TFA SOSTEGNO

Fare scherzi pesanti e schiamazzi in classe comporta il reato di interruzione di pubblico servizio: l’ipotesi è stata condotta dalla Procura della Repubblica di Belluno, dopo che la scorsa primavera un gruppo di studenti di un istituto tecnico di Feltre, nel bellunese, ha vessato un'insegnante di chimica. La docente, esasperata, aveva chiamato la polizia. Così gli agenti erano entrati in classe, avviando gli accertamenti e individuando una decina di presunti responsabili, tutti intorno ai 16 anni di età (raggiunti anche da una sospensione di alcuni giorni). I giovani sono stati interrogati dal magistrato pochi giorni prima di Natale. L'insegnante è stata nel frattempo trasferita ad un un’altra scuola. Secondo Marcello Pacifico (Anief-Cisal) attuare azioni persecutorie, scherzi stupidi, non permettendo lo svolgimento della lezione, in questo caso di laboratorio, rientra in un’azione da condannare senza se e senza ma. È un vero e proprio profilo penale da percorrere sino in fondo. Avere 16 anni non significa avere la licenza di fare quel che si vuole, soprattutto a scuola.

 

 

È un reato utilizzare un linguaggio indecoroso e ironico, e in più circostanze, assieme al lancio di palle di carta o l'applicazione di materiale adesivo sugli oggetti di uso comune per l'insegnamento, compresa la sedia della cattedra. Questi fatti ripetuti, ipotizza il magistrato, avrebbero impedito lo svolgimento delle lezioni durante le lezioni di chimica di un istituto in provincia di Belluno: “i ragazzi, richiamati più volte dal personale dell'istituto, erano stati anche sottoposti a misure disciplinari ma questi comportamenti erano continuati. La chiusura delle indagini da parte della magistratura è prevista entro la fine di questo mese”, scrive La Repubblica.

Secondo Anief, la collocazione come reato di certi atti ed atteggiamenti inaccettabili, da parte degli studenti verso gli insegnanti, deve essere accolta positivamente: il sindacato autonomo ritiene che adottare il bullismo in classe, in modo sistematico, rasenta il reato di stalking. Quindi, ben venga la conduzione dell’indagine in Veneto, dove diversi studenti sono indagati per interruzione di pubblico servizio.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, ricorda che “un insegnante della scuola statale è un pubblico ufficiale: attuare azioni persecutorie, scherzi stupidi, non permettendo lo svolgimento della lezione, in questo caso di laboratorio, rientra in un’azione da condannare senza se e senza ma. È un vero e proprio profilo penale da percorrere sino in fondo. Fa bene il magistrato ad andare sino in fondo con le indagini, per sanzionare quelli che vanno configurati come veri e propri crimini. Avere 16 anni non significa avere la licenza di fare quel che si vuole, soprattutto a scuola”, conclude Pacifico.

 

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Precariato, dubbi della Corte di Giustizia Europea sul limite di 12 mensilità di risarcimento sancito dalla Cassazione: contrario al principio di proporzionalità del diritto UE

Rinnovo contratto, verso l’equiparazione tra lavoratori di ruolo e precari. Anief d’accordo ma non sul metodo: si può fare anche domani fuori CCNL e serve un referendum

SCUOLA e PA – Precari non assunti, Anief presenta ricorso alla Corte europea dei diritti dell’Uomo 

Precariato, invece di assumere gli abilitati il Miur adotta la norma ‘strozzasupplenze’: presto niente più contratti di lunga durata per chi ha svolto 36 mesi, il sindacato non ci sta

Precariato, il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo Anief contro l’Italia per abuso di supplenze: il Governo italiano dovrà rispondere entro il 15 novembre

Precariato cronico, ridicola risposta dello Stato italiano all’ammissibilità del reclamo 146/17 presentato da Anief al Consiglio d’Europa

Precariato, Miur bocciato: flebile risposta alla memoria Anief contro l’inerzia dello Stato

Precariato mai sconfitto: coi nuovi organici a settembre tornano 100mila supplenze annuali. Anief: fase transitoria Fit e piano straordinario Buona Scuola sono stati un fallimento totale

Nuovo concorso docenti abilitati, per accedere a Formazione e tirocinio verranno cancellati da tutte le altre graduatorie: Anief ricorre al Tar

Supplenti a vita, il Miur precarizza i precari: per partecipare al terzo anno di formazione iniziale e tirocinio li estromette da tutte le graduatorie

I numeri dell’inefficienza: in 15 anni bruciati 35mila posti ma ci sono ancora 145 mila docenti e Ata precari chiamati a fare i supplenti di lunga durata

 In arrivo un’altra spending review, l’eredità del Governo PD metterà in ginocchio la scuola

Incaricato Cottarelli, per Anief potrebbe essere l’uomo giusto per assumere tutti i precari storici: sa bene che allo Stato mantenerli supplenti costa di più

Carlo Cottarelli riapra le GaE alla prima riunione della presidenza del Consiglio dei ministri

Risoluzione Parlamento UE sui precari: subito norme per assumerli, risarcimenti adeguati e pari retribuzione. Anief: basta traccheggiare, l’Italia si adegui

Diplomati magistrali, la resa dei conti: tutti in GaE oppure risarcimenti milionari

Precari sfruttati, maxi risarcimento a Bologna: il Miur condannato a dare 100mila euro a tre docenti

Docenti nel mirino, ogni settimana un’aggressione denunciata e due messe a tacere

Atti persecutori su un compagno di classe, è stalking. Pacifico (Anief): sentenza esemplare, basta buonismo

I prof tornano nel mirino dei genitori, quei pubblici ufficiali di cui più nessuno ha rispetto

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie