ROMA, 22 GEN - La proposta dell'Aran per il rinnovo del contratto degli insegnanti, secondo il sindacato Anief, è "irricevibile", in quanto propone aumenti non in grado di colmare adeguatamente il divario con la media Ocse, attualmente parti al 20% a sostanziale parità di ore lavorate. "Mettendo a confronto gli stipendi - afferma in una nota il segretario Marcello Pacifico - si evidenzia che a fine carriera il gap negativo dei nostri docenti rispetto a quelli della media Ue è di circa il 20%. Eppure l'impegno in classe è quasi identico: alla primaria, ad esempio, in Italia il numero di ore annue in cattedra è solo del 5% in meno. Perché poi in Germania i compensi annui dei docenti sono quasi il doppio rispetto ai nostri? E Il nuovo contratto è a dir poco deludente, visto che non risolve nulla né sul piano stipendiale né normativo. Anzi, si rischia di peggiorare la situazione". "L'Aran - ricorda l'Anief - ha in serbo di inserire tra le ore obbligatorie funzionali all'insegnamento nuovi compiti, in cambio di aumenti farsa. Non va meglio per chi comincia a insegnare, il cui compenso è inferiore del 6,5% rispetto a quanto si percepisce per lo stesso lavoro nell'area Ocse". Nella bozza del nuovo contratto collettivo nazionale - sostiene Pacifico - "non si recepiscono le sentenze della Corte suprema sulla parità di trattamento tra personale precario e di ruolo, né si elimina il raffreddamento della carriera nelle ricostruzioni attuate per il personale di ruolo. Addirittura, si attribuiscono appena 220 euro netti di arretrati per il 2016 e il 2017 ed aumenti di soli 40 euro netti per il 2018: è una cifra ridicola, addirittura tre volte inferiore all'aumento del costo della vita registrato dopo il blocco decennale degli stipendi". Per questo motivo - conclude l'Anief - "qualsiasi proposta di aumento dell'orario lavorativo e di mansioni senza risorse aggiuntive, va rispedita al mittente". Per le prossime settimane sono previsti due giorni di sciopero, e per il 23 marzo è prevista una manifestazione nazionale. (ANSA).

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie