TFA SOSTEGNO

Il bonus merito introdotto nel 2015 con la Buona scuola deve essere allargato a tutto il personale docente, anche precario, perché spesso coinvolto dal Collegio dei Docenti in tutte quelle attività oggetto di valutazione da parte del dirigente scolastico, e dalle attività formative da esso predisposte, unitamente al personale ATA ed educativo, la cui formazione è predisposta nel PTOF. Sono due le proposte emendative illustrate da Anief in I e VIII Commissione del Senato al Decreto Legge Semplificazioni.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): Escludere a priori centinaia di migliaia di lavoratori è stato un atto inappropriato, perché si è negata l’assegnazione del bonus merito e dell’aggiornamento del personale coinvolto in alta percentuale in progetti a supporto della didattica e per promuove attività di svariato genere. Ancora di più se pensiamo che il precariato scolastico in Italia copre quasi il 15% del corpo docente e al fatto che tra il personale Ata vi sono oltre 200 mila lavoratori e che gli educatori dei convitti sono nel contratto inquadrati come dei maestri di scuola primaria.

 

 

A distanza di tre anni e mezzo dall’approvazione della Legge 107, il personale della scuola ancora si chiede perché al bonus merito e all’aggiornamento professionale possano accedere solo i docenti di ruolo. Per i precari, ad esempio, permane il disco rosso, benché si adoperino per svolgere molte più attività di quelle previste dal contratto e si aggiornino professionalmente, non di rado a proprie spese; dall’Anief, in questi giorni, sono stati chiesti, a tale scopo, due precipui emendamenti, da attuare in fase di conversione in legge del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, il cosiddetto decreto legge Semplificazioni, contenente disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione.

Alla prima Commissione Affari Costituzionali del Senato, Anief ha presentato 15 richieste di modifica al testo del decreto, tutte sull’istruzione pubblica, tra cui le due riguardanti, appunto, il merito e l’aggiornamento professionale, al fine di rendere il giusto merito del lavoro ulteriore svolto, ma anche per permettere al personale Ata, educativo e precario nella categoria docenti di accedere ai corsi di formazione in itinere e alle attrezzature utili allo stesso scopo, attingendo ad una delle poche risorse utili introdotte dalla riforma del Pd approvata nella passata legislatura.

Secondo Marcello Pacifico, “escludere a priori centinaia di migliaia di lavoratori, tra precari, Ata ed educatori è stato un atto decisamente inappropriato, perché si è negata l’assegnazione del bonus merito e dell’aggiornamento del personale coinvolto in alta percentuale in progetti a supporto della didattica e per promuove attività di svariato genere. Ancora di più se poi pensiamo che il precariato scolastico in Italia rappresenta quasi il 15% di tutto il corpo docente, che tra il personale Ata vi sono oltre 200 mila lavoratori e che gli educatori dei convitti sono inquadrati, da contratto, come maestri di scuola primaria”.

 

 

PER APPROFONDIMENTI:

 

Gli emendamenti al decreto Semplificazioni presentati da Anief alla I Commissione Affari Costituzionali riguardanti il merito professionale e la card di aggiornamento del personale:

AS 989

DECRETO-LEGGE 14 dicembre 2018, n. 135

Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione

CAPO 5

SEMPLIFICAZIONE AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE E MERITO

XIII

Al comma 2 dell’articolo 10, aggiungere il seguente:

All’articolo 1, comma 128, della legge 13 luglio 2015, n. 107, dopo la parola “docente”, cancellare le parole “di ruolo”.

 

Motivazione [Semplificazione attribuzione bonus merito personale docente precario]: la norma intende semplificare le procedure di attribuzione del bonus merito da parte del dirigente scolastico a tutto il personale docente in servizio della scuola, senza ulteriori costi aggiuntivi per lo Stato.

 

XIV

Al comma 2 dell’articolo 10, aggiungere il seguente:

All’articolo 1, comma 121, della legge 13 luglio 2015, n. 107, dopo le parole “formazione continua dei docenti”, aggiungere le parole “di ruolo e precari, e del personale ata ed educativo”.

 

Motivazione [Semplificazione attribuzione card docente a personale ata, educativo e docente precario]: la norma intende semplificare le procedure di attribuzione della card docente a tutto il personale in servizio della scuola, senza ulteriori costi aggiuntivi per lo Stato.

 

 

ARTICOLI CORRELATI:

 

SCUOLA e PA – Precari non assunti, Anief presenta ricorso alla Corte europea dei diritti dell’Uomo 

Precariato, invece di assumere gli abilitati il Miur adotta la norma ‘strozzasupplenze’: presto niente più contratti di lunga durata per chi ha svolto 36 mesi, il sindacato non ci sta

Precariato, il Consiglio d’Europa dichiara ammissibile il reclamo Anief contro l’Italia per abuso di supplenze: il Governo italiano dovrà rispondere entro il 15 novembre

Precariato cronico, ridicola risposta dello Stato italiano all’ammissibilità del reclamo 146/17 presentato da Anief al Consiglio d’Europa

Precariato, Miur bocciato: flebile risposta alla memoria Anief contro l’inerzia dello Stato

Precariato mai sconfitto: coi nuovi organici a settembre tornano 100mila supplenze annuali. Anief: fase transitoria Fit e piano straordinario Buona Scuola sono stati un fallimento totale

Rinnovo Rsu, il presidente Pacifico lancia un appello al voto delle liste Anief: il 17/19 aprile tutti #perunascuolagiusta

Rinnovo Rsu, da domani un milione di docenti e Ata al voto. Anief presenta il programma elettorale #perunascuolagiusta. Appello del presidente Pacifico da Napoli: votateci per cambiare la scuola

Elezioni RSU, Anief diventa rappresentativa: arriva al 12% e in sei scuole su dieci si piazza davanti a Snals e Gilda

Rinnovo Rsu, dopo le deleghe ANIEF raddoppia i consensi: ecco chi è il vero vincitore delle elezioni svolte due settimane fa

Elezioni RSU 2018, completato lo spoglio: Anief chiude con 55 mila voti nel 60% delle scuole

Rsu, così l’Anief ha raggiunto la rappresentatività: exploit in Sicilia, Lombardia e Campania

MOBILITÀ - Il prossimo contratto varrà per il triennio 2019-2021. ANIEF chiede al Miur di partecipare al tavolo

Si rompe il monopolio dei sindacati tradizionali: con l’inizio del 2019 la rappresentatività di Anief diventerà esecutiva

Organici falsati e diritti lesi, Anief avvia operazione verità in 8 mila istituti: a condurla Rsu e Tas

Decreto Semplificazioni, Anief illustra 15 proposte emendative in audizione al Senato

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie