L’on. leghista Rossano Sasso parla degli insegnanti precari, da sempre discriminati, non solo per i contratti che si concludono al 30 giugno per poi rinnovarsi non più a settembre ma anche ad ottobre, novembre. Ma soprattutto – ha detto alle Commissioni Cultura – per il fatto che i docenti precari continuano a percepire lo stesso stipendio anche dopo venti anni di lavoro, seppure svolgano la professione con le stesse incombenze dei docenti di ruolo. È il momento di riconoscere gli scatti di anzianità anche ai docenti precari come ormai sancito da numerose sentenze. L’on Sasso ha fatto riferimento ad un altro problema che interessa il personale non di ruolo: il comma 131 della legge. “Dal 1° settembre 2019 alcuni precari corrono il rischio di essere licenziati, bisogna cancellare il comma 131 della legge Buona Scuola”. Un suggerimento in questa direzione è già stato fornito dal senatore Mario Pittoni che ha disegnato un’ideale porta di ingresso per stabilizzare i supplenti con 36 mesi di servizio e per l’attuazione del quale l’Anief ha chiesto un decreto plurimo. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): La prima operazione che il governo può fare, se vuole davvero affrontare il vulnus dei diritti negati a precari della scuola italiana, è quella di intervenire con il Decreto Dignità, andando a modificare il Testo Unico sulla scuola, risalente quindi a quasi 25 anni fa, in modo da arrivare ad una effettiva parità di trattamento economico e giuridico tra personale con contratti a termine e personale di ruolo. Inoltre, bisogna ovviamente trasformare il divieto dei contratti dopo 36 mesi, con cui si è andati a sovvertire la direttiva Ue n. 70/1999, in stabilizzazione del rapporto di lavoro, anche per evitare costi maggiori nei tribunali, dove il nostro sindacato sta raccogliendo successi considerevoli che portano nelle tasche dei lavoratori ricorrenti cifre sempre più considerevoli, anche decine di migliaia di euro, proprio per sanare la mancata adizione del principio di parità tra personale supplente e assunto a tempo indeterminato. 

A questo proposito, il sindacato richiama il principio del “risarcimento dei danni”, così come ha stabilito la Corte suprema di Cassazione, attraverso diverse ordinanze del 26 giugno scorso, con cui si conferma quanto già disposto nelle sentenze 9042/17, 23868/16, 22752/16 e 22757/16. E per tali motivi, Anief ribadisce la volontà ad affiancare in tribunale tutti i docenti e il personale Ata a cui si continuano a ledere dei diritti sacrosanti: è possibile ancora ricorrere in tribunale per ottenere scatti di anzianità, il pagamento dei mesi estivi e adeguati risarcimenti. Ai ricorsi sono interessati pure i lavoratori già immessi in ruolo.

 

 

La denuncia dell’Anief sulle discriminazioni dei precari della scuola comincia a fare breccia anche tra i parlamentari che fanno capo ai partiti di governo: sono dell’on. Rossano Sasso, appartenente alla Lega, le dichiarazioni di commento delle linee programmatiche del Ministro Marco Bussetti alle commissioni Cultura congiunte di Camera e Senato, nella parte in cui rivendica l’assegnazione degli scatti di anzianità anche ai precari. “La priorità – riassume oggi Orizzonte Scuola - dovrà essere quella di restituire dignità e serenità agli insegnanti, la cui figura sociale è stata colpita da un decadimento lento e inesorabile, anche a causa di cattive politiche”.

L’on. Sasso, parlando alle stesse Commissioni, si è soffermato “sugli insegnanti precari, da sempre discriminati, non solo per i contratti che si concludono al 30 giugno per poi rinnovarsi non più a settembre ma anche ad ottobre, novembre. Ma soprattutto – ha detto - i docenti precari continuano a percepire lo stesso stipendio anche dopo venti anni di lavoro, seppure svolgano la professione con le stesse incombenze dei docenti di ruolo. È il momento di riconoscere gli scatti di anzianità anche ai docenti precari - ha ribadito il leghista - come ormai sancito da numerose sentenze”.

Infine, il rappresentante della Lega ha fatto riferimento ad un altro problema che interessa il personale non di ruolo: il comma 131 della legge. “Dal 1° settembre 2019 alcuni precari – dice il parlamentare – corrono il rischio di essere licenziati, bisogna cancellare il comma 131 della legge Buona Scuola”. Un suggerimento in questa direzione è già stato fornito dal senatore Mario Pittoni che ha disegnato un’ideale porta di ingresso per stabilizzare i supplenti con 36 mesi di servizio e per l’attuazione del quale l’Anief ha chiesto un decreto plurimo.

A seguito dell'intervento dell'on. Sasso, l’Anief rilancia le proprie istanze sul precariato scolastico, per il quale si continuano ad attendere provvedimenti esecutivi risolutori. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, afferma che “la prima operazione che il governo può fare, se vuole davvero affrontare il vulnus dei diritti negati a precari della scuola italiana, è quella di intervenire con il Decreto Dignità, andando a modificare il Testo Unico sulla scuola, il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, risalente quindi a quasi 25 anni fa, in modo da arrivare ad una effettiva parità di trattamento economico e giuridico tra personale con contratti a termine e personale di ruolo”.

“Inoltre, bisogna ovviamente trasformare il divieto dei contratti dopo 36 mesi, con cui si è andati a sovvertire le indicazioni della direttiva Ue n. 70/1999 nata per contrastare l’abuso di precariato, in stabilizzazione del rapporto di lavoro, anche per evitare costi maggiori nei tribunali, dove il nostro sindacato – conclude il presidente Anief – sta raccogliendo successi considerevoli che portano nelle tasche dei lavoratori ricorrenti cifre sempre più considerevoli, anche decine di migliaia di euro, proprio per sanare la mancata adizione del principio di parità tra personale supplente e assunto a tempo indeterminato”.

A questo proposito, il sindacato richiama il principio del “risarcimento dei danni”, così come ha stabilito la Corte suprema di Cassazione, attraverso diverse ordinanze del 26 giugno scorso, con cui si conferma quanto già disposto nelle sentenze 9042/17, 23868/16, 22752/16 e 22757/16. E per tali motivi, Anief ribadisce la volontà ad affiancare in tribunale tutti i docenti e il personale Ata a cui si continuano a ledere dei diritti sacrosanti: è possibile ancora ricorrere in tribunale per ottenere scatti di anzianità, il pagamento dei mesi estivi e adeguati risarcimenti. Ai ricorsi sono interessati pure i lavoratori già immessi in ruolo. Inoltre, è anche possibile chiedere il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018.

 

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Diplomati magistrale, Anief: il Parlamento prenda atto che il reclutamento transitorio sta fallendo

Precariato cronico, ridicola risposta dello Stato italiano all’ammissibilità del reclamo 146/17 presentato da Anief al Consiglio d’Europa

Precariato, Miur bocciato: flebile risposta alla memoria Anief contro l’inerzia dello Stato

Precariato mai sconfitto: coi nuovi organici a settembre tornano 100mila supplenze annuali. Anief: fase transitoria Fit e piano straordinario Buona Scuola sono stati un fallimento totale

Nuovo concorso docenti abilitati, per accedere a Formazione e tirocinio verranno cancellati da tutte le altre graduatorie: Anief ricorre al Tar

Supplenti a vita, il Miur precarizza i precari: per partecipare al terzo anno di formazione iniziale e tirocinio li estromette da tutte le graduatorie

I numeri dell’inefficienza: in 15 anni bruciati 35mila posti ma ci sono ancora 145 mila docenti e Ata precari chiamati a fare i supplenti di lunga durata

In arrivo un’altra spending review, l’eredità del Governo PD metterà in ginocchio la scuola

Incaricato Cottarelli, per Anief potrebbe essere l’uomo giusto per assumere tutti i precari storici: sa bene che allo Stato mantenerli supplenti costa di più

Carlo Cottarelli riapra le GaE alla prima riunione della presidenza del Consiglio dei ministri

Risoluzione Parlamento UE sui precari: subito norme per assumerli, risarcimenti adeguati e pari retribuzione. Anief: basta traccheggiare, l’Italia si adegui

Diplomati magistrali, la resa dei conti: tutti in GaE oppure risarcimenti milionari

Precari sfruttati, maxi risarcimento a Bologna: il Miur condannato a dare 100mila euro a tre docenti

Finiscono le lezioni, ora inizia il contenzioso: tutti i docenti precari hanno diritto allo stipendio di luglio e agosto

Diplomati magistrale, precariato e organici, Anief chiede un incontro urgente al Ministro Bussetti: senza un decreto urgente il nuovo anno è a rischio regolarità

Diplomati magistrali, a 6 mesi dalla sentenza del Consiglio di Stato gli altri sindacati si svegliano e presentano proposte senza capo né coda

Diplomati Magistrale, Governo e Miur in religioso silenzio: Anief rompe gli indugi avviando il ricorso gratuito per rimettere alla Corte di Giustizia Europea l’esclusione dalle GaE

Precariato, aggiornamento annuale delle graduatorie precluso a tantissimi docenti abilitati, Anief: sulle GaE il Miur continua a sbagliare, impugnato il D.M. 506/2018

Precariato, ddl sen. Mario Pittoni per stabilizzare i precari dopo 36 mesi di supplenze. Anief: bene, ma serve un decreto multiplo

Al vaglio di Palazzo Chigi il decreto sulle maestre con diploma magistrale. Altolà Anief: se vengono tirate via della GaE scatterà un maxi-ricorso

Diplomati magistrale, Bussetti: le sentenze vanno rispettate. Anief: senza eccezioni, pure quelle UE

Diplomati magistrale espulsi dalle GaE, l’Italia dovrà risponderne a Bruxelles: il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo collettivo Anief

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie