770X100-ricorso-ds2

Le immissioni in ruolo volgono ormai al termine, sebbene il Miur abbia cambiato più volte la tempistica, considerati i ritardi di alcuni Uffici periferici. Ma è già polemica: a Milano un posto su sei rimane scoperto dopo le assunzioni per il mancato aggiornamento e inserimento nelle Gae. Per il personale Ata non viene coperta neanche la metà del turn over, per non parlare dell’organico di fatto. Restano scoperte più di mille presidenze nonostante i ricorsi pendenti da poter sanare. Semaforo rosso per i Dsga con più di 1.700 nuove reggenze. Soltanto un posto vacante su dieci assegnato agli educatori.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Altro che trionfo! La precarietà rimane un male endemico della scuola italiana, vuoi perché non viene coperto neanche il turn over come per il personale Ata o non viene trasformato tutto l’organico di fatto in diritto o ancora perché il Miur si ostina a non aggiornare le graduatorie ad esaurimento, laddove le stesse sono esaurite e non consente al personale abilitato di poter essere assunto nei ruoli dello Stato dopo averlo formato a sue spese. Il Governo non vuole riaprire le Gae e preferisce soccombere in giudizio nelle cause del rito del lavoro sulla violazione del diritto comunitario, piuttosto che assumere un giovane insegnante.

Continuano i ricorsi Anief per i precari con risarcimenti milionari: ricorri con noi.

 

Come riporta Orizzonte Scuola, le immissioni in ruolo volgono ormai al termine, “sebbene il Miur abbiacambiato più volte la tempistica, considerati i ritardi di alcuni Uffici periferici. La data ultima, secondo l’avviso del 7 agosto, per le operazioni di assegnazione degli ambiti ai neo immessi è l’8 agosto p.v”. Ma, inutile dirlo, è già polemica. Infatti, un posto su sei rimane scoperto a Milano dopo le assunzioni per il mancato aggiornamento e inserimento nelle Gae; “In provincia di Milano la carenza di docenti si fa sentire. Terminato il giro di convocazioni, restano scoperte ancora numerose cattedre. Secondo i dati diffusi da provveditorato, alle medie resteranno nelle mani dei precari una cattedra su due, mentre alle superiori una su cinque. Copertura totale invece per l’Infanzia, così come per la primaria. Particolare carenza per quanto riguarda il sostegno e la matematica alle medie”.

Per il personale Ata non viene coperta neanche la metà del turn over, per non parlare dell’organico di fatto. Restano scoperte più di mille presidenze nonostante i ricorsi pendenti da poter sanare. Semaforo rosso per i Dsga con più di 1.700 nuove reggenze. Soltanto un posto vacante su dieci assegnato agli educatori.

“Altro che trionfo - dichiara stupito Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal -. La precarietà rimane un male endemico della scuola italiana, vuoi perché non viene coperto neanche il turn over come per il personale Ata - assunzioni comunque sbloccate grazie alla class action promossa da Anief al Tar Lazio a cui chiederemo il raddoppio delle nomine - o non viene trasformato tutto l’organico di fatto in diritto (al di là della costituzione di cattedre orarie dagli spezzoni) o ancora perché il Miur si ostina a non aggiornare le graduatorie ad esaurimento, laddove le stesse sono esaurite e non consente al personale abilitato di poter essere assunto nei ruoli dello Stato dopo averlo formato a sue spese”.

“È il caso della regione Lombardia e della provincia di Milano dove si è concentrato il più alto numero di assunzioni per matematica e sostegno, in cui tutte le relative graduatorie di merito e ad esaurimento sono esaurite, e quindi avrebbero potuto inserirsi a pieno titolo quei docenti abilitati con Tfa e Pas che fra qualche mese saranno chiamati come supplenti per scorrimento delle graduatorie d’istituto. E tutto questo perché il Governo non vuole riaprire le Gae e preferisce - quasi in maniera surreale - soccombere in giudizio nelle cause del rito del lavoro sulla violazione del diritto comunitario piuttosto che assumere un giovane insegnante”, continua Pacifico.

“Ora, sarebbe bene porsi alcune domande. Ad esempio, chi le paga queste spese legali? Ovviamente, i cittadini. Per non parlare del concorso a dirigente scolastico, da mesi annunciato con continui ricorsi in tribunale e sanatorie parziali; non riescono a risolvere la catastrofica gestione delle prove concorsuali. E che dire dell’emendamento approvato e poi rimangiato al Decreto Legge ‘Vaccini’, per il no del Tesoro al bando del nuovo concorso per Dsga? Sugli educatori addirittura le assunzioni sono un decimo di quelle previste in organico di diritto. Cosa pretendere di più se non un po’ di buon senso?”, conclude il sindacalista autonomo.

Nel frattempo, questi precari ricorreranno con Anief per ottenere risarcimenti, scatti di anzianità e mensilità estive, e il contenzioso al tribunale amministrativo continuerà il suo corso.

 

 

Per Approfondimenti:

 

 

Tempo Scuola: nuovi tagli. Fedeli autorizza altre 100 scuole a sperimentare la maturità delle superiori dopo quattro anni

Mobilità: l’algoritmo impazzito costa caro al Miur, il Consiglio di Stato commissaria il Ministero e lo condanna per inadempienza

Entra di ruolo a 69 anni dopo una vita da precaria ma a 70 anni sarà licenziata senza pensione

Contratto: a settembre primi incontri coi sindacati con Atto di indirizzo del Miur

Mobilità: ancora vittorie Anief sul servizio svolto nelle paritarie

Immissioni in ruolo nel caos. Anief raccoglie denunce per cattiva gestione di graduatorie concorsuali e ad esaurimento

Rinnovo statali, aumenti graduali dal 2017 di 60 euro netti: ne servivano 300. Così lo Stato ha risparmiato 70 miliardi di euro mal pagando i dipendenti pubblici

Il Governo diventa 'Robin Hood', ma i lavoratori della Scuola non risalgono la china: cosa cambia ad un bidello con 30 euro in più se il suo stipendio è di 1.008 euro?

P.A. e SCUOLA - Rinnovo contratto, i sindacati si apprestano a firmare ma i lavoratori non ridono

Fedeli auspica aumenti per i docenti. Anief: fa bene, servono 210 euro netti per ognuno

P.A. e SCUOLA – Contratto, i sindacati alzano la testa: no alle condizioni capestro del Governo

Rinnovo contratto, Madia: atto d’indirizzo entro l’estate per 56 euro netti. Per Anief non ci sono le condizioni

P.A. e SCUOLA – Riforma statali, c’è poco da ridere: stanziate un quarto delle risorse utili a un rinnovo del contratto equo, permane l’abuso di precariato

Fedeli rassicura sui tempi, ma i lavoratori chiedono garanzie sugli aumenti: dopo quasi 10 anni d’attesa non possono bastare 56 euro in più

Contratto, l’8 giugno parta la trattativa per il rinnovo della vergogna: 85 euro lordi ora pure in bilico

Contratto, domani al via incontri all’Aran: c’è l’accordo per la firma a giugno, ogni lavoratore perderà in media 6.600 euro per il triennio 2015/18

Contratto triennio 2015/18, Fedeli convoca i sindacati il 14 giugno: Anief e Udir chiedono di non firmare il rinnovo senza il recupero dell’inflazione

Fedeli vuole valorizzare i docenti con un acconto e cambiare la riforma Renzi solo per la scuola media. Anief: soluzioni di facciata

Rinnovo del contratto, convocate all’Aran le Confederazioni sindacali. Anief: tutto inutile se non si rimettono gli stipendi a livello dell’inflazione

Avviata la trattativa all’Aran. Marcello Pacifico (Cisal-Confedir): i dipendenti pubblici non sono figli di un dio minore

Docenti sottopagati, la Ministra è d’accordo col sindacato: ma ora lo scriva nell’Atto di indirizzo del rinnovo contrattuale

Docenti sottopagati, la Ministra è d’accordo col sindacato: ma ora lo scriva nell’Atto di indirizzo del rinnovo contrattuale

RINNOVO CONTRATTO P.A.– Mancano soldi per gli aumenti e il Governo riesuma Robin Hood nella foresta di Sherwood

Ocse: stipendi docenti a picco. Anief: basta palliativi, servono aumenti veri

Professione docente, malgrado tutto rimane le più ambita: in 700mila fanno domanda per le graduatorie d’istituto ed è boom di ricorsi

In Italia fare il docente non conviene: malpagato e ad alto rischio di incorrere in malattie professionali

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie