona Scuola, CdM approva 8 decreti attuativi: per Anief è l’inizio di un percorso da completare

Per diventare insegnante laurea obbligatoria e concorso pubblico, ma prima la fase transitoria per stabilizzare i precari delle graduatorie

Decreti delegati L.107/15: Cisal presenta emendamenti Anief in audizione al Senato presso la VII Commissione, molte le modifiche da fare

Riforma, la fase transitoria per gestire il precariato è un disastro. Anief proclama lo stato di agitazione, se non basta sarà sciopero

Precariato, sui posti vacanti il Governo gioca al ribasso e finanzia solo un decimo delle assunzioni necessarie

Precari, il Ministro presenta la fase transitoria: abilitati in ruolo con un esame orale, concorso semplificato per non abilitati con 36 mesi, entro settembre fine “concorsone”

Nella Scuola 3 precari su 4 della PA, ma è l’unico comparto dove i supplenti di lungo corso vengono respinti

Legge 107, deleghe non ritirate: sostegno, modalità per diventare insegnanti, valutazione saranno modificate (Orizzonte Scuola, 24 febbraio 2017)

Precariato, la partita sulle deleghe della L. 107/15 è ancora aperta: c’è tempo fino al 17 marzo

Precariato, in Senato approvato ordine del giorno Puglisi salva posti e supplenti. Anief: bene, ma non basta: serve decreto legge ad hoc

Precariato, piano pluriennale assunzioni: Governo al bivio. Anief: scelga da che parte, confermato lo sciopero del 17 marzo

Precariato, a settembre 3 posti su 4 ancora ai supplenti: per loro solo 27mila posti su 100mila

Mobilità, da quest’anno graduatoria unica: aumenta il rischio di perdere il posto. Anief: è assurdo che il pre-ruolo venga ancora valutato parzialmente

Mobilità, contratto in fase di stallo per mancato accordo sulla chiamata diretta: così si mette in serio rischio l’inizio del prossimo anno

Aggiornamento GI - video ANIEF 29/3/2017

Mobilità docenti e Ata 2017, martedì 11 aprile si chiude sul contratto: senza accordo scuola paralizzata

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie