L’inerzia dello Stato è stata confermata nell’audizione davanti alle Commissioni Cultura congiunte di Senato e Camera sulle linee programmatiche del nuovo corso ministeriale: per rilanciare la nostra ricerca, ha ammesso il Ministro, occorrono finanziamenti talmente ingenti che non si possono recuperare solo dal pubblico, serve un partenariato pubblico-privato in favore della ricerca”. Il Ministro non ha poi nascosto il fallimento della politica del blocco delle assunzioni, mai sanata da quando il governo Berlusconi ha prodotto diecimila soprannumerari e il blocco del turn over: “Siamo in fondo alla classifica dei Paesi Ocse per numero di professori universitari e ricercatori in rapporto agli studenti”. I numeri parlano chiaro: l’Italia è 30esima sui 33 paesi Ocse per spesa nell’Università e addirittura ultima per percentuale di investimenti riferita al Pil.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Per garantire l'attività scientifica servono investimenti veri, affiancati da nuove disposizioni. Come recepire la Carta europea dei ricercatori e reintrodurre la figura dei ricercatori a tempo indeterminato: seimila dovevano essere assunti a inizio 2010, prima che fosse messo ad esaurimento, ma non è stato mai fatto. E oggi c’è un vuoto spaventoso. Eppure, ci sono tantissimi ricercatori professionisti in uno stato di precarietà: andrebbero collocati, a domanda, in un albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza, in base al settore scientifico-disciplinare di afferenza, da cui le Università, con chiamata diretta, potrebbero attingere per l’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato.

 

 

Cresce la preoccupazione per lo stato di abbandono della ricerca italiana e, soprattutto, dell’impossibilità anche da parte di questo governo di porvi rimedio. L’inerzia dello Stato è stata confermata ieri dal Ministro dell’Istruzione. Università e Ricerca, Marco Bussetti, nel corso dell’audizione davanti alle Commissioni Cultura congiunte di Senato e Camera sulle linee programmatiche del nuovo corso ministeriale: per rilanciare la nostra ricerca, ha ammesso il Ministro, “servono finanziamenti talmente ingenti che non si possono recuperare solo dal pubblico, serve un partenariato pubblico-privato in favore della ricerca”.

Bussetti non ha poi nascosto il fallimento della politica del blocco delle assunzioni, mai sanata da quando il governo Berlusconi ha prodotto diecimila soprannumerari e il blocco del turn over: “Siamo in fondo alla classifica dei Paesi Ocse per numero di professori universitari e ricercatori in rapporto agli studenti. Abbiamo quindi bisogno – ha esortato il Ministro - di accrescere in modo significativo il numero dei ricercatori e dei professori, non solo consentendo la sostituzione di ogni professore pensionando ma anche creando le condizioni affinché i giovani talenti possano rientrare in Italia”.

L’allarme lanciato da Bussetti è confermato dai numeri: l’Italia si posiziona infatti 30esima sui 33 paesi Ocse per spesa nell’Università e addirittura ultima per percentuale di investimenti riferita al Pil. “Per garantire l'attività scientifica – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal - servono sicuramente investimenti veri, affiancati da nuove disposizioni normative. Bisogna, ad esempio, recepire sul piano pratico la Carta europea dei ricercatori e reintrodurre la loro figura a tempo indeterminato: seimila dovevano essere assunti a inizio 2010, prima che fosse messo ad esaurimento, ma non è stato mai fatto. E oggi c’è un vuoto spaventoso. Eppure ci sono tantissimi ricercatori professionisti in uno stato di precarietà”.

Anche gli ultimi due governi si sono adeguati all’inerzia: basta ricordare che con la Legge di Stabilità 2015 sono stati introdotti nuovi tagli al fondo di funzionamento ordinario dell’Università pubblica, pari a 98 milioni in tre anni a partire dal 2016. Per i ricercatori non è stata mai ripristinata la figura e prevista la messa in ruolo, malgrado le innumerevoli richieste del sindacato, l’ultima della quale attraverso la Legge di Stabilità di fine 2017.

“Bisogna abbandonare una volta per tutte l’equivoco di associare il merito con il numero di pubblicazioni – aggiunge Pacifico - perché la valenza di un ricercatore e di un docente accademico va verificata andando a misurare l’impatto scientifico del suo operato. Non lo dice il sindacato, ma la stessa Carta europea dei ricercatori, in base alla quale questi professionisti andrebbero collocati, a domanda, in un albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza, in base al settore scientifico-disciplinare di afferenza, da cui le Università, con chiamata diretta, potrebbero attingere per l’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato”.

 

 

LA PROPOSTA ANIEF

“In deroga all’articolo 24 della legge 30 dicembre 2010, n. 240, le Università possono continuare ad attuare per l’a.a. 2017/2018 le procedure di valutazione per il reclutamento dei ricercatori a tempo indeterminato come disposte dai commi 3 e 5 della legge 9 gennaio 2009, n. 1. A tal fine, i candidati in possesso del dottorato di ricerca o di un titolo riconosciuto equipollente anche conseguito all’estero, con almeno tre insegnamenti universitari a contratto, con pubblicazioni di rilevanza anche internazionale, che hanno ottenuto un assegno di ricerca della durata di almeno quarantotto mesi anche non continuativi di cui all’articolo 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, (o di contratti a tempo determinato o di formazione, retribuiti di collaborazione coordinata e continuativa, o a progetto, di rapporti di collaborazione retribuita equipollenti ai precedenti presso università o enti di ricerca della stessa durata), sono inseriti a domanda in un albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza in base al settore scientifico-disciplinare di afferenza, che non dà diritto alla docenza e rimane valido per un triennio, dietro valutazione dei titoli e dei curricula scientifici e didattici posseduti. Conseguentemente, le Università, con chiamata diretta, possono attingere dall’albo nazionale dei ricercatori dalla comprovata esperienza per l’assunzione dei ricercatori a tempo indeterminato con modalità da disciplinare con decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”.

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI:

 

LEGGE DI STABILITÀ – Scuola, Anief presenta una serie di proposte emendative in V–VII Commissione: i senatori valutino con attenzione

LEGGE DI STABILITÀ – Docenti, servono modifiche per correggere l’ultima riforma: Anief chiede al Senato di intervenire su mobilità, GaE, educatori, potenziamento e organici

LEGGE DI STABILITÀ – Personale Ata, pressing sulla Commissione Bilancio per sbloccare assunzioni, potenziamento, supplenze e concorso riservato Dsga

LEGGE DI STABILITÀ – Scuola, ultima campanella prima della bilancia della giustizia: Anief ci riprova alla Camera

LEGGE DI STABILITÀ – Ddl 4768 alla Camera, giorno decisivo per la presentazione degli emendamenti in V Commissione Bilancio

LEGGE DI STABILITÀ – Ancora possibile approvare le norme salva-scuola: gli emendamenti Anief-Udir sotto la lente dalla Camera

In arrivo un’altra spending review, l’eredità del Governo PD metterà in ginocchio la scuola

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie