480x150-Gae-2

La giurisprudenza ormai si consolida in favore del riconoscimento del servizio prestato nelle scuole paritarie ai fini dell'attribuzione del punteggio nelle procedure di mobilità. Ancora possibile aderire ai ricorsi Anief per chi ha dichiarato il servizio nella domanda di mobilità.

Una nuova vittoria presso il Tribunale del Lavoro di Siena si aggiunge alla lunga lista di successi ottenuti dall'Anief sul diritto al riconoscimento del punteggio per il servizio prestato nelle scuole paritarie nelle procedure di trasferimento. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Abbiamo dimostrato in tribunale come la normativa primaria sia chiara nel prevedere che le scuole paritarie concorrano insieme alle scuole statali alla costruzione del sistema nazionale di istruzione unitariamente inteso e come il CCNI sia evidentemente illegittimo nella parte in cui non prevede alcuna valorizzazione del servizio prestato in tali istituti, ponendo in essere un'evidente disparità di trattamento e discriminazione”. Ancora possibile aderire ai ricorsi Anief per chi ha dichiarato il servizio prestato nelle scuole paritarie all'atto della presentazione della domanda di mobilità 2017.

 

Il 'precariato storico' ottiene giustizia in tribunale grazie all'azione legale promossa dall'Anief con la declaratoria dell'illiceità della reiterazione di contratti a termine oltre i 36 mesi di servizio su posti vacanti e la piena conferma del diritto dei lavoratori precari alla corresponsione di uno stipendio commisurato all'effettivo servizio prestato. Ancora possibile ricorrere con Anief per la tutela dei propri diritti.

I lavoratori precari della scuola ottengono ancora una volta giustizia in tribunale grazie al sindacato Anief che da sempre si è schierato in prima linea per il rispetto della normativa comunitaria e ha ottenuto un'altra soddisfacente vittoria contro il Miur. Il Tribunale del Lavoro di Vicenza accoglie in toto le tesi patrocinate dagli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Maria Maniscalco, condannando il Ministero dell'Istruzione per discriminazione e violazione di norme comunitarie. Dimostrata in tribunale l’illecita discriminazione posta in essere nei confronti dei dipendenti precari con la condanna dell’Amministrazione a corrispondere a due lavoratrici un totale di 21 mensilità di risarcimento danni e il corrispettivo delle progressioni di carriera mai riconosciute durante il precariato. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): la nostra azione legale a tutela dei lavoratori della scuola sta dimostrando ogni giorno che il Ministero ha mantenuto per anni, e continua a mantenere, docenti e ATA in condizione di precarietà anche su posti vacanti che dovevano essere attribuiti con contratti a tempo indeterminato e che sfrutta il loro lavoro ponendo in essere un'odiosa discriminazione non riconoscendo una retribuzione commisurata all'effettiva anzianità di servizio.

 

Nell’ultimo periodo il Ministero dell’Istruzione ha prodotto una serie di tabelle e di decreti per definire gli insegnamenti dei docenti, associati ai titoli di studio, senza però chiarirne l’applicazione. Il problema è che tutto il lavoro di verifica deve essere svolto entro il 30 giugno e, dato che numerose domande saranno inviate per Posta gli ultimi giorni, a ridosso della scadenza bisognerà decidere in via definitiva. Per il sindacato, stanno venendo al pettine tutti i nodi mai sciolti sulla revisione forzata delle classi di concorso, iniziato nel 2008, quando l’allora Ministro, Maria Stella Gelmini, decise di ridurre le classi di concorso di un terzo, al fine di rendere più spendibili le abilitazioni degli insegnanti. Sino a che il Governo Renzi è riuscito nell’impresa di superare in peggio quel provvedimento, rendendo stabili le tabelle di confluenza provvisorie e trasformando i docenti italiani in una sorta di jolly transumante.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): tutto questo ha prodotto degli insegnamenti sempre meno specializzanti, che è anche tra le cause che hanno portato a un altissimo numero di bocciature in occasione dell’ultimo concorso a cattedra. Tra l’altro, malgrado le continue modifiche in itinere delle tabelle e degli accoppiamenti delle nuove classi concorsuali con i titoli di studio, ancora oggi il nostro sindacato continua a ricevere diverse segnalazioni di errori marchiani nelle varie assegnazioni ministeriali. Siamo di fronte all’ennesimo pasticcio contro il quale non possiamo rimanere inermi.

Per quanto riguarda l’aggiornamento delle graduatorie d’Istituto, Anief ricorda che fornisce assistenza legale contro 12 diversi diritti negati.

 

L’associazione sindacale Anief ha siglato una convenzione con il centro servizi Cedan s.r.l.s. ente autorizzato, da parte dell'organizzazione sindacale Cisal, a fornire servizi di assistenza fiscale e patronato.

Vieni a scoprire i servizi a te riservati sul sito www.cedan.it, saremo lieti di accoglierti presso le nostre sedi per fornirti assistenza in ordine alla  compilazione della nuova domanda di disoccupazione.

In occasione della fine dell’anno scolastico, Anief mette a disposizione dei propri associati l’apertura di sportelli straordinari su tutto il territorio nazionale.

Di seguito l’elenco completo delle sedi Anief preposte all’offerta del servizio.

Ti invitiamo a contattare il collaboratore della tua zona.

Nuova soddisfacente vittoria in tribunale per l'Anief e pieno diritto dei docenti cancellati dalle Graduatorie a Esaurimento a essere reinseriti all'atto di ogni aggiornamento delle graduatorie. Aperte le adesioni ai ricorsi Anief per l'inserimento/reinserimento in GaE dei docenti abilitati.

I legali Anief Fabio Ganci, Walter Miceli, Francesca Lideo e Denis Rosa danno nuovamente prova della solidità delle tesi patrocinate dal nostro sindacato ottenendo una sentenza esemplare che condanna il Miur al rispetto della normativa con l'immediato reinserimento di una docente nelle graduatorie a esaurimento da cui era stata cancellata per mancata produzione della domanda di aggiornamento/permanenze e al pagamento delle spese di soccombenza quantificate in oltre 3mila euro. Violata la normativa primaria di riferimento che prescrive la possibilità di reinserimento dei docenti cancellati la cui vigenza continua a essere confermata in tribunale e rilevata, nell'obbligo di sola procedura di inoltro telematico della domanda, una violazione dei principi di buona fede e correttezza e di buon andamento e imparzialità della pubblica amministrazione.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari