ROMA, 3 MAG - Continua lo sciopero della fame delle maestre con diploma magistrale che rischiano di perdere il posto di lavoro dopo la sentenza dell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato con cui è stato negato l'inserimento nelle graduatorie ad esaurimento ai diplomati magistrali ante 2001/02. "Sono tanti i docenti della scuola pubblica che oggi hanno partecipato alla manifestazione davanti al Miur - rende noto il sindacato Anief - per sensibilizzare Governo e Parlamento ad approvare un decreto d'urgenza per salvare migliaia di maestri con diploma magistrale. Pure il mondo della politica si muove a loro favore". Il presidente nazionale di Anief, Marcello Pacifico, ringrazia "chi da giorni in viale Trastevere e a casa ha messo in discussione la propria salute per chiedere il rispetto del diritto a poter insegnare in quanto docenti abilitati. La richiesta di un intervento della politica rimane, per tutti, chiara e semplice: bisogna subito riaprire le Graduatorie. La protesta continuerà fino a quando le maestre e gli insegnanti precari non potranno essere assunti evitando il licenziamento. Qualsiasi altra soluzione è francamente irricevibile. Premesso questo, Anief chiede a tutte le forze politiche di invitare il Governo ad approvare un decreto d'urgenza e di ratificarlo nelle commissioni speciali di Camera e Senato, già da noi informate sull'urgenza del caso". Oggi intanto, con una interrogazione parlamentare i senatori di Forza Italia, con in testa la capogruppo Anna Maria Bernini, hanno chiesto al ministro Valeria Fedeli e al governo "di trovare una soluzione all'annosa e grave questione con un provvedimento d'urgenza che produca effetti, in favore degli insegnanti diplomati, sin dal prossimo anno scolastico 2018/2019 e ciò anche a tutela della continuità didattica". Anche Liberi e Uguali, con la senatrice Loredana De Petris, ha chiesto un decreto "per confermare in servizio chi è stato assunto con contratto a tempo indeterminato e per confermare nelle Gae chi vi è inserito". Nei giorni scorsi la ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli ha chiesto ai maestri di sospendere lo sciopero della fame e ha ricordato che la soluzione deve trovarla il Parlamento. La platea complessiva interessata da questa intricata vicenda si aggira intorno alle 50 mila unità inserite negli anni nelle graduatorie ad esaurimento che tuttavia lo sono state a vario titolo: alcune persone sono attualmente in servizio, molte altre invece non hanno fatto neppure un giorno di insegnamento. (ANSA)

 

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie