ROMA, 24 FEB - Docenti-nonni, precariato lungo, nessun supporto alla professione. Il rapporto Eurydice boccia la scuola italiana. Arriva a questa conclusione l'Anief alla luce di quanto emerge dallo studio "Teaching Careers in Europe: Access, Progression and Support" che illustra le principali sfide nella domanda e offerta di docenti e i modi con cui i sistemi educativi le affrontano. "Il nostro Paese si caratterizza - sottolinea l'Anief - per l'invecchiamento progressivo della popolazione docente. Inoltre, se in diversi Paesi europei si registra la 'carenza di studenti iscritti nei percorsi di formazione iniziale per insegnanti e la tendenza ad abbandonare la professione', nonché una distribuzione sbilanciata di insegnanti tra materie e/o aree geografiche, in Italia chi vuole insegnare continua a dovere mettere in conto l'alta possibilità di vivere tanti anni di precariato. Molti Paesi prevedono una pianificazione preventiva. Mentre in Italia decine e decine di migliaia di docenti delle graduatorie d'istituto continuano a essere respinti. Nella metà dei sistemi educativi i docenti sono già 'pienamente qualificati' al termine del percorso formativo: solo in sei Paesi, tra cui l'Italia - fa notare il sindacato - agli insegnanti viene richiesto di superare un concorso. Con il paradosso di una formazione triennale post-concorso, al termine della quale si può anche essere respinti. Inoltre, un terzo dei sistemi educativi d'Europa offre percorsi alternativi per abilitarsi, organizzati come programmi professionali brevi o basati sul lavoro. Mentre da noi, si continuano a respingere tutti coloro che si sono formati sul campo, hanno conseguito abilitazioni e specializzazioni, e hanno superato i 36 mesi di servizio richiesti della stessa Ue per l'accesso automatico nei ruoli dello Stato. In Europa è poi normale adottare misure di sostegno ai docenti, attraverso professionisti specializzati e insegnanti qualificati. Figure di chi da noi non c'è nemmeno l'ombra". Sottolineando l'eccessivo innalzamento dell'età media dei docenti italiani ("ben al di sopra dei 50 anni, i più vecchi d'Europa"), l'Anief osserva che ciò "cozza con l'esclusione dei giovani laureati dall'ultimo concorso a cattedra, salvo tornare sui propri passi con il prossimo, figlio della Legge 107/2015, ma che comunque porterà in cattedra i nuovi insegnanti solo dopo un lungo percorso ad ostacoli". (ANSA).

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie