News Formazione 2018

Eurosofia da sempre attenta alle trasformazioni sociali e alle esigenze formative dei docenti, rimodula e reinventa frequentemente le metodologie e gli approcci didattici. Per ottemperare a questa esigenza ha delineato un percorso formativo specifico dal titolo:

 “WELFARE E INTERCULTURA”

Utilizza il tuo tempo libero per incrementare le competenze, acquisire titoli spendibili per la tua formazione professionale, insegnare in Italia e all’estero.

A breve sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale un bando, per l’anno scolastico 2018-2019, per tutti gli insegnanti italiani che vogliono fare un’esperienza all’estero.

In una società che subisce dei mutamenti repentini, è necessario riconsiderare gli obiettivi e le premesse per la propria carriera, preparare i professionisti alla duttilità, valorizzando il “melting pot” e consentendo ai docenti di avere un curriculum che sia sempre più rispondente alle richieste di mercato.

Contattaci per avere maggiori informazioni (tel. 091 7098311/357) oppure invia un’email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il MIUR e i sindacati, infatti, hanno sottoscritto l’intesa contenente i requisiti che deve soddisfare il personale docente che nell’a.s. 2018/2019 verrà destinato alle istituzioni scolastiche italiane situate all’estero.

In attesa della pubblicazione del bando, il testo dell’intesa raggiunta preannuncia i requisiti culturali e professionali necessari per candidarsi, ovvero:

  1. Buona conoscenza della lingua straniera, di livello non inferiore al B2del Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER)
  2. Aver preso parte ad attività formative organizzate da soggetti accreditati al MIUR su tematiche afferenti all’intercultura e all’internazionalizzazione
  3. Essere docentigià assunti a tempo indeterminato dal MIUR che dopo il periodo di prova hanno prestato almeno 3 anni di servizio in Italia nel ruolo di appartenenza.

Il concorso Dirigenti Scolastici non subirà ulteriori proroghe, si svolgerà, come confermato dal Miur, giorno 23 Luglio.

Il 27 giugno sarà pubblicata una banca dati di 4000 quesiti, da cui poi saranno estratte le domande.

Ciascuno dei 100 quesiti avrà quattro opzioni di risposta , di cui una sola corretta.

Il nuovo Ministro Bussetti, presa coscienza della complessità della situazione ha dichiarato: ” Sono ben consapevole della situazione dei Dirigenti Scolastici, La reggenza è solo una soluzione tampone, da superare. A breve, nel prossimo mese di luglio partirà il concorso e avremo nuovi presidi. Dobbiamo lavorare perché la situazione vada via via migliorando“.

L’ordine dei quesiti somministrati sarà diverso per ciascun candidato. Gli aspiranti dirigenti, in linea generale, svolgeranno la prova nella regione di residenza.

Al concorso parteciperanno anche i neoimmessi in ruolo ed i precari. Il TAR Lazio, su istanza del sindacato Anief, con un provvedimento d’urgenza ha sospeso l’efficacia del bando di concorso nella parte in cui esclude i docenti di ruolo che ancora non avevano superato l’anno di prova dalla selezione per diventare Dirigenti e ammette i ricorrenti. Lo stesso per i precari con cinque anni di servizio.

Il prossimo anno scolastico dunque sarà ancora caratterizzate dalle numerose reggenze.

  1. le scuole affidate a reggenza (sottodimensionate e normodimensionate) in questo a.s. sono ben 1.748 (fonte ANP). In queste condizioni, la metà delle scuole italiane ha avuto un dirigente scolastico responsabile di almeno due scuole (con quanti plessi? In quanti comuni?);
  2. in considerazione dei prossimi pensionamenti/aspettative/altri incarichi (utilizzati all’estero, distaccati al MIUR o negli URS con incarichi temporanei di dirigente tecnico o amministrativo, con esonero parlamentare, amministrativo o sindacale) la previsione è che per il prossimo a.s. le scuole senza DS arriveranno a circa 2500 (fonte UDIR);
  3. per rappresentare in modo sicuramente parziale il fenomeno si riportano i dati relativi al numero delle reggenze in alcune regioni nell’a.s. 2017-2018 (fonte ANCODIS):

Affinché un percorso formativo sia efficace è necessario che i presupposti, la motivazione ed i risultati siano adeguati all’impegno profuso e le esperienze acquisite siano proficue e concretamente spendibili per il proprio futuro professionale.

Il concetto iniziale di stage si è talvolta trasformato in becero sfruttamento e non un’educazione ad una disciplina che prepari al mondo del lavoro.

Con la fine dell’Anno Scolastico riemerge il tema della discrezionalità della valutazione e della certificazione delle competenze acquisite con l’Alternanza scuola lavoro.

Oggi cercheremo di evidenziare le principali somiglianze e differenze fra questi passaggi che sono Nel febbraio scorso, con l’insediamento dell’Osservatorio Nazionale sull’Alternanza scuola lavoro si era aperta una discussione in merito alla della necessità di predisporre un sistema di monitoraggio e valutazione con nuove modalità di analisi e di indagine che consentissero un controllo sia durante che ex post delle esperienze di Alternanza di ogni singolo allievo o allieva.

La valutazione rappresenta un elemento fondamentale sia in termini di verifica della qualità di apprendimento, sia in termini di rimessa in discussione di processi e problematiche, al di ridurre al minimo la possibilità di incorrere in discrepanze rispetto ai criteri imposti.

Sul fronte della valutazione delle competenze acquisite da studenti e studentesse in Alternanza, i passaggi fondamentali da approfondire sono i seguenti:

  • descrizione delle competenze attese effettuata all’inizio del percorso
  • accertamento delle competenze possedute dallo studente all’inizio del percorso
  • programmazione delle attività e delle esperienze di Alternanza in funzione delle competenze da acquisire
  • verifiche intermedie
  • accertamento delle competenze in uscita al termine del percorso

Su un altro piano si pone invece la certificazione delle competenze acquisite. A differenza della valutazione, la certificazione delle competenze, va intesa non “come semplice trasposizione degli esiti degli apprendimenti disciplinari, ma come valutazione complessiva in ordine alla capacità degli allievi di utilizzare i saperi acquisiti per affrontare compiti e problemi, complessi e nuovi, reali o simulati. La certificazione non sostituisce quindi la valutazione disciplinare, ma la accompagna e la integra”.

Come specificato sulla Guida Operativa sull’Alternanza scuola lavoro del MIUR, la certificazione può essere acquisita negli scrutini intermedi e finali degli anni scolastici compresi nel secondo biennio e nell’ultimo anno del corso di studi. In tutti i casi, tale certificazione deve essere acquisita entro la data dello scrutinio di ammissione agli esami di Stato e inserita nel curriculum dello studente.

modelli di certificazione devono essere elaborati e compilati d’intesa fra la scuola e i soggetti ospitanti, e devono riportare i seguenti elementi:

1100x470 intercultura a scuola

 

Utilizza il tuo tempo libero per incrementare le competenze, acquisire titoli spendibili per la tua formazione professionale, insegnare in Italia e all’estero.Utilizza il tuo tempo libero per incrementare le competenze, acquisire titoli spendibili per la tua formazione professionale, insegnare in Italia e all’estero.A breve sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale un bando, per l’anno scolastico 2018-2019, per tutti gli insegnanti italiani che vogliono fare un’esperienza all’estero.

Il MIUR e i sindacati, infatti, hanno sottoscritto l’intesa contenente i requisiti che deve soddisfare il personale docente che nell’a.s. 2018/2019 verrà destinato alle istituzioni scolastiche italiane situate all’estero.In attesa della pubblicazione del bando, il testo dell’intesa raggiunta preannuncia i requisiti culturali e professionali necessari per candidarsi, ovvero:

  • Buona conoscenza della lingua straniera, di livello non inferiore al B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER) Aver preso parte ad attività formative organizzate da soggetti accreditati al MIUR su tematiche afferenti all’intercultura e all’internazionalizzazione.
  • Essere docenti già assunti a tempo indeterminato dal MIUR che dopo il periodo di prova hanno prestato almeno 3 anni di servizio in Italia nel ruolo di appartenenza.

Anief ed Eurosofia, enti qualificati dal MIUR ai sensi della Direttiva 170/2016, propongono un’interessante opportunità di approfondimento degli argomenti già previsti dai punti 4.6 (Coesione sociale e prevenzione del disagio giovanile) e 4.7 (Integrazione, competenze di cittadinanza e cittadinanza globale) del Piano per la formazione dei docenti 2016-2019.

120x120 ATTESTATO

ATTESTATO: Al termine di ciascun corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione, rilasciato da Eurosofia, in qualità di soggetto qualificato e riconosciuto dal MIUR.ATTESTATO: Al termine di ciascun corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione, rilasciato da Eurosofia, in qualità di soggetto qualificato e riconosciuto dal MIUR.

Per informazioni sulle nostre iniziative chiamare i numeri 091 7098311/357 oppure scrivere un’email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Intercultura a scuolaIntercultura a scuola

2 corsi in modalità online + 2 webinar:

Ciascun corso ha una durata di 4 ore: 2 ore online + 2 ore webinar.

I corsi sono fruibili h24, 7g/7g, con video lezioni, materiale didattico scaricabile ed esami online.La lezione sarà registrata e potrà essere rivista in qualsiasi momento, collegandosi alla piattaforma Eurosofia ed accedendo con le credenziali ricevute attraverso il nostro sito https://www.eurosofia.it/Utilizza il tuo tempo libero per incrementare le competenze, acquisire titoli spendibili per la tua formazione professionale, insegnare in Italia e all’estero.

Costo: € 30 per soci Anief (anzichè € 50)

Per iscriversi collegarsi al sito www.eurosofia.it, scegliere il corso e seguire la procedura telematica di registrazione.Per iscriversi collegarsi al sito www.eurosofia.it, scegliere il corso e seguire la procedura telematica di registrazione.Caricare copia del bonifico/Bonus Carta docente e documento di identità.Il bonifico deve essere intestato a:

 

EUROSOFIA - IBAN IT88 L030 6234 2100 0000 1372 033

Banca Mediolanum - Sede di Basiglio

Causale: “iscrizione Promo Summer Training"

 

TASTO SPENDI QUI 01I docenti a tempo indeterminato in sostituzione della ricevuta del versamento potranno caricare in allegato al modulo d'iscrizione il buono generato da Carta del Docente, con importo pari al costo del corso. Non lasciare inutilizzate le quote residue.

 

 Il primo giugno è stata pubblicata la bozza del Regolamento dei concorsi per il reclutamento dei docenti: non abilitati con 24 cfu e coloro che hanno svolto almeno 3 anni di servizio.

Eurosofia ed Anief sono da parecchi anni impegnate nella ricerca delle soluzioni formative e di approcci di studio efficaci per la preparazione ai concorsi pubblici, in particolar modo, di quelli relativi al comparto scuola. Più del 70% dei partecipanti al precedente Concorso a cattedra ha superato brillantemente tutte le prove, grazie all’efficacia della nostra metodologia blended.

Abbiamo selezionato con cura un team di formatori altamente qualificati e siamo in grado di proporvi corsi di qualità, strategie didattiche innovative ed una piattaforma e-learning di semplice fruizione che viene costantemente aggiornata.

Per supportare al meglio tutti i candidati per l’acquisizione di conoscenze e competenze fondamentali, abbiamo ampliato e potenziato l’offerta formativa, che prevede una preparazione online (con esercitazioni evideolezioni) ed un approfondimento attraverso webinar tematici, per consentire anche a chi ha molti impegni e solo poche ore da dedicare allo studio di ottimizzare i tempi e prepararsi in modo adeguato.

Preparati ad affrontare le prove concorsuali ed incrementa le tue competenze informatiche e linguistiche. Iscriviti ai webinar e studia efficacemente in poco tempo!

 CLICCA QUI PER LE CLASSI DI CONCORSO DISPONIBILI

Modalità di svolgimento: 

Il corso si svolge in modalità e-learning attraverso la consultazione e lo studio di dispense, videolezioni con approfondimenti e simulazione “creazione di una Uda tematica”, esercitazioni per il superamento delle prove concorsuali.

La piattaforma elearning è disponibile 24 ore su 24.

Nello specifico sono previste 3 tipologie di corso-base, ciascuna rivolta ad un target diverso:

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie