Inserimento in GaE

Dopo la riapertura dei ricorsi per entrare nelle GaE per diplomati magistrale, abilitati TFA, PAS e SFP e per il reinserimento dei docenti depennati per mancato aggiornamento, Anief annuncia l’apertura dei ricorsi per far accedere il personale educativo alle graduatorie ad esaurimento della scuola primaria e per il reinserimento dei docenti di ruolo cacellati dopo l'immissione in ruolo da tutte le graduatorie. Invio domanda cartacea e adesione al ricorso on line entro l’8 luglio.

Ancora una vittoria Anief e ancora un provvedimento del TAR del Lazio completamente ribaltato dalle decisioni del Consiglio di Stato. Gli Avvocati Anief Francesca Lideo e Sergio Galleano ottengono una nuova importante vittoria in favore dei docenti cancellati dal MIUR per non aver prodotto domanda di permanenza/aggiornamento nelle GaE con un provvedimento cautelare emanato dal Consiglio di Stato che dispone il loro immediato reinserimento nelle stesse. Ribadito, inoltre, il diritto dei ricorrenti a poter stipulare contratti di lavoro a tempo determinato e indeterminato in virtù del loro corretto inserimento nelle Graduatorie d'interesse.

 

Stavolta ad essere impugnato entro il prossimo 8 luglio sarà il D.M. 22 giugno 2016 n. 495 che nel disporre le operazioni annuali di integrazione delle GaE esclude ancora una volta diplomati magistrale, abilitati PAS, TFA e SFP e docenti cancellati per mancato aggiornamento che intendono inserirsi o reinserirsi in graduatoria. Il sindacato ha predisposto un modello cartaceo di compilare e inviare entro l’8 luglio. Entro lo stesso termine è necessario aderire al ricorso di proprio interesse sul portale Anief e inviare la documentazione.

Altri 200 docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002 hanno ottenuto l’inserimento in GaE grazie all’intervento dei legali Anief che, patrocinando all’atto dell’ultimo aggiornamento delle Graduatorie a Esaurimento avvenuto nel 2014, il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, segnano una nuova vittoria nei confronti del Ministero dell’Istruzione. “Dopo i 5000 ricorrenti inseriti nel 2014 a seguito del ricorso al TAR del Lazio promosso dal nostro sindacato – dichiara Marcello Pacifico presidente nazionale Anief – ottenere nuovamente ragione in favore di quei docenti che non avevano potuto aderire al ricorso amministrativo ordinario è un’ulteriore soddisfazione. Il nostro sindacato si era mosso per tempo già nel mese di maggio 2014 ed era riuscito, con una straordinaria operazione di informazione nei confronti dei propri iscritti e un alacre lavoro da parte del settore contenzioso, a limitare al massimo il ricorso alla procedura straordinaria al PdR, sensibilmente più lenta rispetto a quella del TAR. Anche questa volta, comunque, siamo riusciti ad ottenere il risultato atteso in favore di quei docenti che si erano affidati ai nostri legali impugnando entro 120 giorni il DM del 2014 che adesso saranno inseriti con riserva nelle GaE di proprio interesse”.

 

L'ANIEF conquista anche il Tribunale del Lavoro di Catania nella tutela dei diritti dei docenti cancellati dalle Graduatorie a Esaurimento per non aver prodotto domanda di aggiornamento e ottiene l'immediato reinserimento di una docente che era stata cancellata dal MIUR nel 2011. Gli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli ed Emilio Magro danno una nuova lezione al Ministero dell’Istruzione in tribunale con un’Ordinanza di totale accoglimento che condanna l’Amministrazione per aver illegittimamente escluso i docenti cancellati dalle GaE senza possibilità di essere reinseriti all'atto dei successivi aggiornamenti.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie