In primo piano

ROMA, 24 AGO - Presidi, siamo al disastro: ne mancano 1.900 e vanno perse pure il 60% delle 259 assunzioni 2017. A sostenerlo è il sindacato Anief che fa ricorso per recuperare gli esclusi del concorso 2011. "Oltre a qualche decina di aspiranti dirigenti scolastici, risultati idonei al termine dell'ultima selezione del 2015 ancora non assunti, l'amministrazione - secondo Anief - ha dato il via libera all'immissione in ruolo di appena 37 idonei della sessione concorsuale precedente: si arriverà a coprire non oltre 120 posti destinati alle immissioni in ruolo. Eppure, l'Ordinanza 3008/17 ha rimesso in Corte Costituzionale la Legge 107/15, sospendendo il relativo decreto ministeriale e dando soprattutto la possibilità ai ricorrenti che hanno contestato il DDG del 13 luglio 2011, grazie alla sentenza definitiva del 13 luglio 2015, a costituirsi, gratuitamente con Anief, in giudizio presso la Consulta per ottenere l'ammissione a un nuovo corso riservato". Proprio alla luce dei tanti posti vacanti, il sindacato ha deciso di riaprire i termini del ricorso. (ANSA).

ROMA, 23 AGO - Obbligo scolastico a 18 anni? Solo se si anticipa la scuola primaria all'età di 5 anni, altrimenti si tratterebbe solo di un'operazione risparmio, finalizzata a far sparire a regime 35mila cattedre della scuola superiore. E' il parere dell'Anief. Il sindacato annuncia che "se l'operazione ha come scopo primario quello di cancellare altro tempo-scuola oltre quello divorato nell'ultimo decennio a partire della legge 133/08", vi si opporrà con tutte le sue forze, sia a livello organizzativo-politico che in ambito giuridico-legale. "L'anticipo dell'uscita da scuola a 18 anni, già tentato a inizio 2000 dall'allora ministro Luigi Berlinguer, è un programma di revisione ripreso da diversi governi. Anche di recente, dall'ex ministra Stefania Giannini. Se nessuno c'è riuscito è perché è sempre mancato un percorso ragionato e condiviso" si legge in una nota. "Con la scuola primaria anticipata di un anno, durante il quale attivare delle classi 'ponte' affidate a maestri in compresenza della scuola dell'infanzia e della stessa primaria - spiega il presidente Anief Marcello Pacifico - si migliorerebbe il delicato passaggio tra la scuola materna e l'ex elementare. Lo abbiamo detto qualche mese fa: è scientificamente provato che a cinque anni i bambini hanno bisogno di una formazione di tipo essenzialmente ludico e, nello stesso tempo, di avvicinamento all'alfabetizzazione e al far di conto. L'operazione permetterebbe anche di svuotare le graduatorie di merito e le GaE dei maestri d'infanzia dimenticati dalla riforma e con pessime prospettive di stabilizzazione. Come si darebbe una bella spallata alla dispersione e all'abbandono scolastico: perché mantenendo il tempo scuola immutato e innalzando l'obbligo a 18 anni, gli studenti sarebbero più coinvolti nei progetti formativi. Certo, servirebbe anche rivedere i contenuti dei cicli scolastici, rendendoli anche più stimolanti per le nuove generazioni" conclude. (ANSA).

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie 

  • ATA
  • RSU
  • Seminari