italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

In primo piano

Presentando al Senato le linee programmatiche del nuovo corso del Miur, Marco Bussetti ha detto che verrà attuata una revisione, la quale dovrà “garantire il superamento delle criticità con il sistema formazione”. L’obiettivo, ha aggiunto il Ministro, sarà quello di costruire “nuovi strumenti per creare un legame tra docenti e territorio per evitare i trasferimenti”. Anief concorda sulla necessità di mettere mano ad un sistema che ha creato ancora più difficoltà di quello preesistente, ma a precise condizioni. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Occorre una nuova legge sul reclutamento che assicuri la continuità didattica, attraverso un piano straordinario di assunzione del personale su tutti i posti in organico di diritto e di fatto, privi di titolare. Su questo, sarebbe molto utile approvare in tempi rapidi la riforma delle pensioni che, con “Quota 100”, porterebbero allo sblocco delle assunzioni, con 200mila immissioni in ruolo potenziali da attuare. Molto utile sarebbe anche ripristinare il tempo pieno e prolungato, con insegnamenti su modulo nella scuola primaria. E anche iniziare a cinque anni, con un anno ‘ponte’ infanzia-primaria, che garantirebbe un attento passaggio verso l’annualità scolastica più delicata e importante in chiave formativa. Bussetti ha fatto bene anche a ricordare il prezioso lavoro del personale Ata, inspiegabilmente dimenticato in tutti i tentativi di valorizzazione del personale – assunzioni, merito, bonus aggiornamento – introdotti con la Buona Scuola: mai come oggi bisogna riscrivere i profili degli assistenti amministrativi, dei tecnici e dei collaboratori scolastici, adeguando gli stipendi e assumendo il personale su tutti i posti vacanti e disponibili.

 

 

Presentando al Senato le linee programmatiche del suo Dicastero, il Ministro dell’Istruzione ha detto che interverrà sulle questioni che riguardano “diplomati magistrale e precariato nella scuola dell’infanzia e primaria. Ritengo che le sentenze vadano rispettate, ma è vero che l’eccessiva precarizzazione rappresenta un tema delicato che dovrà essere affrontato”. Intanto, i giudici rinviano le decisioni di merito per consentire agli avvocati di illustrare la questione pregiudiziale comunitaria, posta con i motivi aggiunti, sulla violazione della clausola 5 dell’accordo quadro sui contratti a termine.

 Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): è giusto dare seguito alle sentenze, quindi anche quelle della Corte di Giustizia Europea, perché l’Italia è uno Stato membro dell’Unione e non può disattendere quanto indicato dai giudici di Strasburgo sui casi cronici e di abuso di precariato. Tenere in scacco decine di migliaia di precari anche per decenni, quando questi hanno svolto oltre 36 mesi di servizio e ci sono posti liberi e vacanti, rappresenta un comportamento ostile al diritto e alle sentenze europee. Addirittura, siamo arrivati al punto di approvare delle norme, come è accaduto di recente anche con la Buona Scuola, che anziché favorire la stabilizzazione del personale, sono andate a penalizzare i precari storici, facendoli espellere dalle graduatorie. Di fatto, si è sovvertito il senso di quello che chiede l’UE: dopo tre anni, anziché assorbire il lavoratore nei ruoli, si estromette. È una tendenza al risparmio a tutti i costi, quella dei nostri governi, che va avanti da anni.

 

Il blocco dei pensionamenti sta avvenendo a seguito del passaggio di consegne, dal Miur all’Istituto nazionale di previdenza sociale, delle pratiche di verifica del calcolo pensionistico del personale scolastico. A fornire i primi dettagli di quella che si preannuncia la beffa dell’anno è stato il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, che con rassegnazione ha ricordato la differenza che l’Inps adotta, ovvero l’anno commerciale, anziché quello solare, per calcolare l’anzianità utile per la pensione: considerando l'anno commerciale e non solare ci sono cinque giorni meno all'anno lavorativi e per 40 anni di servizio sono 200 giorni; sono le regole del Ministero e quindi i docenti che pensavano di avere gli anni per poter andare in pensione devono fare un anno in più di servizio e alcuni addirittura lo hanno saputo all'ultimo momento. Gli effetti negativi di questo incredibile cambio di calcolo sono devastanti, non solo per i pensionandi: i posti non risultano utili né per la mobilità, né per le assunzioni in ruolo. Il sindacato non comprende come si possa accettare con arrendevolezza tutto ciò. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Riteniamo inconcepibile che, a fronte di un incremento progressivo dei requisiti richiesti dallo Stato per andare in pensione, si debba assistere anche al ricalcolo in negativo dell’Inps che sta bloccando migliaia di insegnanti. Se il Ministro vuole tenere fede ai suoi impegni, non può dichiarare placidamente che il meccanismo adattato dall’Inps è questo e non si può fare niente: i requisiti per andare in pensione sono gli stessi e, quindi, prescindono dalla stanza e dal palazzo che li va a ratificare. Bussetti si faccia sentire, invece di elogiare ad ogni occasione il lavoro dell’Inps e del suo presidente Tito Boeri: perché spetta al Ministro dell’Istruzione tutelare i suoi dipendenti, ancora di più laddove risultano vittime sacrificali di un cavillo-beffa. Non costringa il sindacato, anche stavolta, a raccogliere le carte per portarle in tribunale, dove per fortuna i diritti non cambiano a seconda di chi li valuta.

 

 

Non si placa la protesta contro una valutazione del lavoro degli ex presidi che continuano a prendere lo stesso stipendio da dieci anni e che anzi potrebbero prendere la metà degli aumenti degli altri dipendenti pubblici per il 2018, quando per loro dalla legge di Stabilità è stato finanziato un +1,45 rispetto al +3,48 dato agli altri. 

Marcello Pacifico (presidente nazionale Udir): A queste condizioni per noi è davvero inutile la valutazione: prima di pensare alle pagelle, perché non dare ai dirigenti una retribuzione corrispondente al loro operato? Davvero il ministro spera di risolvere la situazione dei DS in questa maniera? I nostri presidi sono sempre super controllati ma in cambio non ottengono nulla, se non maggiori mansioni e responsabilità: sono carichi di oneri, ma fermi nei loro stipendi. Dunque, prima si pensi davvero a risolvere questo problema. 

Proprio con l’intento di capovolgere gli eventi, la giovane organizzazione sindacale ribadisce l'azione legale e ricorda che sono attivi i ricorsi per Fun, Ria e Perequazione esterna.

 

 

 

 Nessun numero chiuso, nessun vincolo orario, lezioni e tutti i materiali didattici immediatamente disponibili.

Eurosofia, E.c.p. (elearning center point) dell’Università telematica Pegaso propone i nuovi Corsi di Laurea. per l’anno accademico 2018/19 ai quali è già possibile iscriversi ai corsi di laurea seguendo pedissequamente la procedura di iscrizione online presente sul nostro sito al seguente link : https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=8111

E’ sufficiente selezionare, nel secondo step (tipo di immatricolazione) il campo “anno accademico”.

Scegli il corso di laurea più incline alle tue attitudini e iscriviti ora.

Grazie all’ECP Eurosofia puoi essere supportato nella valutazione della nuova offerta formativa dell’Ateneo Pegaso.

Cercheremo di dare massima rilevanza alle tue peculiarità e ai tuoi desideri, valutando con cura i possibili sbocchi lavorativi e i tuoi progetti di vita.

Il tuo futuro comincia con il primo passo nella giusta direzione!

Puoi delineare insieme a noi il percorso formativo e lavorativo per sviluppare il tuo percorso professionale e culturale.

Con Eurosofia:

  • Riceverai le informazioni relative alle offerte ed alle agevolazioni di cui puoi usufruire
  • Riceverai una consulenza personalizzata ed un efficace supporto per procedere alla tua iscrizione
  • Potrai contare su una guida e validi consigli sulla modalità di studio e-learning

Scegliere un Corso di laurea online è semplice e vantaggioso:

  • Assistenza nell’espletamento delle pratiche amministrative (immatricolazioni, iscrizioni, scelta del piano di studi)
  • Riconoscimento di crediti formativi universitari a coloro che sono in possesso di competenze ed esperienza professionale adeguatamente certificate
  • Supporto a tutti i nostri iscritti attraverso esperti sempre a disposizione che forniranno servizi di orientamento allo studio in coerenza con gli obiettivi professionali
  • Consulenza per qualsiasi questione inerente il percorso universitario scelto

Una metodologia didattica innovativa

La metodologia didattica prevede l’utilizzo di percorsi didattici costituiti da learning objects (unità di contenuto didattico), in cui convergono molteplici strumenti, materiali e servizi.

Rinfresca la tua mente con la nuova promozione estiva di Eurosofia.

Gioca d’anticipo! Durante il periodo estivo hai più tempo da dedicare alla tua formazione, senza vincoli e in pieno relax.

Puoi usufruire del tuo Bonus Docente fino al 31 agosto 2018.

Non lasciare inutilizzate le quote residue, sarebbe comunque ricaricate solo alla fine di Dicembre. Utilizza la Carta Docente per l’acquisto di corsi riconosciuti dal Miur e di qualità!

Scegli corsi semplici, innovativi e stimolanti per il tuo apprendimento permanente, per rendere competitivo il tuo portfolio professionale o per ritagliarti un ruolo specifico nella tua scuola.

Valorizza il tuo curriculum, approfondisci le tue curiosità e accresci il tuo potenziale.

Seleziona tra le diverse opzioni gli abbinamenti di corsi che suscitano maggiormente il tuo interesse, in base alle tue esigenze formative e in ottemperanza agli obiettivi previsti dal Ptof dell’istituto scolastico presso il quale presti servizio.

Modalità di svolgimento

Scegli tra

Un webinar più 2 corsi elearning da 40 ore:

  • Webinar Coding + Corso Flipped Classroom + Corso Cooperative Learning: nuovi ambienti di apprendimento
  • Webinar Cyberbullismo e bullismo + Corso Gestione dei conflitti in classe + Corso I disturbi dell’alimentazione e la relazione educativa
  • Webinar Flipped classroom + Corso Cooperative Learning: nuovi ambienti di apprendimento + Corso Life skills e orientamento
  • Webinar LIS + Corso DSA e inclusione sociale + Corso Gestione dei conflitti in classe

Costo: € 180 – € 120 per soci Anief

2 Corsi e-learning da 40 ore:

  • Corso DSA e inclusione sociale + Corso Musicoterapia a scuola
  • Corso Interculturalità a scuola e competenze trasversali + Corso Alfabetizzazione linguistica dell’italiano per stranieri
  • Corso Curriculo verticale + Corso Life skills

Costo: € 150 – € 90 per soci Anief

Il Consiglio di Stato, con provvedimento cautelare emanato d'urgenza, ha confermato le tesi da sempre sostenute dall'Anief riguardo al diritto all'inserimento in II fascia G.I. dei docenti in possesso di diploma AFAM. Marcello Pacifico: il Miur esegua con celerità gli ordini del tribunale e inserisca tutti i docenti che ne hanno titolo nelle rispettive graduatorie degli abilitati. 

 

Nulla di fatto, almeno per gli insegnanti e il personale tutto della scuola, per l’inaspettata riforma delle pensioni. L’annunciata riduzione dei requisiti per accedere alla pensione, con l’introduzione di ‘Quota 100’, non ha infatti sinora trovato alcun riscontro: 150 mila docenti e Ata, che potevano andare in quiescenza, sono ancora in attesa. Il Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti ha discusso sulla verifica dei requisiti contributivi dei docenti e ATA che hanno richiesto la cessazione dal lavoro a partire dal 1° settembre 2018. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Non è un buon trattamento quello riservato a insegnanti e Ata italiani. Abbiamo presentato da poco uno studio in cui si evince come in Europa l’età media dei pensionamenti dei docenti risulti oggi attorno ai 63 anni di età anagrafica, mentre in Italia si è già approvata quota 67, sancita dalla Circolare Inps n. 62 del 4 aprile scorso, con il lavoro di chi opera a scuola, in particolare tra gli insegnanti, che continua a non essere associato allo stress correlato al burnout. Senza dimenticare che stiamo già parlando della classe docente più vecchia al mondo, visto che oltre il 60% dei docenti italiani è over50 e l’età media di immissione in ruolo è sopra i 40 anni di età.

 

 

 

Il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti è tornado a occuparsi della questione dei Diplomati magistrale e della soluzione presente nel decreto Dignità approvato dal CdM: ha detto che la sentenza è chiara, i docenti hanno sottoscritto contratti con clausola risolutiva, il Consiglio di Stato ha confermato che il titolo è abilitante ma non dà diritto alle graduatorie ad esaurimento. Ha quindi aggiunto che le sentenze potranno essere attivate entro 120 giorni, da quando i tribunali le notificheranno e dunque non ci sarà alcuna esclusione automatica dalle graduatorie. Spera, infine, di giungere presto a una soluzione equa. 

Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): Il Governo riapra le graduatorie ad esaurimento a tutto il personale abilitato, riconosca l'abilitazione delle 50 mila maestre che insegnano nelle nostre scuole e rispetti quanto ci dice l'Europa sul precariato, trasformando tutto l'organico di fatto in organico di diritto. Questa è l'unica soluzione equa e possibile da adottare. Ogni altra strada porterà alla riapertura del contenzioso, magari dopo che, fra qualche anno, la Cedu e la Cassazione ci diranno che la sentenza dell'adunanza plenaria era sbagliata.

 

 

 

In Calabria vince l'Anief anche in Corte d'Appello con una doppia sconfitta perpetrata al Miur sul diritto al reinserimento nelle graduatorie a esaurimento dei docenti cancellati per mancato aggiornamento. La vittoria arriva dalla Corte d'Appello di Catanzaro e da quella di Reggio Calabria che, a distanza di pochi giorni l'una dall'altra, danno piena ragione ai legali Anief Fabio Ganci, Walter Miceli, Francesca Lideo e Maria Schipani respingendo gli appelli proposti dal Miur e confermando il diritto al reinserimento dei docenti cancellati per mancato aggiornamento. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Riaprire le GaE per tutti gli abilitati unica strada per riparare ai torti perpetrati per decenni a danno dei lavoratori precari della scuola.

L’esito ottenuto presso le due Corti d'Appello calabresi confermano ancora una volta la fondatezza delle tesi patrocinate dai legali Anief confermando che “Il tenore letterale della norma non lascia adito a dubbi nel senso che, laddove non presentata la domanda ed ottenuta in tal modo la cancellazione dalla graduatoria, il docente può, entro il termine fissato per l'aggiornamento periodico della stessa ed in occasione di ogni successivo aggiornamento, chiedere il reinserimento”. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “La normativa che tutela il diritto dei docenti cancellati a essere reinseriti nelle graduatorie ad esaurimento all'atto dell'aggiornamento successivo è chiara. La riapertura delle GaE continua a essere un provvedimento indispensabile per sanare le storture e le illegittimità perpetrate in questi anni non solo a discapito di tutti i lavoratori precari ingiustamente cancellati ‘a vita’ dalle Graduatorie per mancato aggiornamento, ma anche a danno di tutti i docenti abilitati cui è stato precluso il diritto all'immissione in ruolo attraverso il doppio canale di reclutamento cui altri abilitati hanno avuto accesso”.

 

 

Nel mese di luglio più che inoltrato, siamo ancora ad attendere “aggiornamenti” via internet da parte di chi è tenuto ad erogare gli incrementi di stipendio. L’Anief non ci sta. Dopo ladenunciapartita dal presidente nazionale Marcello Pacifico, che riveste anche il ruolo di segretario confederale Cisal, il sindacato inviata il personale in attesa ad inviare una formale diffida e messa in mora: il modello, debitamente compilato, va inviato via PEC alla Ragioneria provinciale dello Stato. Il sindacato, inoltre, si riserva di avviare una specifica vertenza legale, attraverso la quale procedere al recupero di tutti gli interessi nel frattempo maturati. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): La mancata assegnazione delle somme arretrate, tutt’altro che importanti ma comunque da assegnare il prima possibile per dare un po’ di conforto a chi non ha una stabilità lavorativa e spesso ha anche anni e anni di servizio alle spalle, si colloca all’interno della battaglia legale che il sindacato sta conducendo per riconoscere la parità di trattamento tra personale precario e di ruolo, a partire dagli scatti di anzianità negati e sui quali si sono espresse favorevolmente al personale supplente anche le Sezioni Unite della Corte di Cassazione italiana.

 

 

Si comunica che per tutta la settimana le pratiche NASPI verranno raccolte presso la sede legale ANIEF  - "Studio RUSSO", piazza Don Bosco 1/B dalle ore 8:30 alle ore 18:30.

Prosegue l’azione informativa e formativa per contrastare la dipendenza tecnologica ed i fenomeni di bullismo e cyberbullismo.

Vuoi acquisire nuove abilità e competenze specifiche nel campo delle dipendenze tecnologiche e cyberbullismo ed utilizzare un innovativo modello terapeutico ed efficaci strumenti di prevenzione?

Eurosofia, ente accreditato dal MIUR per l’erogazione della formazione del personale scolastico ai sensi della direttiva 170/2016,  in collaborazione con l’Associazione nazionale Dipendenze tecnologiche, Gap e Cyberbullismo  “Di-te”, organizzano, a Spinea (Ve) un corso di formazione intensivo di 4 giornate (suddivisi in due weekend)  rivolto al personale docente e dirigente della scuola, psicologi e pedagogisti, logopedisti, neuropsichiatri, educatori, assistenti sociali…

Il corso si svolgerà a SPINEA (VE) presso LA VILLA INCANTATA, via Crea 50. 
E’ necessario perfezionare l’iscrizione entro il 18 settembre 2018

Scarica la Brochure

Quatto giornate intensive con professionisti di altissimo livello per affrontare i differenti aspetti e le implicazioni psicologiche e sociali legate all’utilizzo dei nuovi strumenti di comunicazione. 
Durante gli incontri, suddivisi in due weekend, saranno affrontate tematiche e i diversi aspetti afferenti alle nuove addiction che si insinuano lentamente sotto forma di abitudini reiterate, fino a diventare una compulsione nevrotica che innesca inesorabilmente delle patologie e provocano un forte senso di alienazione.

Il percorso formativo inoltre, è propedeutico all’eventuale attivazione di un centro affiliato all’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche e Cyberbullismo Di.Te. La richiesta di attivazione di un centro è vagliata dal direttivo dell’associazione e una volta accolta prevede un upgrade specifico di ulteriori 15 ore.

Saranno fornite indicazioni per la prevenzione ed il contraso, e protocolli strutturati da psicologi esperti.
I prestigiosi docenti del corso sono: Dott.ssa Roberta Bruzzone, il Dott. Giuseppe Lavenia, il Prof. Emanuele Frontoni ed il  Dott. Alberto Pellai.

Il corso costituisce un’Importante occasione di confronto e di scambio per chi ha scelto di formarsi su questo argomento sul quale si sta ponendo particolare attenzione, dopo spiacevoli episodi di cronaca che si sono susseguiti negli ultimi anni, sarà possibile acquisire conosce specifiche e nuove abilità funzionali.
 L’utilizzo scriteriato e non mediato degli strumenti tecnologici provoca dipendenze e forme di emarginazione molto pericolose.

La Rete sembra aver avviato una sorta di "democratizzazione" sia del crimine sia delle motivazioni per cui viene commesso. E, spesso, come nel caso di situazioni gravi in cui sono coinvolti minori, essa da una parte favorisce, dall’altra nasconde, annullando la percezione della realtà nella creazione di un mondo virtuale dove tutto è possibile, fino alla dipendenza, fino alla tragedia.

E’ necessaria un’educazione emotiva ed una fruizione moderata affinché non subentrino forme di assuefazione.

Tra gli argomenti in programma sarà affrontato con particolare attenzione, il bullismo giovanile.

 

La diversità culturale è una risorsa straordinaria per i complessi processi di crescita della comunità e degli individui.  

In una società che si trasforma rapidamente, nella quale le contaminazioni linguistiche e culturali sono incessanti, è fondamentale rinnovare gli obiettivi e le scelte per la propria carriera, preparare i professionisti alla versatilità, valorizzando il “melting pot” e agevolando i docenti per l’acquisizione di un curriculum rispondente alle richieste del mercato del lavoro.

In un contesto multiculturale, “l'educazione interculturale” è divenuta una condizione strutturale.  La funzione di un processo educativo è soprattutto quella di mediare fra le culture differenti di cui sono portatori gli alunni, diviene una fondamentale occasione di scambio e di confronto fra differenti modelli.

La funzione fondamentale dell'educazione interculturale è quello di una convivenza costruttiva in un tessuto culturale e sociale multiforme. Essa comporta non solo l'accettazione ed il rispetto di tradizioni e mondi differenti dal proprio paradigma individuale, ma anche il riconoscimento della sua identità culturale nella quotidiana ricerca di dialogo, di comprensione, di collaborazione, in una prospettiva di reciproco arricchimento.

Eurosofia sempre attenta ai mutamenti sociali e attenta alla formulazione di corsi sempre conformi alle esigenze formative dei docenti, rimodula e reinventa, frequentemente le metodologie e gli approcci didattici.

 Eurosofia ha strutturato, in quest’ambito, un percorso formativo specifico dal titolo:

                                                      “INTERCULTURA A SCUOLA”

Valorizza il tuo tempo libero per implementare le tue competenze, acquisire titoli spendibili per la tua formazione professionale, insegnare in Italia e all’estero.

Prossimamente sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale un bando, per l’anno scolastico 2018-2019, per tutti gli insegnanti italiani che vogliono fare un’esperienza all’estero.

Contattaci per avere maggiori informazioni (tel. 091 7098311/357) oppure invia un’email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il MIUR e i sindacati, infatti, hanno sottoscritto l’intesa contenente i requisiti che deve soddisfare il personale docente che nell’a.s. 2018/2019 verrà destinato alle istituzioni scolastiche italiane situate all’estero.

In attesa della pubblicazione del bando, il testo dell’intesa raggiunta preannuncia i requisiti culturali e professionali necessari per candidarsi, ovvero:

Le stime di 25mila docenti e quasi 10mila Ata che hanno diritto a lasciare il lavoro per essere collocati in pensione sono state confermate dal Miur. Una parte, però, potrebbe saperlo all’ultimo o essere costretto a rimanere in servizio un anno in più perché l’Inps non farebbe in tempo a lavorare le pratiche. Per il sindacato, quanto sta accadendo rappresenta l’ennesimo danno prodotto gratuitamente nei confronti del personale scolastico: qualora dovesse essere impedito a dei dipendenti della scuola di andare in pensione, pur avendone i requisiti, è chiaro che l’Anief interverrà, se vorranno, in loro difesa, chiedendo un risarcimento, sia per avere costretto del personale a lavorare un anno in più rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente, sia in difesa del personale di ruolo e precario a sua volta danneggiato. Questi ultimi, infatti, non hanno potuto, rispettivamente, spostarsi sul posto che andava liberato, in fase di mobilità, né essere assunti a tempo indeterminato su quella cattedra che andava resa vacante e disponibile. Poi ci sono, comunque, da coprire altri 50 mila posti vacanti, tra turn-over con le vecchie regole precedenti all’ultima riforma delle pensioni, posti residuali delle immissioni in ruolo già autorizzate e posti vacanti e disponibili fino al 31 agosto dell’anno successivi. Per non parlare dei 40mila in deroga, senza titolare, del sostegno. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Abbiamo l’impressione che Miur e governo vogliano prendere a pretesto questo problema per limitare il contingente delle immissioni in ruolo. Ammesso che siano anche 10mila i docenti, gli amministrativi, tecnici e ausiliari ad avere il via libera tardivo o differito verso la pensione, rimarrebbero almeno altre 70mila assunzioni da realizzare subito. I posti ci sono. Se poi contiamo altri 40mila posti in deroga del sostegno, facendo cadere il vincolo della Legge Carrozza 128/13, allora le assunzioni in ruolo diventerebbero oltre 100mila. E non si mettano avanti, come al solito, le resistenze del Mef: vanno superate, perché c’è un impegno forte dell’attuale Esecutivo nello stabilizzare un alto numero di precari, l’unica vera arma da utilizzare per abbattere quella supplentite cronica, di cui è ben cosciente anche Bruxelles, che il governo precedente, con le azioni fallimentari contenute nel Jobs Act e nella Buona Scuola, non ha nemmeno scalfito. Senza dimenticare che se dovesse passare ‘Quota 100’, senza limitazioni anagrafiche, allora ci sarebbero altri 150mila docenti e Ata a chiedere di andare via nel giro di anno, mettendoci finalmente alle spalle quel precariato storico sempre più difficile da sradicare. 

È possibile avere informazioni ulteriori o presentare direttamente ricorso per chiedere di ottenere l’assunzione a tempo indeterminato, un risarcimento adeguato per il danno cagionato, l’assegnazione degli scatti stipendiali automatici per tutto il periodo di precariato e l’estensione dei contratti nei mesi estivi.

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie