ROMA, 11 GEN - "Non firmare il rinnovo del contratto della scuola". E' quanto chiede l'associazione sindacale Anief, spiegando che anche oggi si è avuto un nulla di fatto, con rinvio alla prossima settimana. "Anche il terzo incontro tra parte pubblica e rappresentanti dei lavoratori, svolto oggi, ha assunto una veste totalmente interlocutoria, se non priva di significato. Le parti - spiega una nota - hanno solo sfiorato l'argomento più succoso del confronto, ovvero le risorse per garantire gli aumenti promessi dalla funzione pubblica oltre un anno fa. Non è stata presentata nessuna risorsa in più". Secondo Marcello Pacifico (Anief-Cisal) il "nostro sindacato dice a gran voce ai rappresentativi di non firmare, perché si stanno sottraendo 200 euro mensili ai lavoratori della scuola. Bisogna invece assolutamente recuperare l'indennità di vacanza contrattuale e il resto da erogare al momento della firma. Ogni altra ipotesi è quasi 'criminale', nel senso che dopo dieci anni di attesa non si può rifilare un contratto che non copre nemmeno l'inflazione che negli ultimi anni ha superato i compensi del comparto di quasi il 15 per cento". (ANSA).

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie