Dalle proiezioni giunte dal territorio nazionale, il risultato dovrebbe oscillare tra il 6,5 e il 7,5%, andando a costituire un testa a testa con la Gilda, viste le 41mila deleghe Anief certificate dal Miur (+27 mila dal 2014) rispetto alle probabili 75 mila complessivamente registrate sul nuovo comparto, e ai possibili 60 mila voti espressi rispetto alla precedente tornata, al lordo degli altri ex comparti di AFAM, Università e Ricerca, dove il giovane sindacato non si è presentato. Complessivamente, tra i voti espressi nelle 5 mila scuole dove è stata presentata la lista Anief, si potrebbero superare le 60 mila preferenze (+ 33 mila rispetto al 2015): 11 mila in Sicilia, 9 mila in Lombardia e Campania, le tre regioni che raccolgono la metà dei voti. Se i dati e le relative proiezioni saranno confermati, a scrutinio finale nonostante l'alta percentuale dei votanti, l'aumento delle deleghe e l'unificazione dei comparti, Anief si ritroverebbe a superare la soglia del 5% della rappresentatività, con una preferenza alle proprie liste del 12%, e con una media sul tasso di rappresentativa più del doppio superiore alla precedente certificazione, con una forbice dal 6,5 al 7.5% tale da garantire le prerogative sindacali fino ad oggi negate in termini di permessi, distacchi, assemblee, partecipazione sindacale. 

Marcello Pacifico (presidente Anief e segretario confederale Cisal): Ci accingiamo ad assistere ad un vero terremoto, non solo nel comparto più grande della pubblica amministrazione, ma anche per tutto il pubblico impiego dove la confederazione Cisal - cui Anief aderisce dal 2014 - potrebbe conquistare la rappresentatività anche nei comparti degli enti centrali, locali e nella Presidenza del Consiglio dei Ministri, di fatto collocandosi come terza forza confederale. I complimenti più vivi sono rivolti alle Rsu elette cui daremo una formazione adeguata e ai non eletti che siamo pronti a candidare come RSA. È giusto ricordare le liste più votate, a testimonianza dello sforzo comune e della voglia di cambiamento che i candidati Anief hanno saputo interpretare: l’IPSSCT Verri di Busto Arsizio, dove ci sono stati assegnati 112 voti, l’IS Angelo Berti di Verona, con 88 voti, ma anche l'IIS Antonello Messina di Messina, che con 87 voti ha fatto registrare il record di voti Anief nelle scuole della Sicilia. Aspettiamo con fiducia i risultati definitivi e siamo pronti a far entrare il diritto nei nostri istituti, nella contrattazione nazionale e integrativa #perunascuolagiusta. Buon lavoro a tutti noi.

 

Non è un dato definitivo, ma si può dire con relativa certezza: il sindacato Anief ce l’ha fatta e a seguito del rinnovo delle Rsu, svolto la scorsa settimana, si accinge a diventare rappresentativo e a sedersi al tavolo delle trattative nazionali. In base ai risultati pervenuti dal 70% delle scuole scrutinate laddove Anief ha presentato complessivamente 5 mila liste, risulta infatti che il giovane sindacato ha fatto registrare il 12% delle preferenze, piazzandosi nel 60% delle scuole anche davanti a Snals e Gilda. L’evento si celebra a dieci anni esatti dalla nascita del giovane sindacato, nato appunto nel 2008, andando ad occupare in questi casi la quarta posizione tra i sindacati nazionali, poco distante da Uil, dietro Flc-Cgil e Cisl.

Dalle proiezioni giunte dal territorio nazionale, il risultato dovrebbe oscillare tra il 6,5 e il 7,5%, andando a costituire un testa a testa con la Gilda, viste le 41mila deleghe certificate dal Miur (+27 mila dal 2014) rispetto alle probabili 75 mila complessivamente registrate sul nuovo comparto, e ai possibili 60 mila voti espressi rispetto alla precedente tornata, al lordo degli altri ex comparti di AFAM, Università e Ricerca, dove Anief non si è presentata.

Complessivamente, tra i voti espressi nelle 5 mila scuole dove è stata presentata la lista Anief, si potrebbero superare le 60 mila preferenze (+ 33 mila rispetto al 2015): 11 mila in Sicilia, 9 mila in Lombardia e Campania, le tre regioni che raccolgono la metà dei voti.

Ma tra gli obiettivi raggiungibili, Anief risulterebbe il secondo sindacato, considerando le preferenze ricevute, in Sicilia e in Abruzzo (dove ha coperto rispettivamente l'88% e il 72% delle scuole). Ed il terzo in Molise (94,5%). Tra le province, il giovane sindacato risulterebbe primo ad Agrigento, Messina, Trapani; secondo a Varese, Biella, Palermo, Caltanissetta, Teramo, Chieti, L’Aquila; terzo, ancora, a Cremona, Campobasso, Verbania, Siracusa, Pescara, Bologna, La Spezia, Arezzo, Firenze.

Anief, pertanto, non può che ringraziare tutte quelle persone che hanno creduto nella sua azione riformatrice: è un risultato tanto straordinario quanto più diffuso su tutto il territorio nazionale, dove su 250 mila voti espressi in 3.380 scuole, il 68% di quelle dove si è presentata Anief, il giovane sindacato guidato da Marcello Pacifico, ha già preso 40.543 voti, la quarta posizione in ordine di preferenze.

Se i dati e le relative proiezioni saranno confermati, a scrutinio finale nonostante l'alta percentuale dei votanti, l'aumento delle deleghe e l'unificazione dei comparti, Anief si ritroverebbe a superare la soglia del 5% della rappresentatività, con una preferenza alle proprie liste del 12%, e con una media sul tasso di rappresentativa più del doppio superiore alla precedente certificazione, con una forbice dal 6,5 al 7.5% tale da garantire le prerogative sindacali fino ad oggi negate in termini di permessi, distacchi, assemblee, partecipazione sindacale a livello territoriale e nazionale.

“In questo caso – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – ci accingiamo ad assistere ad un vero terremoto, non solo nel comparto più grande della pubblica amministrazione, ma anche per tutto il pubblico impiego dove la confederazione Cisal - cui Anief aderisce dal 2014 - potrebbe conquistare la rappresentatività anche nei comparti degli enti centrali, locali e nella Presidenza del Consiglio dei Ministri, di fatto collocandosi come terza forza confederale”.

Un ringraziamento particolare del presidente Anief va a tutti i 7.500 candidati per la campagna svolta con il cuore, ai collaboratori e agli avvocati. “I complimenti più vivi sono rivolti alle Rsu elette cui daremo una formazione adeguata e ai non eletti che siamo pronti a candidare come RSA. È giusto ricordare le liste più votate, a testimonianza dello sforzo comune e della voglia di cambiamento che i candidati Anief hanno saputo interpretare: l’IPSSCT Verri di Busto Arsizio, dove ci sono stati assegnati 112 voti, l’IS Angelo Berti di Verona, con 88 voti, ma anche l'IIS Antonello Messina di Messina, che con 87 voti ha fatto registrare il record di voti Anief nelle scuole della Sicilia. Aspettiamo con fiducia – conclude il sindacalista - i risultati definitivi e siamo pronti a far entrare il diritto nei nostri istituti, nella contrattazione nazionale e integrativa #perunascuolagiusta. Buon lavoro a tutti noi”.

 

PER APPROFONDIMENTI:

Precariato, per la Cassazione la questione stipendiale è chiusa: vanno applicati gli stessi scatti automatici del personale di ruolo

Precariato, dopo la denuncia dell’Anief, prima apertura del Parlamento sulla gestione della fase transitoria ma non basta: domani sarà sciopero nazionale

Precariato, Anief riporta la questione in Europa: da mercoledì a Bruxelles si parlerà di mancate assunzioni, inosservanza delle supplenze per la mobilità e risarcimento danni

Precariato, i legali Anief intervengono al parlamento Europeo: urge una risoluzione

Italia bacchettata a Bruxelles dalla Presidente della Commissione per le Petizioni del Parlamento Ue: la non soluzione indegna di uno Stato membro dell’Unione nel 2017

Bruxelles attacca il nostro Governo: la riforma non ha funzionato. La Ministra Fedeli interrogata dall’on. dem Dario Ginefra: quali misure intende adottare?

Oggi la Festa d’Europa, in Italia c’è poco da celebrare

Precariato, dubbi della Corte di Giustizia Europea sul limite di 12 mensilità di risarcimento sancito dalla Cassazione: contrario al principio di proporzionalità del diritto UE

Rinnovo contratto, verso l’equiparazione tra lavoratori di ruolo e precari. Anief d’accordo ma non sul metodo: si può fare anche domani fuori CCNL e serve un referendum

SCUOLA e PA – Precari non assunti, Anief presenta ricorso alla Corte europea dei diritti dell’Uomo

 

Precariato, invece di assumere gli abilitati il Miur adotta la norma ‘strozzasupplenze’: presto niente più contratti di lunga durata per chi ha svolto 36 mesi, il sindacato non ci sta

Precariato, il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo Anief contro l’Italia per abuso di supplenze: il Governo italiano dovrà rispondere entro il 15 novembre

Precariato cronico, ridicola risposta dello Stato italiano all’ammissibilità del reclamo 146/17 presentato da Anief al Consiglio d’Europa

Precariato, Miur bocciato: flebile risposta alla memoria Anief contro l’inerzia dello Stato

Precariato mai sconfitto: coi nuovi organici a settembre tornano 100mila supplenze annuali. Anief: fase transitoria Fit e piano straordinario Buona Scuola sono stati un fallimento totale

Rinnovo Rsu, il presidente Pacifico lancia un appello al voto delle liste Anief: il 17/19 aprile tutti #perunascuolagiusta

Rinnovo Rsu, da domani un milione di docenti e Ata al voto. Anief presenta il programma elettorale #perunascuolagiusta. Appello del presidente Pacifico da Napoli: votateci per cambiare la scuola

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie