480x150-Gae-2

Lo ha detto Pippo Noto, rappresentante sindacale del giovane sindacato commentando il taglio della testa e un pezzo del busto della statua del magistrato ucciso dalla mafia 25 anni fa di cui si è appresa la notizia oggi: siamo senza parole per quello che è accaduto, perché il nostro prodigarci per trasmettere determinati concetti e valori significa che non basta. I nostri sono ragazzi speciali, ad alto rischio di dispersione e siamo determinati nel combattere questa sfida. Si potrebbero realizzare corsi di danza, di cucina, di informatica o laboratori di vario genere. Invece, l’unica risorsa aggiuntiva che lo Stato fornisce all’istituto sono 10 euro in più per ogni alunno iscritto. E non possono bastare, perché per tenere questo genere di corsi e attività occorrono altri formatori. Noi, più di questo non possiamo fare.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): come operatori della scuola e organizzazione sindacale, siamo vicini al personale dell’istituto scolastico oggetto dell’atto vigliacco e intimidatorio: sono loro, infatti, l’ultimo baluardo nella lotta quotidiana per far vincere la legalità. Nelle periferie, in particolare, i docenti, il personale Ata, i loro dirigenti scolastici, i rappresentanti sindacali fanno uno sforzo immane per innescare il valore della legalità. Combattendo, ogni giorno, contro un sistema che vorrebbe negare la fiducia nelle istituzioni. In questi contesti, su 100 ragazzi, solo 60 arrivano a conseguire il diploma di maturità.

 

“Il danneggiamento della statua di Falcone, davanti all’istituto comprensivo Giovanni Falcone a Palermo, e il suo utilizzo come ariete contro il muro dell'istituto scolastico nel popolare quartiere Zen rappresentano degli atti vili e ingiustificabili. Ma anche la conferma che la presenza dello Stato al Sud deve essere raddoppiata, a cominciare dall’organico delle scuole”: così commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, il taglio della testa e un pezzo del busto della statua del magistrato ucciso dalla mafia 25 anni fa di cui si è appresa la notizia oggi.

Il presidente Anief era stato nell’istituto Falcone lo scorso 1° settembre, proprio per testimoniare la vicinanza del sindacato alla scuola. “È importante che anche lo Stato stia vicino a chi ogni giorno lotta per la legalità – continua Pacifico – e non abbandonarlo al suo destino. Come operatori della scuola e organizzazione sindacale siamo vicini al personale dell’istituto scolastico oggetto dell’atto vigliacco e intimidatorio: sono loro, infatti, l’ultimo baluardo nella lotta quotidiana per far vincere la legalità. Nelle periferie, in particolare, i docenti, il personale Ata, i loro dirigenti scolastici, i rappresentanti sindacali fanno uno sforzo immane per innescare il valore della legalità. Combattendo, ogni giorno, contro un sistema che vorrebbe negare la fiducia nelle istituzioni”.

“In questi contesti – dice ancora il sindacalista autonomo – la dispersione scolastica supera il 40 per cento: significa che su 100 ragazzi, solo 60 arrivano a conseguire il diploma di maturità. È una percentuale altissima, se solo pensiamo che l’Unione Europea ci indica come tetto il 10 per cento e la media nazionale si attesta sotto il 17 per cento. Quando si ha a che fare con queste situazioni, significa che sotto scacco è l’educazione alla cittadinanza e che sta vincendo chi sfida a rappresentare lo Stato. Ecco perché le prove Invalsi non possono avere alcun valore attendibile; in queste aree ciò che conta è la presenza attiva della scuola nel territorio. Quella che, però, si può attuare solo con risorse straordinarie. A iniziare da quelle umane e non a caso rivendichiamo da anni organici di personale maggiorati in queste aree a rischio e particolarmente svantaggiate”, conclude il presidente Anief.

Le carenze territoriali allo Zen di Palermo sono evidenti. Anche a livello scolastico. Lo conferma Pippo Noto, docente Rsu Anief da cinque anni: “siamo senza parole per quello che è accaduto. Forse è arrivato da gente che non è dello Zen, magari a ridosso della ricorrenza della doppia uccisione di Falcone e Borsellino, per dimostrare chissà cosa. Di sicuro, per noi è una ferita ulteriore, perché il nostro prodigarci per trasmettere determinati concetti e valori significa che non basta: i nostri sono ragazzi speciali, ad alto rischio di dispersione e siamo determinati nel combattere questa sfida. Solo che occorrono risorse ulteriori”.

“I nostri sono ragazzi – continua la Rsu Anief – sicuramente che hanno più bisogno di altri di essere legati alla scuola il pomeriggio e anche d’estate. Si potrebbero realizzare corsi di danza, di cucina, di informatica o laboratori di vario genere. Invece, l’unica risorsa aggiuntiva che lo Stato fornisce all’istituto sono 10 euro in più per ogni alunno iscritto. E non possono bastare, perché per tenere questo genere di corsi e attività occorrono altri formatori. Noi, più di questo – conclude Noto – non possiamo fare”.

 

 

Per approfondimenti:

 

Quest’anno il record di alunni che hanno cambiato docente. Anief: andrà sempre peggio se non si risolve il problema del Meridione con misure straordinarie

Mobilità, nel 2016 record di errori e di sentenze per ripararli: al Miur la lezione non è servita, si sta approvando un altro contratto che porterà lavoro ai giudici

Precariato, docente con diploma magistrale immessa in ruolo dal Tribunale di Milano: per l’amministrazione poteva rimanere precaria a vita

Precari, non è bastata la Buona Scuola: è record, 3 su 4 della PA sono docenti e Ata

Graduatorie precari sbagliate e da rifare: la linea del Miur frana davanti ai giudici

Graduatorie precari, il Ministro promette di prenderle tutte in considerazione. Anief: va fatto subito

Miur avanti tutta sulle leggi delega della “Buona Scuola”, ma senza modifiche l’autogol è sicuro

Buona Scuola, CdM approva 8 decreti attuativi: per Anief è l’inizio di un percorso da completare

Per diventare insegnante laurea obbligatoria e concorso pubblico, ma prima la fase transitoria per stabilizzare i precari delle graduatorie

Decreti delegati L.107/15: Cisal presenta emendamenti Anief in audizione al Senato presso la VII Commissione, molte le modifiche da fare

Riforma, la fase transitoria per gestire il precariato è un disastro. Anief proclama lo stato di agitazione, se non basta sarà sciopero

Deleghe Legge 107/15, le commissioni parlamentari hanno solo 72 ore di tempo: sinora prodotte poche modifiche su cultura umanistica e valutazione alunni

I test in classe bocciati dai prof universitari di tutto il mondo, ma l’Italia punta dritto sui quiz Invalsi

Invalsi, la forbice Nord-Sud su competenze Italiano e Matematica si accentua alle medie. Anief: rafforzare gli organici delle scuole meridionali

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari