770X100-ricorso-ds2

Mobilità valutazione titoli

 
Ricorso per ottenere la valutazione, ai fini della mobilità e nelle graduatorie interne d'istituto, dei titoli e dei servizi cui la tabella di valutazione titoli non attribuisce alcun punteggio o cui attribuisce punteggio solo parzialmente.

 DESCRIZIONE: Ricorso per ottenere la valutazione, ai fini della mobilità e nelle graduatorie interne d'istituto, dei seguenti titoli: abilitazioni diverse dal Concorso Ordinario (12 punti), titolo SSIS o specializzazione sostegno (5 punti), servizio pre-ruolo (da far valutare 6 punti invece di soli 3 punti), incarico in qualità di supervisore Tirocinio (12 punti), incarico di presidente o commissario interno/esterno agli esami di maturità dopo l'a.s. 2000/2001 (1 punto per ogni servizio).

REQUISITI: Docenti di ruolo in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti: abilitazione tramite SSIS o concorsi riservati, specializzazione sul sostegno, incarico di Tutor di Tirocinio, servizio di insegnamento pre-ruolo, servizio post 2000/2001 come presidente o commissario interno/esterno agli esami di maturità.

NOTE: Per aderire a questo ricorso è necessario indicare, sia nella domanda di mobilità on-line, sia nella dichiarazione cartacea per la graduatoria interna d'istituto, i titoli di cui si chiede la corretta valutazione.

MODULO DI PREADESIONE: Scarica il modulo

MODALITA' DI PREADESIONE: Scaricare e inviare in allegato il modulo di preadesione all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. inserendo come oggetto “PREADESIONE RICORSO TABELLA TITOLI” e per testo i propri dati anagrafici completi (COGNOME, NOME, LUOGO E DATA DI NASCITA, CODICE FISCALE, RECAPITI MAIL E TELEFONICI) e la propria sede di servizio statale (indirizzo COMPLETO – via, comune, provincia - della sede STATALE di attuale servizio).

MAGGIORI INFORMAZIONI: Vai al link

ISTRUZIONI OPERATIVE: Anief invierà successivamente per e-mail le istruzioni operative per l'effettiva adesione al ricorso. L'invio dell'e-mail di preadesione non è in alcun modo vincolante all'effettiva partecipazione al ricorso.

SCADENZA ADESIONI: 9 aprile 2013. PROROGA: 11 aprile 2013Adesioni aperte.

COSTO: € 150

Non trova soluzione la vicenda dei docenti, in larga parte del Sud Italia, danneggiati dall’amministrazione che ha collocato questi ultimi, quasi sempre per mero errore di calcolo del punteggio o materiale, a centinaia e centinaia di chilometri da casa: preso atto dell’errore, il Ministero ha tuttavia inspiegabilmente deciso che non fosse più possibile decretare il corretto trasferimento dei docenti destinandoli, comunque, su delle cattedre venutesi a determinare con l’organico di fatto. Si tratta, quindi, di collocazioni annuali e non definitive con la titolarità sino al 2018 rimanente sempre sull’ambito territoriale sbagliato; a tutto ciò si aggiunge che, non di rado, i nuovi ambiti assegnati non corrispondono a quelli corretti e negati per errore.

Anief ha preso in carico il caso della donna di Palermo che, ovviamente, rientra nelle tutele e precedenze previste dal comma 3 dell’articolo 3 della Legge 104/9: quest’ultima, assunta con la Buona Scuola, ha presentato domanda di trasferimento accludendo tutta la documentazione medica e le certificazioni che ne attestano l’avvalersi della legge 104 – spiega il legale Chiara Sciacca – ma non si comprende per quale motivo il sistema telematico del Miur l’abbia collocata in un ambito territoriale di Bologna. La situazione è diventata paradossale, però, nel momento in cui la docente ha presentato il tentativo di conciliazione: non solo non le è stata riconosciuta l’invalidità ma, per di più, il trasferimento non è avvenuto a Palermo ma nella capitale.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): siamo dinanzi a delle evidenti ingiustizie attuate nei confronti di insegnanti che, nella maggior parte dei casi, potevano rimanere tranquillamente nelle proprie province se solo il Miur ci avesse dato retta attuando un semplice monitoraggio nazionale.  Appurata l’intenzione del Miur di non voler risolvere la situazione in modo radicale ma solo di creare buco in quello già esistente, siamo convinti che la strada da intraprendere non può che essere quella del tribunale: questi giudici, tra l’altro, hanno mostrato sensibilità verso lo spostamento coatto da una regione all’altra, attuato senza tenere conto delle esigenze personali e familiari dei docenti, decidendo per il ritorno d’ufficio sulla provincia di appartenenza. In presenza di errori e danneggiamenti palesi possiamo ritenerci, quindi, ottimisti sul buon esito della vertenza.

 

I Tribunali del Lavoro stanno dando piena ragione all'Anief sull'illegittimità del mancato computo del periodo di precariato al fine del raggiungimento del quinquennio obbligatorio di permanenza su posto di sostegno superato il quale i docenti immessi in ruolo potevano richiedere il trasferimento su posto comune. Dopo i precedenti favorevoli ottenuti a Roma, Forlì, Trieste, La Spezia e Taranto, anche i Tribunali di Frosinone e Sondrio accolgono le tesi supportate dai legali Anief Ida Mendicino, Walter Miceli, Fabio Ganci, Maria Dolores Broccoli e Marco Fusari e rilevano un'evidente disparità di trattamento da censurarsi attraverso la condanna del MIUR a ripetere, in favore dei ricorrenti, le procedure di Mobilità consentendo la loro “partecipazione alla procedura di mobilità straordinaria 2016/2017 per il trasferimento su posto comune”. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Sono centinaia i pronunciamenti di identico tenore attesi dai tribunali di tutta Italia nelle prossime settimane. Il MIUR dovrà far fronte a questa nuova bufera generata da una regolamentazione illegittima e discriminante e rivedere radicalmente le operazioni di trasferimento concluse nel mese di agosto riconoscendo, finalmente, pari dignità al lavoro svolto su posto di sostegno durante il periodo di precariato”.

 

Come richiesto da tempo dall’Anief, anche per il prossimo anno scolastico la collocazione di docenti, educatori e personale Ata si attuerà non sugli ambiti territoriali, introdotti dalla Legge 107/2025 e come avrebbe voluto il Miur, ma con le procedure classiche. Ad una buona notizia ne segue subito una negativa: le operazioni dei trasferimenti si concluderanno, salvo ulteriori slittamenti, solo il prossimo 13 agosto, ovvero quando saranno resi pubblici i risultati delle domande formulate dai docenti delle superiori.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): questo significa che le lezioni del prossimo anno scolastico prenderanno il via senza che siano state ancora effettuate le assunzioni, né assegnate le supplenze annuali. Solo queste ultime, quest’anno, sono state oltre 115mila. Il Miur ha provato a spostare il tutto al 15 settembre 2016, ma possiamo dire sin d’ora che nemmeno questa data verrà rispettata per assegnare le tante cattedre prive di titolare. Perché ci sarà pure da gestire la fumosa chiamata diretta. A rimetterci saranno prima di tutto gli studenti. Ma anche tanti precari, che si vedranno negare, dopo luglio e agosto, anche ulteriori periodi di supplenza.

 

A presentare domanda di trasferimento sono stati circa 100mila insegnanti: gli ultimi ad essere collocati, attraverso l’algoritmo del Miur, saranno proprio gli immessi in ruolo con la fase C del piano straordinario della riforma, la Legge 107/2015. Che dopo essere stati collocati nella gran parte dei casi nella provincia di appartenenza, stavolta hanno alte possibilità di vedersi spostare lontano da casa. Prima di loro, infatti, ci sono altri 50mila a prendere posto. Considerando che i docenti “potenziatori” finiranno anche nel vortice degli ambiti territoriali, con trasferimento di sede triennale e legato poi al giudizio dei dirigenti scolastici, c’è poco da sorridere.

Marcello Pacifico (presidente Anief e segretario organizzativo Cisal): non bastava per questi neo-assunti finire negli ambiti. Che significa avere una destinazione triennale provvisoria, al termine della quale toccherà al dirigente scolastico decidere se il docente avrà meritato la conferma o meno: una condizione per tutti gli assunti del ‘potenziamento’, del resto già prevista dalla Buona Scuola. Ora si aggiunge la spada di Damocle del probabile trasferimento coatto, che anche stavolta avverrà in automatico l’algoritmo del Ministero dell’Istruzione.

 

A giorni comincerà la pubblicazione dei movimenti della prima fase di mobilità: si inizierà con la scuola primaria e poi man mano si procederà con i docenti degli altri corsi scolastici. Ne scopriranno delle belle. Perché a questi docenti – parliamo di scuola secondaria, quindi medie e superiori - è stato chiesto di presentare domanda inserendo una classe di concorso sulla base delle vecchie tabelle, malgrado a metà febbraio fossero state pubblicate le nuove. Solo che il conferimento delle nuove sedi di servizio dei docenti potrebbe avvenire invece con le nuove classi concorsuali. Con tutte le conseguenze del caso. Il rimescolamento delle cattedre produrrà l’effetto di portare nelle nuove discipline dei docenti privi di specifica abilitazione all’insegnamento. I quali avevano chiesto solo un trasferimento, ma non certo di insegnare un’altra materia.

Marcello Pacifico (presidente Anief): siamo di fronte a una situazione assurda. Perché le regole del ‘gioco’ si stabiliscono prima. E non a gara in corso. A pagarne le conseguenze negative saranno gli studenti: privati dei docenti esperti e messi davanti a prof improvvisati su discipline che all’università hanno appena sfiorato.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie