È già guerra di comunicati tra Miur e sindacati Confederali. Per l’amministrazione centrale “l’importo disponibile per il bonus passa da 200 milioni annui a 160 milioni a regime (130 milioni solo nel 2018), pari all’80% di quanto riconosciuto sino ad oggi. Ma potrà crescere, anche superando il valore di 200 milioni”. Questo significa che una parte dei soldi del “merito” andrà nella Retribuzione professionale docenti, quindi anche ai precari. Replica delle sigle firmatarie: le risorse residue del bonus vengono ripartite secondo parametri definiti a livello di contrattazione integrativa nazionale. Le medesime risorse residue del bonus sono poi soggette alla contrattazione di scuola che contratterà i criteri generali per determinare i compensi. Non vi è nessuna valutazione dei docenti.

Nel frattempo, gli stessi sindacati sembrano compiacersi per avere introdotto, sempre nel nuovo contratto di categoria, l’art. 22 che “introduce una singolare novità: sono oggetto di contrattazione integrativa, a livello di istituzione scolastica ed educativa, i criteri generali per l’utilizzo di strumentazioni tecnologiche di lavoro in orario diverso da quello di servizio, al fine di una maggiore conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare”.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): I Confederali confondono la card annuale per l’aggiornamento professionale dei docenti con le attività previste dall’ultima riforma, tutte oggetto di valutazione del dirigente. Per chi sa come stanno le cose, stiamo assistendo ad un’altra polemica inutile, vista anche l’entità dei soldi che andranno ad ogni lavoratore. La vera novità è piuttosto quella che il decreto legislativo 150/09 ora entra a pieno titolo nelle scuole, con il placet delle organizzazioni rappresentative dei lavoratori. I fondi verranno assegnati, infatti, attraverso la valutazione soggettiva di ogni lavoratore della scuola che andrà ad incidere su parte dei compensi e sulla loro carriera. E sul suo diritto alla ‘disconnessione’ si scopre l'acqua calda, perché il personale non ha alcun obbligo di consultare i propri mezzi elettronici al di fuori dell’orario di servizio. Il diritto alla disconnessione non è concesso. Tanto fumo per niente.

 

Il contratto della scuola è sottoscritto all’Aran da pochi giorni, ma è già guerra di comunicati tra il Miur e i sindacati Confederali. Sia sulla parte economica che normativa. La polemica è scattata dopo che l’amministrazione centrale ha fatto presente che “L’importo disponibile per il bonus passa da 200 milioni annui a 160 milioni a regime (130 milioni solo nel 2018), pari all’80% di quanto riconosciuto sino ad oggi. Ma potrà crescere, anche superando il valore di 200 milioni”. Questo significa che una parte dei soldi del “merito” andrà nella Retribuzione professionale docenti, quindi anche ai precari, sottolinea Orizzonte Scuola.

I sindacati firmatari del Contratto replicano con un comunicato in cui chiariscono che le risorse del “merito”, invece, “possono essere sottoposte ad ulteriori interventi di riduzione” e che “le risorse residue del bonus vengono ripartite secondo parametri definiti a livello di contrattazione integrativa nazionale. Le medesime risorse residue del bonus sono poi soggette alla contrattazione di scuola che contratterà i criteri generali per determinare i compensi. Non vi è nessuna valutazione dei docenti”, sostengono ancora i Confederali.

“Non si riesce a comprendere – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - quali sono le buone nuove introdotte da questo sempre più discutibile ultimo contratto del comparto scuola. Ancora una volta, i sindacati firmatari spacciano per un loro successo quanto previsto dalla legge in vigore, confondendo la card annuale per l’aggiornamento professionale dei docenti con le attività previste dall’ultima riforma, la Buona Scuola, tutte oggetto di valutazione del dirigente. Per chi sa come stanno le cose, stiamo assistendo ad un’altra polemica inutile, vista anche l’entità dei soldi che andranno ad ogni lavoratore”.

“La vera novità – continua il sindacalista autonomo - è piuttosto quella che il decreto legislativo 150/09, la cosiddetta Legge Brunetta, ora entra a pieno titolo nelle scuole, con il placet delle organizzazioni rappresentative dei lavoratori. I fondi verranno assegnati, infatti, attraverso la valutazione soggettiva di ogni lavoratore della scuola che andrà ad incidere su parte dei compensi e sulla loro carriera”.

Nel frattempo, gli stessi sindacati sembrano compiacersi per avere introdotto, sempre nel nuovo contratto di categoria, l’art. 22 che “introduce una singolare novità: sono oggetto di contrattazione integrativa, a livello di istituzione scolastica ed educativa, i criteri generali per l’utilizzo di strumentazioni tecnologiche di lavoro in orario diverso da quello di servizio, al fine di una maggiore conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare (diritto alla disconnessione)”.  Secondo il presidente Anief “si scopre l'acqua calda, perché il personale non ha alcun obbligo di consultare i propri mezzi elettronici al di fuori dell’orario di servizio. Il diritto alla disconnessione non è concesso. Ancora una volta: tanto fumo per niente”, conclude Pacifico.

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Contratto, la proposta dell’Aran è irricevibile: i nostri docenti in classe quasi le stesse ore della media Ocse, ma con lo stipendio inferiore del 20%. E ora vogliono pure aumentare le mansioni

Contratto, la trattativa si complica e ora i sindacati potrebbero non firmare. Anief: sarebbe la cosa più logica

Contratto, trattativa ferma mentre gli altri comparti sottoscrivono l’accordo: l’Aran non convoca i sindacati che solo ora cominciano ad aprire gli occhi

SCUOLA – Rinnovo del contratto, non si possono aumentare gli stipendi con le ‘partite di giro’

Rinnovo del contratto, chi firma si assume la responsabilità di fronte a 1,2 milioni di docenti e Ata

Contratto, sindacati e governo hanno trovato la quadra sulla firma per il rinnovo: lavoratori beffati

Rinnovo del contratto, oggi la firma all’Aran su un accordo di bassissimo profilo: se va bene arrivano altri 7 euro in più al mese

SCUOLA – Firmato da Cgil, Cisl e Uil il contratto della vergogna

Contratto, gli aumenti reali netti sono ridicoli: tra i 37 e i 52 euro

Rinnovo del contratto, i lavoratori della scuola discriminati due volte: aumenti molto più bassi rispetto al Privato e dipendenti del comparto trattati diversamente

Rinnovo contratto, le vere cifre sugli aumenti sono altre: pure i sindacati firmatari ammettono che almeno il 32% è di tassazione

Contratto, 8.400 vice-presidi traditi dai sindacati Confederali: addio indennità di ruolo superiore

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie