770 px Mobilita 2017 2

RICORSO PER RECUPERARE IL 2,50% PER IL TFR TRATTENUTO NEGLI ULTIMI 10 ANNI E PER L’ACCERTAMENTO DEL CREDITO DEL 2,69% PER IL TFS NEGLI ANNI 2011 E 2012.

Dettagli

Anief-Cisal chiede di recuperare i 1.500 euro sottratti dalla liquidazione tra il 2011 e il 2012

Si tratta dell’applicazione illegittima di una trattenuta, pari al 2,69%, derivante dalla passaggio coatto che ha prodotto un importo ridotto.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): giurisprudenza e Consulta ci danno ragione. Presto indicheremo al personale come far partire i decreti ingiuntive e recuperare con celerità le somme sottratte indebitamente.

A seguito della doppia pronuncia favorevole della Corte Costituzionale, un’altra sentenza, stavolta emessa in Campania, sposa la linea che Anief sostiene da tempo: il trattamento di fine rapporto è una retribuzione differita posta a carico del datore di lavoro, come del resto avviene per tutti i dipendenti privati in base al D.P.C.M. del 20/12/1999. Ordinata l’immediata restituzione di oltre 2mila euro all’insegnante che aveva fatto ricorso. Si tratta di un esito che interessa tutti i 300mila assunti degli ultimi 15 anni ed almeno un milione e mezzo di precari a vario titolo. Ma anche altre diverse centinaia di migliaia di docenti e Ata di ruolo immessi in ruolo prima del 2001, cui dovranno essere restituiti circa 1.000 euro per gli anni di transizione 2011 e 2012 nell’ambito del Tfs. Per accedere ai rimborsi, però, è indispensabile ricorrere il prima possibile.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): in questi anni si è adottato un ‘metro’ diverso tra sistema pubblico e privato, che non ha alcun motivo di esistere. Fare ricorso, tra l’altro, comporta non solo la vittoria di una battaglia di principio, ma anche la restituzione di cifre non indifferenti: fino a 4mila euro per i dieci anni di sottrazione illecita del balzello. Poi ci sono circa 1.000 euro da ridare a chi è stato assunto prima di 15 anni fa.

E ora con il blocco degli stipendi si rischia la pensione sociale dopo mezzo secolo di lavoro. Violata la parità retributiva tra lavoratori, essendo la pensione una retribuzione differita nel tempo, da chi la doveva tutelare, con l’aggravante di una trattenuta del 2,5% sul cedolino, che la Corte costituzionale ha dichiarato illegittima. Anief chiede il rispetto dei diritti del personale docente e ata assunto negli ultimi quindici anni e la restituzione delle somme dovute dallo Stato. In caso contrario, sarà ricorso in tribunale.

MEF condannato alla restituzione delle somme sottratte negli ultimi cinque anni a ciascuno dei docenti ricorrenti e al pagamento di 13.350 euro di spese di lite. Illegittimo quanto previsto dal CCNQ firmato dai sindacati e recepito dal D.P.C.M. 1999. La legge 228/12 autorizza la trattenuta solo in regime di TFS perché ha una maggiore liquidazione. E ora trema il Governo. 630 milioni da restituire ai soli insegnanti e perdite a regime di 105 milioni. Parola della Consulta, con le sentenze 223/12 e 244/14, valevoli anche per il personale ATA e tutti i dipendenti pubblici assunti dopo il 2000.

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie