1180-ricorso-ds-3b 1

MIUR

SCUOLA – Il Ministero assegna 2mila insegnanti in più, ma alle regioni del Sud ne andranno poche decine

Nemmeno in sede di adeguamento finale dell’organico si è tenuto conto dell’alto tasso di abbandono scolastici e di Neet presenti nel Meridione. Dove l’anno prossimo inizierà con quasi mille docenti in meno rispetto al passato. Ancora una volta penalizzato il Meridione, poiché il Miur continua a realizzare gli organici solo considerando flussi migratori e tassi di natalità: tra le regioni più popolose la Sicilia è cenerentola, superata anche dalle Marche che ha una popolazione tre volte più bassa.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): si continua ad applicare la logica dei freddi numeri. Come è stato possibile attuare l’aumento degli insegnanti di religione, malgrado nell’ultimo decennio fosse diminuito il numero degli alunni che se ne avvalgono, allo stesso modo bisognava adottare delle eccezioni per quei territori dove l’azione pedagogica e formativa della scuola è più in sofferenza.

SCUOLA – Assunzioni nuovi docenti, per migliaia di vincitori continua l’odissea

Dopo che lo scorso anno solo pochi “fortunati” tra gli oltre 11mila vincitori furono assunti, per via della lentezza nel pubblicare le graduatorie e per gli errori di programmazione del Miur, ora la storia si ripete a causa delle indicazioni contraddittorie fornite dall’amministrazione: a rischiare la seconda clamorosa esclusione dalle immissioni in ruolo sono in particolare coloro che già lo scorso anno erano presenti nelle graduatorie dei vincitori e idonei dell’ultimo ‘concorsone’ DDG 82/2012, ma che loro malgrado non erano stati assunti. I recuperi, sostiene l’ultima nota del Ministero, vanno attuati solo per le graduatorie di merito che non erano pronte al 31 agosto 2013. In diversi uffici scolastici periferici c’è confusione anche nella ripartizione dei recuperi. Anief pronta a ricorrere contro tutte le esclusioni illegittime.

ISTRUZIONE - I fondi per la dispersione scolastica nelle aree a rischio tagliati del 30% e mal distribuiti: alla Sardegna che ha il top di bocciature e abbandoni solo il 3%

Firmato al Miur il contratto per incentivare i progetti di recupero delle aree più in difficoltà: stanziati 29 milioni di euro, l'anno scorso era più di 42 milioni. E per suddividerli si continuano ad utilizzare i parametri del 2011. Come se nel frattempo non sia accaduto nulla, non via sia stata un'esplosione di Neet nelle province del Sud Italia.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): è incredibile, invece di incrementare gli sforzi per invertire la tendenza i nostri governanti stanno addirittura abbattendo i fondi. E si lasciano tanti giovani del Meridione e delle maggiori isole al loro destino segnato.

SCUOLA – Arrivano 33.380 assunzioni, ma rimane l'emergenza Ata: tanti istituti a rischio assistenza e sorveglianza

L'amministrazione continua ad immettere in ruolo col contagocce - appena 4.599 gli amministrativi, tecnici e ausiliari, a fronte di quasi 18mila posti liberi - e mantiene inalterato l'organico, malgrado negli ultimi tre anni gli alunni siano aumentati di oltre 90mila unità (34mila rispetto al 2013/14). Sono destinati quindi a riproporsi i disservizi che a gennaio hanno portato alla chiusura di diversi istituti a causa della troppa sporcizia. E siccome l'utenza aumenta, si farà sempre più sentire la carenza di personale negli uffici e la mancanza di tecnici per i laboratori informatici di primaria e medie. Per non parlare dei concorsi mai banditi per la categoria.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): non dimentichiamo che nell'ultimo triennio sono tagliati 47mila posti e sono stati dimezzati i fondi per le cooperative di pulizia esterne. Col risultato che sempre più plessi scolastici non riescono nemmeno a coprire la presenza del personale nelle ore di didattica.

 

° Sessione straordinaria degli esami di maturità

Il prossimo 9 settembre si insediano le commissioni (nella composizione medesima della sessione di giugno); il giorno successivo si svolgerà la prima prova

° C’è chi evoca la “catastrofe” degli atenei, come un’eventualità se la Madia riuscisse a pensionare i professori ultra sessantottenni; a noi sembra che la catastrofe si rischia se Marianna non riuscisse.

Varato dalla Commissione Affari Costituzionali, e accompagnato dal parere favorevole della Commissione Bilancio, il d.l. “Madia” di riforma della P.A. chiede strada (va convertito in legge entro il 23 agosto p.v

° Il numero abnorme delle vertenze nelle quali il MIUR è coinvolto..

Non è la prima volta che segnaliamo questo che a noi sembra un indicatore preoccupante

° Adempimenti delle segreterie scolastiche per la produzione delle graduatorie d’istituto docenti

La D.G.. per il personale scolastico ha comunicato agli uffici periferici gli step della procedura di presa in carico del modello B, una volta conclusa la fase di presentazione da parte dei docenti

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie