1180-ricorso-ds2

ROMA, 9 OTT - "E' sempre più emergenza presidi". Lo denuncia l'Anief citando il caso della Sardegna dove un dirigente gestisce 17 scuole. "Ci sono dei presidi che sono distanti dall'assegnazione anche 50 km, fino a un estremo caso, quello di un capo d'istituto che si divide tra scuole della provincia di Nuoro e Oristano per un numero abnorme. In tutta l'Isola l'organico dovrebbe essere composto da 265 presidi, mentre al momento - spiega il sindacato - ne sono in servizio 220. E l'anno prossimo la situazione potrebbe peggiorare: diventa quindi sempre più impellente pubblicare il bando di concorso per dirigenti scolastici e predisporre una tabella di marcia per il suo espletamento, in modo da assumere i vincitori con l'avvio del prossimo anno scolastico". "Non osiamo nemmeno pensare - dichiara il presidente dell'Anief, Marcello Pacifico - cosa potrebbe accadere se nel prossimo mese di settembre ci dovessimo trovare nelle attuali condizioni di vuoto attuale: le reggenze passerebbero da 1.900 a circa 2.500, per effetto dei pensionamenti e dell'ennesimo mancato turn over. Non comprendiamo, quindi, per quale motivo la burocrazia debba ancora una volta prevalere sulle necessità pratiche. Ancora di più perché tanta attesa ci sta portando un bando di concorso, a quanto ci risulta, ancora pieno di parti a dir poco discutibili. Non riusciamo proprio a comprendere, in particolare, l'esclusione dei laureati con cinque anni di servizio e anche dei tanti immessi in ruolo, come docente, che per qualsiasi motivo non hanno ancora superato l'anno di prova. Il problema si era posto già nel 2011 e lo abbiamo portato al Tar, dove il giudice ci ha dato ragione". (ANSA).

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie