1180-ricorso-ds2

Altri 15 docenti precari potranno usufruire delle progressioni stipendiali e degli scatti di anzianità grazie all'azione legale promossa dall'Anief.  I tribunali del lavoro di tutta Italia stanno accogliendo i ricorsi del nostro sindacato e condannando il Ministero dell’Istruzione per discriminazione. Ancora possibile aderire agli specifici ricorsi per la tutela dei lavoratori a tempo determinato.

Vittorie in tutta Italia per i ricorsi Anief sul diritto alle progressioni di carriera anche durante il periodo di precariato. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Le ragioni secondo le quali il Ministero dell'Istruzione ha tentato di giustificare la disparità di trattamento posta in essere da decenni a discapito dei lavoratori precari della scuola sono state correttamente ritenute dai Giudici senza alcuna correlazione logica con la negazione della progressione retributiva in funzione dell’anzianità di servizio maturata, che risponde unicamente ad una finalità di risparmio di spesa pubblica del tutto estranea alle “ragioni oggettive” nell’accezione di cui alla clausola 4, punto 1, dell’Accordo Quadro sul lavoro a tempo determinato”. L’ANIEF ricorda a tutti i lavoratori precari della scuola che è ancora possibile ricorrere per vedersi finalmente riconosciuti i propri diritti e per ottenere pari dignità retributiva rispetto ai docenti a tempo indeterminato.

 

Le sentenze, ottenute presso i Tribunali del lavoro di Milano (Avv. Francesca Lideo), Piacenza (Avv. Irene Lo Bue), Reggio Emilia (Avv. Irene Lo Bue), Trani (Avv. Michele Ursini) e Verona (Avv. Maria Maniscalco) grazie alla grande professionalità dei legali ANIEF, rilevano come il Miur abbia palesemente violato la normativa comunitaria ricordando che “il principio di non discriminazione tra lavoratori a tempo determinato e lavoratori a tempo indeterminato è stato sancito, nell’ordinamento comunitario, dalla clausola 4 dell’Accordo Quadro sul lavoro a tempo determinato del 18.3.1999, trasfuso nella Direttiva 1999/70/CE del 28.6.1999, secondo la quale “per quanto riguarda le condizioni di impiego, i lavoratori a tempo determinato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili per il solo fatto di avere un contratto o rapporto di lavoro a tempo determinato” e accolgono in toto le tesi del nostro sindacato ricordando al Miur che anche la Suprema Corte diCassazione ha enunciato il seguente principio di diritto: “La clausola 4 dell’Accordo quadro sul rapporto a tempo determinato recepito dalla direttiva 99/70/CE, di diretta applicazione, impone di riconoscere la anzianità di servizio maturata al personale del comparto scuola assunto con contratti a termine, ai fini della attribuzione della medesima progressione stipendiale prevista per I dipendenti a tempo indeterminato dai c.c.n.l. succedutisi nel tempo. Vanno, conseguentemente, disapplicate le disposizioni dei richiamati c.c.n.l. che, prescindendo dalla anzianità maturata, commisurano in ogni caso la retribuzione degli assunti a tempo determinato al trattamento economico iniziale previsto per i dipendenti a tempo indeterminato”. Il Ministero dell'Istruzione, in tutti i giudizi, ha pagato anche le spese di soccombenza.

“Le ragioni secondo le quali il Ministero dell'Istruzione ha tentato di giustificare la disparità di trattamento posta in essere da decenni a discapito dei lavoratori precari della scuola – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - sono state ritenute dai Giudici senza alcuna correlazione logica con la negazione della progressione retributiva in funzione dell’anzianità di servizio maturata, che risponde unicamente ad una finalità di risparmio di spesa pubblica che risulta del tutto estranea alle ‘ragioni oggettive’ nell’accezione di cui alla clausola 4, punto 1, dell’Accordo Quadro sul lavoro a tempo determinato”. Alla luce della giurisprudenza comunitaria e di quella interna conseguente, dunque, i giudici hanno ritenuto “illegittime le norme del CCNL del comparto scuola che attribuiscono il diritto alla progressione nelle posizioni stipendiali unicamente al personale assunto con contratto a tempo indeterminato e che riconoscono l’anzianità pregressa ai lavoratori precari immessi in ruolo soltanto con decorrenza dalla data di immissione in ruolo” condannando, di conseguenza, il Ministero dell’Istruzione a corrispondere ai 15 ricorrenti le progressioni stipendiali mai riconosciute integrate dagli interessi legali.

L’ANIEF ricorda a tutti i lavoratori precari della scuola che è ancora possibile ricorrere per vedersi finalmente riconosciuti i propri diritti e per ottenere pari dignità retributiva rispetto ai docenti a tempo indeterminato.

Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi clicca qui.

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie