L’allungamento dei tempi della firma definitiva al rinnovo contrattuale è dovuto alla lentezza con cui gli organismi istituzionali stanno esprimendo i loro pareri: sempre più probabile l’emissione speciale, da attuare nell’ultima decade di aprile. C’è tuttavia un alto numero di docenti e Ata che dal sospirato rinnovo contrattuale, atteso da quasi dieci anni, non riceveranno quello che gli spetta: sono tutti coloro che hanno superato il 35esimo anno di anzianità e che si ritroveranno con lo stipendio praticamene fermo. A essere in questa situazione è un numero di lavoratori in sensibile crescita, visto che i nuovi parametri di pensionamento hanno fatto slittare di un decennio l’uscita dal lavoro. A fronte di questa novità importante, anche il contratto si sarebbe dovuto adeguare, introducendo un nuovo gradone stipendiale riguardante la fascia 36–43 anni. Invece, l’Aran, con il compiacente silenzio dei sindacati firmatari (Flc-Cgil, Cisl e Uil), ha pensato bene di lasciare immutati “gradoni” stipendiali, andando solo a ratificare l’annullamento della fascia 3-8 anni creando un bel danno economico ai neo-assunti e calpestando quindi in modo netto il principio della parità retributiva. Per il sindacato, inoltre, non si può ignorare l’alto tasso di burnout tra i dipendenti pubblici, ma che soprattutto subisce il personale della scuola. Di tutto ciò non c’è traccia nel nuovo contratto che si è rivelato l’ennesimo pacchetto risparmio, che penalizza sia i neo immessi in ruolo, sia chi è a fine carriera. Il tutto, in cambio di una manciatina di euro netti al mese.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Sono sei le fasce d’anzianità previste dal nuovo accordo siglato dai sindacati confederali e valido per il triennio 2016-2018, ma colpisce la mancata applicazione di una nuova finestra temporale, da 35 in poi di anzianità. Al tavolo di contrattazione, dove abbiamo fondate ambizioni di andarci a sedere dopo le elezioni Rsu della prossima settimana, non si sono posti nemmeno il problema. Che invece esiste. Poiché, sappiamo bene che non vi è più la certezza di poter andare in pensione entro una data stabilita perché, anche per accedere all’assegno con il canale dell’anzianità, comunque per il 2018 i contributi sfiorano i 43 anni. In tal modo, si condanna la stragrande maggioranza dei lavoratori ultra 60enni a percepire sempre lo stesso stipendio, fissato a quota 35, fino all'ultimo anno prima di andare in pensione. Tra l’altro, per vedersi assegnare un assegno di quiescenza destinato a diventare della metà di quanto percepito con l’ultimo stipendio. Mentre per Anief, bisogna assolutamente ritornare a 61 anni e 35 anni di contributi con l’80% dell’ultima retribuzione. Tutto questo, anche e soprattutto alla luce del fatto che quella educativa è una professione particolarmente esposta a condizioni ‘stressogene’, come hanno confermato gli autori di un’indagine su larga scala che ha indagato sugli ambiti problematici connessi con lo sviluppo del burnout.

 

C’è ancora incertezza sui tempi di assegnazione dei mini-aumenti stipendiali e degli arretrati previsti dal rinnovo del contratto sottoscritto lo scorso 9 febbraio all’Aran, da assegnare a un milione e 200mila dipendenti della scuola pubblica: l’allungamento dei tempi della firma definitiva al rinnovo contrattuale, dovuto alla lentezza con cui gli organismi istituzionali stanno esprimendo i loro pareri, fa propendere l’ipotesi dell’emissione speciale che a questo punto verrebbe attuata nell’ultima decade di aprile.

“Gli arretrati – scrive Orizzonte Scuola - non potranno essere caricati nel cedolino relativo al mese di aprile, che avrà come sempre esigibilità il 23 aprile, che quest’anno è un lunedì. Tuttavia questo non vuol dire necessariamente che il MEF imponga di attendere il mese successivo. Anzi, è da credere che verosimilmente si proceda come per gli statali, che hanno già ricevuto gli arretrati con una emissione speciale del 1° marzo. In questo modo infatti si alleggerisce il lavoro relativo ai cedolini e si ottiene il doppio guadagno di evitare ritardi e nello stesso tempo evitare “malcontenti” derivanti da tempi troppo lunghi nell’applicazione del nuovo contratto”.

C’è tuttavia un alto numero di docenti e Ata che dal sospirato rinnovo contrattuale, atteso da quasi dieci anni, non riceveranno quello che gli spetta: sono tutti coloro che hanno superato il 35esimo anno di anzianità e che si ritroveranno con lo stipendio praticamene fermo. A trovarsi in questa situazione è un numero di lavoratori in sensibile crescita, visto che i nuovi parametri di pensionamento – derivanti dalla riforma Monti-Fornero e dall’elevazione dell’aspettativa di vita – hanno fatto slittare di un decennio l’uscita dal mondo del lavoro.

A fronte di questa novità importante, anche il contratto si sarebbe dovuto adeguare, introducendo un nuovo gradone stipendiale riguardante la fascia 36–43 anni. Invece, l’Aran, con il compiacente silenzio dei sindacati firmatari (Flc-Cgil, Cisl e Uil), ha pensato bene di lasciare immutati “gradoni” stipendiali, andando solo a ratificare l’annullamento della fascia 3-8 anni creando un bel danno economico ai neo-assunti e calpestando quindi in modo netto il principio della parità retributiva.

“Sono sei le fasce d’anzianità previste dal nuovo accordo siglato dai sindacati confederali e valido per il triennio 2016-2018 – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - ma colpisce la mancata applicazione di una nuova finestra temporale, da 35 in poi di anzianità. Al tavolo di contrattazione, dove abbiamo fondate ambizioni di andarci a sedere dopo le elezioni Rsu della prossima settimana, non si sono posti nemmeno il problema. Che invece esiste. Poiché, sappiamo bene che non vi è più la certezza di poter andare in pensione entro una data stabilita perché, anche per accedere all’assegno con il canale dell’anzianità, comunque per il 2018 i contributi sfiorano i 43 anni”.

“In questo modo – continua il sindacalista Anief-Cisal - si condanna la stragrande maggioranza dei lavoratori ultra 60enni a percepire sempre lo stesso stipendio, fissato a quota 35, fino all'ultimo anno prima di andare in pensione. Tra l’altro, per vedersi assegnare un assegno di quiescenza destinato a diventare della metà di quanto percepito con l’ultimo stipendio. Mentre per Anief, bisogna assolutamente ritornare a 61 anni e 35 anni di contributi con l’80% dell’ultima retribuzione. Tutto questo, anche e soprattutto alla luce del fatto che quella educativa è una professione particolarmente esposta a condizioni ‘stressogene’, come hanno confermato di recente gli autori di un’indagine su larga scala che ha indagato sui diversi ambiti problematici connessi con lo sviluppo del burnout”.

Le indicazioni giunte dallo studio risultano “in linea con quanto sancito dal D.L. 81/08, circa l’attuazione, da parte dei Dirigenti, delle azioni di prevenzione e monitoraggio dello stress lavoro correlato. D’altro canto, è opportuno sottolineare che i medici facenti parte delle CMV (Commissioni Mediche di Verifica) spesso ignorano le patologie professionali dei docenti, finendo per riammettere in servizio insegnanti con pesanti diagnosi psichiatriche (Lodolo D’Oria, 2017)”.

Per il sindacato, non si può ignorare l’alto tasso di burnout tra i dipendenti pubblici, ma che soprattutto subisce il personale della scuola. Qualche tempo fa, ha ricordato Tuttoscuola, sempre Vittorio Lodolo D’Oria, medico e autore di molti studi sul burnout, affermava che “ad ammettere di essere stressato per il lavoro ripetitivo e logorante è un’altissima percentuale di chi lavora dietro la cattedra. Poi ci sono le vere e proprie patologie. E anche in questo caso non c’è da sottovalutare la situazione. Perché dalle ultime rilevazioni risultano almeno 24mila psicotici e 120mila depressi nella categoria. Infine, ci sono tutte le altre malattie della psiche più lievi ma non per questo da trascurare, come i disturbi dell’adattamento e di personalità”.

Di tutto ciò non c’è traccia nel nuovo contratto che si è rivelato l’ennesimo pacchetto risparmio, che penalizza sia i neo immessi in ruolo, sia chi è a fine carriera. Il tutto, in cambio di una manciatina di euro netti al mese, con un incremento massimo del 3,48% che non ha tenuto testa nemmeno all’inflazione. Ecco perché Anief continua a consigliare di fare ricorso per recuperare almeno l’assurdo blocco dell’indennità di vacanza contrattuale.

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

SCUOLA – Rinnovo del contratto, non si possono aumentare gli stipendi con le ‘partite di giro’

Rinnovo del contratto, chi firma si assume la responsabilità di fronte a 1,2 milioni di docenti e Ata

Contratto, sindacati e governo hanno trovato la quadra sulla firma per il rinnovo: lavoratori beffati

Rinnovo del contratto, oggi la firma all’Aran su un accordo di bassissimo profilo: se va bene arrivano altri 7 euro in più al mese

SCUOLA – Firmato da Cgil, Cisl e Uil il contratto della vergogna

Contratto, gli aumenti reali netti sono ridicoli: tra i 37 e i 52 euro

Rinnovo del contratto, i lavoratori della scuola discriminati due volte: aumenti molto più bassi rispetto al Privato e dipendenti del comparto trattati diversamente

PA - Con la Sanità si chiude il cerchio sui contratti del pubblico impiego: la Scuola trattata peggio di tutti rimane buona ultima

Il nuovo contratto danneggia giovani e anziani: salta definitivamente il primo “gradone” stipendiale e non si istituisce per chi è a fine carriera

Elezioni Rsu 2018, scaduto il termine per la presentazione delle liste: ora ci si prepara al voto dal 17 al 19 aprile

Contratto, le nuove tabelle stipendiali penalizzano i neo assunti e chi ha più di 27 anni di servizio

Contratto, i neo-assunti sono trattati da precari, si va contro al diritto dell'Unione Europea

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie