1180-ricorso-ds-3b 1

ROMA, 11 SET - Ci sono i presupposti giuridici per bloccare il decreto vaccini: è ciò che sostiene l'Anief, che annuncia l'intenzione di presentare un ricorso entro la settimana. "In un contesto scolastico dove i problemi aumentano, con gli organici abbattuti e stracolmi di precari - dice il sindacato in una nota - si vanno a caricare di ulteriori impegni le segreterie scolastiche già ridotte all'osso. Premesso che in tal modo lo Stato è andato oltre le proprie competenze, lo studio legale Anief, dopo un'analisi del decreto, e le circolari che ne sono seguite, ha appurato che vi sono i presupposti giuridici per bloccarlo: in settimana depositeremo il ricorso". L'Anief ricorda che l'obbligo di vaccinarsi riguarda circa 6 milioni sugli oltre 7,7 milioni di allievi ufficialmente iscritti negli 8mila istituti scolastici italiani. Ad essere esentati sono quindi solo gli studenti dell'ultimo triennio della scuola secondaria di secondo grado. "Secondo noi - afferma il presidente Marcello Pacifico - con questa decisione si preclude la possibilità di far frequentare la scuola agli alunni fino a 6 anni non in regola e si sanzionano ingiustamente le famiglie con figli da quell'età fino a 16 anni, minando il diritto allo studio previsto dalla Costituzione italiana, conferendo alle dirigenze scolastiche una responsabilità che dovrebbe riguardare solo l'ambito sanitario".

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie