italia

DOVE SIAMO

La nostra struttura copre
tutte le regioni italiane.
Siamo presenti in tutte
le province.

SCOPRI ADESSO!

380x180 DECRETO MILLEPROROGHE ANIEF

In primo piano

 

La finestra per la pensione è il lasso di tempo che trascorre tra la data di maturazione dei requisiti per il trattamento e la liquidazione dell’assegno da parte dell’ente pensionistico. I requisiti stabiliti sono differenti in base alla gestione previdenziale a cui si è iscritti, della categoria di appartenenza e del tipo di trattamento che si vuole richiedere. I requisiti richiesti per la maggior parte delle pensioni riguardano l’età e il possesso di un minimo di anni di contributi: ad esempio, per l’attuale e ordinaria pensione di vecchiaia si richiedono 66 anni e sette mesi di età (67 anni dal 2019, salvo blocco dell’età pensionabile) e 20 anni di contributi. Per una consulenza personalizzata, contatta Cedan.

 

 

ROMA, 20 OTT - E' partita la circolare del Miur rivolta agli Uffici scolastici regionali con cui si stabilisce che vanno revocate le immissioni in ruolo di tutti i diplomati magistrali destinatari di sentenze negative che stanno arrivando dopo la decisione del Consiglio di Stato del dicembre 2017 che ha chiuso loro le porte delle GaE, le graduatorie ad esaurimento, ovvero l'accesso al ruolo. Al tempo stesso il dicastero di viale Trastevere ha stabilito nella circolare che ai maestri a cui venga notificata la sentenza il contratto di lavoro venga trasformato in contratto a tempo determinato fino al 30 giugno prossimo; questo sia non intaccare la continuità didattica sia per non mettere in difficoltà economica i docenti interessati. E ancora, in queste ore il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha firmato il decreto che consente di dare avvio alle procedure concorsuali straordinarie per la scuola dell'infanzia e la scuola primaria previste dal cosiddetto Decreto Dignità. Il concorso - che mira proprio a risolvere il problema dei diplomati magistrali - prevede assunzioni sia su posti comuni che di sostegno ed è riservato a chi è in possesso del requisito di abilitazione (Laurea in Scienze della Formazione Primaria, diploma magistrale conseguito entro l'anno scolastico 2001/2002) e ha svolto almeno due anni di servizio nel corso degli ultimi otto anni. Per i posti di sostegno è richiesto anche il possesso dello specifico titolo di specializzazione. La platea interessata è di circa 50 mila persone. Il ministro ha infine garantito che a breve partirà anche il concorso ordinario, sempre per la scuola dell'infanzia e primaria. Intanto il sindacato Anief attacca: "vengono cancellate le l'immissione in ruolo di tutti i diplomati magistrali destinatari delle sentenze negative entro 120 giorni ai sensi del Decreto Dignità approvato dal governo M5S-Lega. Nell' operazione coinvolti anche i sottoscrittori di contratti annuali fino al 31 agosto, a cui vengono sottratti due mesi di lavoro senza alcun motivo valido. Anief risponde rilanciando il ricorso per la conferma in ruolo di chi ha superato l'anno di prova o ha avuto un contratto al 31 agosto e lo avrà convertito d'ufficio al 30 giugno". (ANSA).

 

La richiesta arriva dal dicastero di Viale Trastevere con la Nota n. 45988 ed è rivolta agli Uffici Scolastici Regionali: vanno cancellate le l’immissione in ruolo di tutti i diplomati magistrale destinatari delle sentenze negative entro 120 giorni ai sensi del Decreto Dignità approvato dal governo M5S-Lega. Nell’operazione coinvolti anche i sottoscrittori di contratti annuali fino al 31 agosto, a cui vengono sottratti due mesi di lavoro senza alcun motivo valido. Anief risponde rilanciando il ricorso per la conferma in ruolo di chi ha superato l'anno di prova o ha avuto un contratto al 31 agosto e lo avrà convertito d’ufficio al 30 giugno: la tesi del sindacato si basa sui principi di affidamento, conservazione e acquiescenza che avrebbe fatto cessare la materia del contendere nel rapporto di lavoro privatizzato, come ha già ben spiegato nel parere pro veritate l'ex presidente della Cassazione Michele De Luca. Per aderire al ricorso contro la cancellazione del ruolo di docenti che hanno superato l'anno di prova, cliccare sul seguente link. Per recuperare i mesi di luglio e agosto 2019 o per chiedere la trasformazione delle supplenze fino al 31 agosto 2019 poiché si sta lavorando su posto vacante, cliccare sul seguente link.

 

 

L'Ambito Territoriale di Torino, dopo l'intervento del sindacato Anief, annulla il decreto di licenziamento rivolto a 4 docenti con diploma magistrale immessi in ruolo “con riserva” e di depennamento dalle Gae di altri 18 insegnanti. 

L'intervento del nostro sindacato, nella persona del prof. Marco Giordano, Presidente Regionale Anief Piemonte, si è rivelato efficace per una rapida risoluzione del problema e l'ATP Torino, constatata la legittimità delle richieste del nostro rappresentante, torna sui suoi passi e annulla il decreto di licenziamento emanato qualche giorno fa. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “Piena tutela per i nostri iscritti, già pronte le azioni legali per contestare i licenziamenti”.

 

 

 

Il nuovo reclutamento del personale docente e Ata della scuola passa per il modello trentino, quindi per i concorsi pubblici che diverrebbero regionali. Una filosofia “a tutto tondo” che riguarderebbe addirittura i contenuti didattici, più incentrati su discipline prettamente locali. Si ragiona come se la scuola pubblica italiana non fosse costituzionalmente un’entità nazionale, ma bensì territoriale. Il sindacato, però, ricorda che nell’ambito del processo di attribuzione delle competenze relative alle norme generali sull’istruzione bisogna tenere conto del rispetto degli articoli 3, 4, 16, 51, 97 della Costituzione, come ribadito dalla stessa Consulta in tema di reclutamento degli insegnanti, residenza professionale e servizi legati ai soli residenti. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, si dice “pronto ad impugnare qualsiasi norma che impedisca al personale della scuola la mobilità lavorativa in tutto il territorio nazionale”.

 

 

La giovane associazione sindacale, con l’intento di tutelare i propri ricorrenti e per sollecitare le attività concorsuali, ha inviato una nota al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per sollecitare “le prove suppletive concorso D.D.G. 85/18 in seguito a provvedimenti cautelari del TAR Lazio e del Consiglio di Stato favorevoli all’ammissione alla procedura concorsuale degli Insegnanti Tecnico Pratici (ITP) non abilitati, ai docenti con diploma accademico di conservatorio, belle arti o danza, ai docenti abilitati all’estero, ai docenti che hanno conseguito la specializzazione sul sostegno dopo il 30 giugno, ai docenti idonei ai precedenti concorsi, ai docenti con diploma ISEF”.

 

 

Udir, giovane sindacato che sta a fianco dei DS, dal moneto della sua fondazione sta portando avanti delle vere e proprie battaglie inerenti alla retribuzione dei capi d’istituto, non adeguata all’operato che compete loro e alle responsabilità, talvolta anche penali, che ricadono su di essi. Lancia ancora una volta un appello alle organizzazioni sindacali rappresentative, affinché non firmino un contratto che non dà loro il giusto riconoscimento e ricorda ai soci e ai non soci che ha attivato dei ricorsi per far valere le ragioni nei tribunali e recuperare così quanto spettante.

 

Ricorso Ria

Ricorso Fun

Ricorsi UDIR

 

 

È pronto il decreto del concorso per Dsga della scuola con 2.004 posti a bando e ulteriori 400 incrementabili in base alla disponibilità: al testo del documento – pubblicato da Orizzonte Scuola e contenente la procedura di selezione, la tabella di valutazione titoli, le prove d’esame, i programmi e la formazione delle commissioni d’esame - mancherebbe solo la firma del Ministro dell’Istruzione. La sua pubblicazione, dopo quasi due decenni di vuoto concorsuale, risulta sempre più necessaria, poiché oggi nelle nostre scuole manca all’appello un Dsga ogni quattro e si ricorre sempre più alle reggenze e all’assegnazione dei posti ad assistenti amministrativi con maggiore esperienza. 

Il problema è che l’accesso al concorso del personale Ata facente funzione nel ruolo superiore continua a rimanere associato a dei requisiti eccessivamente pre-selettivi: il Miur, infatti, si limita a considerare utili al raggiungimento dei tre anni di servizio, indispensabili per presentare domanda qualora il candidato fosse privo di laurea attinente, solo gli ultimi otto anni. Invece, secondo l’ufficio legale Anief vanno considerati utili anche le reggenze precedenti al 2010. Allo stesso modo, il sindacato reputa utili al raggiungimento dei 180 giorni annuali (la soglia minima richiesta dall’amministrazione) anche i servizi svolti in modo non continuativo. Inoltre, per il raggiungimento dei 36 mesi complessivi richiesti non vanno adottati vincoli di alcun genere. 

Anief, pertanto, ha predisposto un apposito ricorso al tribunale amministrativo regionale, non appena verrà pubblicato il decreto, con all’interno il regolamento d’accesso al concorso, qualora gli attuali vincoli di accesso illegittimi dovessero essere confermati, al fine di opporsi al limite temporale per l'accesso al concorso Dsga da parte degli assistenti amministrativi privi di laurea, ma con servizio prestato come facente funzione per almeno 3 anni in tutto o in parte maturati oltre gli ultimi 8 anni, 180 giorni non continuativi e con raggiungimento dei 36 mesi senza vincoli.

 

 

Oggi è un giorno fatidico per molti aspiranti docenti: il Ministro Bussetti firmerà il decreto che darà l’avvio al concorso straordinario per infanzia e primaria, previsto dal Decreto Dignità, come risposta alla sentenza dell’adunanza Plenaria del Consiglio di Stato del 20 dicembre 2017. I posti a bando per il concorso riservato ai docenti di infanzia e primaria sono circa 12 mila. Supera il concorso con Eurosofia: ha già preparato per il concorso a cattedra 2012/2013 e 2016/2017. L’80% dei nostri corsisti ha superato con successo il concorso. Iscriviti subito: https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=8885

Vediamo in questa scheda il punteggio: tabella di valutazione dei titoli

 

 

Stamani, il presidente nazionale Anief prof. Marcello Pacifico è intervenuto negli studi di Rai 3 nel programma “Fuori tg”, incentrato sulla violenza a scuola. La giornalista Maria Rosaria De Medici ha aperto il programma mostrando una tabella, elaborata da Anief sulla base anche di un’inchiesta di Tuttoscuola, circa la violenza sugli insegnanti, da settembre 2017 a giugno 2018: i casi accertati risultano essere 33, mentre quelli stimati sono 81. “I dati in nostro possesso tengono conto del fatto che per ogni caso di violenza denunciato ce ne sono 4 che non vengono resi pubblici: si parla di violenze sia fisiche che verbali. Noi siamo convinti che ogni singolo episodio debba essere denunciato da Ata, docenti e dirigenti scolastici, perché ciò non si può tollerare”, afferma il presidente Anief.

 

 

In poco più di dieci anni, gli alunni con disabilità sono raddoppiati, passando da 180mila a 255 mila. Peccato che la risposta dello Stato sia stata inadeguata: ogni inizio d’anno scolastico, tutti gli uffici preposti fanno a gara per assegnare alle scuole un numero di ore settimanali sensibilmente inferiore a quello richiesto a seguito delle diagnosi realizzate da medici specialisti del servizio sanitario pubblico, dell’esame del Gruppo di lavoro per l’inclusione e confermate dai docenti. Così, i dirigenti scolastici sono costretti a fare i salti mortali per limitare i danni, dividendo il “pacchetto” di ore accordato tra gli alunni disabili presenti nel proprio istituto e applicando una regola proporzionale per difetto. Scontentando tutti.

Per chi non vuole soccombere dinanzi a questa palese ingiustizia, non rimane che ricorrere al giudice: questi non potrà che dare ragione alla famiglia dell’alunno disabile, condannando l’amministrazione pubblica anche con risarcimenti consistenti. Come accaduto proprio ieri a Roma con il TAR del Lazio che emana un provvedimento monocratico d'urgenza in cui impone al Ministero l'attribuzione immediata delle ore di sostegno “per un numero di ore adeguato alla patologia dell'alunna, ovvero la copertura totale delle ore di sostegno”. Ma anche i tribunali ordinari sono dello stesso avviso, è il caso avvenuto nei giorni scorsi a Velletri, dove il tribunale ha reputato la triade Miur, Usr e Ambito territoriale, responsabili dalla mancata assegnazione ad un alunno portatore di disabilità grave, del dimezzamento delle 25 ore settimanali indicate dalla struttura medico-pedagogica statale: pesante anche il risarcimento danni.

 

 

È stata pubblicata la bozza del decreto per il reclutamento dei Direttori dei servizi generali e amministrativi e a breve sarà pubblicato il bando. I posti disponibili per il concorso saranno 2004, con 400 incrementabili in base alla disponibilità. I titoli culturali saranno valutati fino ad un massimo di 4 punti e vanno dalla laurea di accesso, al dottorato, ai master, nonché il servizio. Scarica i titoli di valutazione. Eurosofia, in collaborazione con Anief, propone corsi intensivi on line ed in presenza in tutta Italia con formatori altamente qualificati. Iscriviti subito al seguente link e scegli il corso più adatto alle tue esigenze: https://www.eurosofia.it/mod/page/view.php?id=5257

 

 

 

 

Qualora fossero confermate le anticipazioni sulla manovra di bilancio divulgate in queste ore dal quotidiano La Repubblica, i dipendenti del comparto Istruzione in possesso dei fatidici 38 anni di contributi e almeno 62 anni di età che aderiranno all’anticipo pensionistico si ritroverebbero con un assegno di quiescenza poco più alto di quello sociale. Il danno economico sarebbe enorme anche per gli insegnanti laureati che oggi percepiscono uno stipendio netto alle soglie dei duemila euro: si ritroverebbero con appena 1.442 euro di pensione, piuttosto che 1.778 euro già penalizzanti che riceverebbero lasciando a 67 anni o 42-43 anni di contributi versati. È bene che conoscano da subito l’entità delle decurtazioni cui andrebbero incontro aderendo a quella che si sta rivelando una norma-beffa. Il tutto, dopo aver percepito per l’intera vita lavorativa gli stipendi più bassi della PA italiana e ancorati stabilmente sotto l’inflazione.

 

 

E non soltanto per 180 giorni consecutivi per due anni scolastici. Il servizio può essere stato svolto anche prima del 2010 e fino al 1° dicembre 2018 aderendo agli altri due specifici ricorsi. Lo studio legale ritiene la norma di legge in contrasto con il diritto dell’Unione, in base al quale è stata giustificata la procedura straordinaria. In Europa, il servizio deve essere prestato da un precario per più di 36 mesi anche non susseguenti, senza ragioni sostitutive, per poter richiedere la conversione del rapporto di lavoro, mensilità oggi ridotte a due anni in Italia dalle modifiche apportate al Jobs Act. Rimane necessario presentare la domanda cartacea per partecipare al ricorso entro i termini previsti dal bando in via di pubblicazione. 

Si potrà preaderire non appena il bando sarà pubblicato.

 

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie