TFA SOSTEGNO

italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

 

Il sindacato contesta il bando e avvia otto ricorsi per gli Ata esclusi: I precari devono procedere inviando la domanda cartacea predisposta e aderire allo specifico ricorso. È necessario presentare all'USR di proprio interesse la domanda entro il 28 gennaio 2019. Anief rilancia la preadesione al ricorso per l’accesso all’orale con somma scritto più prova pratica pari a 42/60.
 

Il giovane sindacato che tutela i diritti dei dirigenti scolastici ha presentato, in audizione in I e VIII Commissione del Senato, una memoria contenente delle proposte emendative al disegno di legge n. 989. La delegazione Udir ha illustrato cinque capitoli contenenti modifiche migliorative del sistema scolastico riguardanti la figura che è posta a capo della scuola. Il testo, composto da 5 parti, chiede la semplificazione del reclutamento dei DS, la semplificazione della contabilità dell’istituto, la semplificazione della valutazione dei dirigenti scolastici, la semplificazione delle norme sulla sicurezza degli istituti scolastici e il salario accessorio dei dirigenti scolastici. Scarica la Memoria.

 

 

Anief ricorre contro i vincoli imposti dal Miur e avvia otto ricorsi. Secondo l’Ufficio Legale del sindacato, i precari estromessi dal concorso devono procedere inviando la domanda cartacea predisposta da Anief e aderire allo specifico ricorso. È necessario presentare all'USR di proprio interesse la domanda entro il 28 gennaio 2019. Anief avvia il ricorso per l’accesso al concorso Dsga con servizio svolto precedentemente agli ultimi 8 anni.

 

 

Mancano 150 mila docenti, e il sindacato Anief chiede subito di riutilizzare il doppio canale di reclutamento con la riapertura delle GaE, le graduatorie ad esaurimento. "Con quota 100, e senza questa soluzione, si rischia di continuare ad abusare sui contratti a termine e a essere condannati dall'Europa. Si potrebbe anche reclutare dalle graduatorie d'istituto da cui lo Stato chiama la maggior parte dei supplenti sui posti vacanti, insieme ai nuovi concorsi se proprio non si vogliono riaprire le graduatorie ad esaurimento, come già fatto due volte nell'ultimo decennio", sostiene Anief. Il sindacato chiede anche la salvaguardia dei ruoli conferiti e l'assunzione pure degli idonei degli ultimi concorsi. Spiega che intende così dare una prima risposta all'alta percentuale di precarietà del mondo scolastico, più che doppia rispetto agli altri comparti, diventata ancora più preoccupante dopo che nell'anno in corso 'la supplentite' anziché ridursi è tornata a crescere, superando i 150 mila contratti a tempo determinato con scadenza 30 giugno o 31 agosto 2019. Per Marcello Pacifico (Anief-Cisal), "se non si dà seguito alle nostre richieste, considerando anche i pensionamenti derivanti da quota 100 e la tendenza a disertare le convocazioni per mancanza di aspiranti dalle graduatorie concorsuali e permanenti, nel prossimo mese di settembre la situazione del precariato potrebbe esplodere". (ANSA).

 

Con quota 100, senza tale soluzione, si rischia di continuare ad abusare sui contratti a termine e a essere condannati dall’Europa. Si potrebbe anche reclutare dalle graduatorie d’istituto da cui lo Stato chiama la maggior parte dei supplenti sui posti vacanti, insieme ai nuovi concorsi se proprio non si vogliono riaprire le graduatorie ad esaurimento, come già fatto due volte nell’ultimo decennio: a chiederlo alla I Commissione Affari Costituzionali del Senato, con due distinti emendamenti al decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, il cosiddetto decreto Semplificazioni, è stato il sindacato Anief. Chiesta anche la salvaguardia dei ruoli conferiti e l’assunzione pure degli idonei degli ultimi concorsi. 

Con queste richieste, formalizzate lunedì scorso in audizione, l’organizzazione che opera in difesa dei lavoratori della scuola intende dare una prima risposta all’altissima percentuale di precarietà del mondo scolastico, più che doppia rispetto agli altri comparti, diventata ancora più preoccupante dopo che nell’anno in corso la supplentite anziché ridursi è tornata pericolosamente a crescere, superando i 150 mila contratti a tempo determinato con scadenza 30 giugno o 31 agosto 2019. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): se non si dà seguito alle nostre richieste, considerando anche i pensionamenti derivanti da quota 100 e la tendenza a disertare le convocazioni per mancanza di aspiranti dalle graduatorie concorsuali e permanenti, nel prossimo mese di settembre la situazione del precariato potrebbe esplodere.

 

 

Anief, presso il senato della Repubblica, davanti alle commissioni competenti, lunedì 7 gennaio ha presentato emendamenti sul disegno di legge n. 989. Il presidente nazionale Marcello Pacifico ha enunciato la sezione della memoria relativa al reclutamento dei docenti con 36 mesi di servizio, alla riapertura delle GaE, alla conferma dei ruoli per i neo-assunti con riserva, all’assunzioni degli Ata “facenti funzione” e degli insegnanti idonei nei precedenti concorsi, al reclutamento attraverso corso-concorso di tutti i ricorrenti al bando DS 2011. La professoressa Daniela Rosano ha illustrato, sempre in ordine alla semplificazione delle procedure amministrative, la sezione riguardante la mobilità, i corsi abilitanti, l’estensione anche al personale precario del bonus merito e della card utile alla formazione e il salario accessorio per le supplenze brevi. Guarda l’intervento integrale.

 

 

Con la scomparsa degli ambiti territoriali, serve semplificare nuovamente le procedure dei trasferimenti e dei passaggi di ruolo del personale docente e ripercorrere una mobilità straordinaria su tutti i posti vacanti in organico di diritto e di fatto senza fase alterne o algoritmi. Appare necessaria anche l’organizzazione di corsi abilitanti a costo zero per lo Stato rivolti al personale a tempo indeterminato per evitare pure situazioni di sovrannumerarietà. La proposta vuole essere una prima risposta alle domande poste dai docenti esiliati o immobilizzati dalla Buona scuola. 

Uno dei provvedimenti utili al miglioramento organizzativo dei nostri istituti scolastici è l’avvio di una fase di mobilità straordinaria rivolta a tutto il personale docente di ruolo, in deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia: l’occasione è dovuta alla cancellazione degli ambiti territoriali prevista dalla Legge di Bilancio approvata dieci giorni fa alla Camera in via definitiva. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Approvando il nostro emendamento sull’apertura della mobilità a tutti i docenti già immessi in ruolo si semplifica il passaggio di tanti insegnanti assunti nell’ultimo biennio su ambito territoriale, sino ad oggi privati di certezze sulla loro collocazione. Scarica la memoria presentata dalla delegazione Anief al Senato.

 

 

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’8 gennaio 2019 è stato pubblicato il bando per la “Selezione dei dirigenti scolastici da destinare all'estero” (Decreto n. 2020): infatti il Miur ha indetto un concorso pubblico, per titoli e colloquio, che porterà all’assunzione di DS da destinare all’estero. Il colloquio, obbligatorio, è comprensivo dell’accertamento linguistico. La domanda va inviata per via telematica, attraverso il sistema POLIS, dalle ore 9.00 del 12 gennaio 2019 fino alle ore 23.59 del 28 gennaio 2019.

 

Il bonus merito introdotto nel 2015 con la Buona scuola deve essere allargato a tutto il personale docente, anche precario, perché spesso coinvolto dal Collegio dei Docenti in tutte quelle attività oggetto di valutazione da parte del dirigente scolastico, e dalle attività formative da esso predisposte, unitamente al personale ATA ed educativo, la cui formazione è predisposta nel PTOF. Sono due le proposte emendative illustrate da Anief in I e VIII Commissione del Senato al Decreto Legge Semplificazioni.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Escludere a priori centinaia di migliaia di lavoratori è stato un atto inappropriato, perché si è negata l’assegnazione del bonus merito e dell’aggiornamento del personale coinvolto in alta percentuale in progetti a supporto della didattica e per promuove attività di svariato genere. Ancora di più se pensiamo che il precariato scolastico in Italia copre quasi il 15% del corpo docente e al fatto che tra il personale Ata vi sono oltre 200 mila lavoratori e che gli educatori dei convitti sono nel contratto inquadrati come dei maestri di scuola primaria.

 

 

Giorno 8 Gennaio sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale 2 bandi relativi al lavoro nelle scuole estere, uno rivolto ai dirigenti scolastici ed uno rivolto ai docenti e al personale Ata (Dirigenti Scolastici, docenti e personale Ata, limitatamente ai profili di Dsga e assistente amministrativo).

 

 

Vuoi essere uno dei nuovi Dsga? Preparati con Eurosofia, ente specializzato da molti anni nella preparazione ai concorsi del comporto scuola. Acquisisci competenze specifiche per la carriera che desideri intraprendere. Scegli un corso intensivo ed il supporto di formatori qualificati per superare brillantemente tutte le prove. Il bando che disciplinerà il concorso è finalmente sulla Gazzetta Ufficiale.

 

 

Il TAR Lazio accoglie senza riserve il ricorso Anief volto all'inserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento per la scuola primaria del personale educativo abilitato ed emana una sentenza puntuale che accoglie senza riserve le tesi sostenute dal giovane sindacato. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “la soluzione vera per risolvere tutte le illegittimità perpetrate in questi anni dal Miur a danno del personale precario è la riapertura delle GaE a tutto il personale abilitato”.

 

 

Udir, lunedì 7 gennaio, a Palazzo Madama, in audizione in I e VIII Commissione del Senato, ha richiesto modifiche al disegno di legge n. 989. La delegazione Udir, composta da Patrizia Costantini, Pietro Perziani e Serena Maiorca, ha esposto le proprie variazioni per quanto riguarda il reclutamento dei ricorrenti al bando di concorso 2011, il regolamento di contabilità degli istituti, la valutazione dei dirigenti scolastici, la responsabilità in tema di sicurezza e di utilizzo delle risorse, del nuovo salario accessorio con il versamento della RIA nel FUN di area. Scarica la MemoriaIl testo, composto da 5 parti, richiede la semplificazione del reclutamento dei DS, la semplificazione della contabilità dell’istituto, la semplificazione della valutazione dei dirigenti scolastici, la semplificazione delle norme sulla sicurezza degli istituti scolastici e il salario accessorio dei dirigenti scolastici.

 

 

Anief avvia otto ricorsi per gli Ata estromessi dal bando del concorso Dsga; secondo l’Ufficio Legale del sindacato, i precari devono procedere inviando la domanda cartacea predisposta e aderire allo specifico ricorso. È necessario presentare all'USR di proprio interesse la domanda entro il 28 gennaio 2019. Anief avvia il ricorso per l’accesso diretto alle prove scritte per chi ha 3 anni di servizio. Per ulteriori informazioni, clicca qui.

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie