ROMA, 3 APR - I test Invalsi da soli non servono se poi non si interviene con dei correttivi. Lo pensa Marcello Pacifico, responsabile nazionale dell'Associazione sindacale che riuscire ricercatori in formazione, precari, in servizio, e di ruolo, (Anief). "La valutazione dell'apprendimento degli studenti e dell'insegnamento dei docenti - sostiene - non può passare per dei test nazionali che non tengono conto della classe degli alunni e del territorio da cui parte ogni programmazione didattica. E' chiaro che una scuola dei Parioli è diversa da una scuola dello Zen di Palermo e questo non si può addebitare né agli alunni, né al corpo docente. Servono reali correttivi, servono strumenti per far lavorare tutti meglio, ad esempio sotto il profilo dell'organico. E' ovvio che l'obiettivo deve essere comune a livello nazionale, ma da soli i test Invalsi non servono a nulla se non si interviene nel singolo territorio". (ANSA).

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie