Inserimento in GaE

Il Consiglio di Stato conferma l'orientamento favorevole già espresso precedentemente in favore dei docenti in possesso di diploma magistrale abilitante e accoglie le richieste dei legali ANIEF Sergio Galleano e Vincenzo De Michele concedendo l'inserimento dei nostri iscritti nelle Graduatorie a Esaurimento d'interesse. Altri 600 docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l'a.s. 2001/2002, dunque, hanno ottenuto ragione grazie all'azione legale promossa dal nostro sindacato e saranno ora inseriti nelle Graduatorie a Esaurimento utili per il conferimento degli incarichi a tempo determinato e indeterminato.

Sentenza impeccabile quella prodotta dalla Corte d'Appello di L'Aquila che conferma la sentenza di primo grado favorevole alla ricorrente e riconosce, di conseguenza, il diritto della stessa non solo all'inserimento a pieno titolo nelle Graduatorie a Esaurimento, ma anche alla conferma della sua immissione in ruolo già intervenuta attingendo dalle medesime graduatorie. Gli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli e Manuela Pirolozzi difendono in appello quanto già ottenuto in primo grado e sbaragliano il MIUR ottenendo anche la sua condanna al pagamento delle spese di giudizio. Marcello Pacifico: “Il MIUR ormai ci ha abituati a decisioni sclerotiche o illegittime. Abbiamo sempre richiesto a gran voce il diritto degli abilitati ad accedere al “doppio canale” entrando nelle GaE. Adesso i Tribunali ci stanno dando ragione”.

Il Tribunale di Ferrara dà piena ragione all'ANIEF e riconosce il diritto di una docente in possesso di specializzazione sul sostegno conseguita nel 2015, ad essere immessa in ruolo in base al punteggio posseduto e non in base al momento in cui è stata inserita negli elenchi aggiuntivi afferenti alle Graduatorie a Esaurimento.  L'Avv. Tiziana Sponga, ormai avvezza a ottenere ragione contro il MIUR anche presso i tribunali del lavoro dell'Emilia Romagna, mette a segno un'ulteriore vittoria per il nostro sindacato e ottiene l'immissione in ruolo da Fase 0 di una nostra iscritta illegittimamente pretermessa dal MIUR nelle operazioni di nomina del piano straordinario 2015/2016. Il Ministero dell'Istruzione non può “collocare in coda” i precetti costituzionali.

A seguito dei decreti di commissariamento del MIUR ottenuti presso il Consiglio di Stato dai legali Anief, il MIUR ha fornito agli Ambiti Territoriali specifiche istruzioni con la nota n. 5237 del 24 febbraio 2016 in cui stabilisce l'attribuzione ai ricorrenti aventi diritto dei posti residuati dalle operazioni di immissioni in ruolo decretate in base alla legge n. 107/2015.

L'Ambito Territoriale di Torino, tra i primi a mettere in moto la macchina che esegue senza indugio le disposizioni dei Giudici e che interpreta in modo impeccabile le disposizioni ministeriali ottenute dall'Anief, ha pubblicato oggi specifica nota di convocazione in cui riconosce a tutti i docenti collocati in posizione utile all'immissione in ruolo e correttamente inseriti nelle Graduatorie a Esaurimento provinciali, il giusto contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Tre sentenze trasmesse oggi dal Tribunale del Lavoro di Vicenza danno piena ragione all'Anief e confermano il diritto dei docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l'a.s. 2001/2002 a essere inseriti nelle Graduatorie a Esaurimento valide per la scuola dell'Infanzia e della scuola Primaria. Gli Avvocati Fabio Ganci, Walter Miceli, Tiziana Sponga e Maria Maniscalco proseguono la loro battaglia in tribunale e ottengono piena ragione contro il Ministero dell'Istruzione che da sempre ha discriminato questa categoria di docenti abilitati escludendoli illegittimamente dalle GaE e dalle procedure di immissione in ruolo.

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie