contatti

Green Pass

Ricorso contro obbligo Green Pass personale scolastico

ADESIONE AI RICORSi collettivi CHE SARAnno PROPOSTi PRESSO IL TAR LAZIO e presso il tribunale di roma (ex art. 28, d.lgs. 150/2011) PER chiedere l’aNNULLamento e la disapplicazione dell’articolo 1, comma 6 del decreto legge n. 111/2021 e di tutte le disposizioni attuative con richiesta risarcitoria in quanto in contrasto con il regolamento ue n. 953/2021, laddove prevede dal 1 settembre al 31 dicembre 2021 L'OBBLIGO Di possesso e di esibizione dEL GREEN PASS da parte deL PERSONALE SCOLASTICO, pena la sospensione dal servizio e la sanzione amministrativa.

Requisiti:

Possono preaderire a questo ricorso i docenti e il personale ATA, precari e di ruolo che vuole contestare l'obbligo del Green Pass.

Modalità di preadesione:

Per poter preaderire al ricorso è necessario espletare la procedura di iscrizione all'ANIEF.

Costi di adesione:

L'adesione al ricorso ha un costo di: 0,00€

Costi e Servizi:

NB:  l'adesione al ricorso è riservata agli iscritti Anief. Il mancato rinnovo/perfezionamento dell’iscrizione comporta la decadenza della convenzione con il legale e la conseguente cessazione delle tariffe agevolate destinate ai soci ANIEF; in questo caso, il ricorrente potrà continuare l’iter del ricorso, ma il legale assegnato potrà richiedere il pagamento di parcella per la propria prestazione professionale in base alle normali tariffe professionali vigenti.

Casi particolari:

 

Nota bene:

ATTENZIONE: prima di procedere con l'invio della preadesione online al ricorso, verificare i propri dati anagrafici inseriti nel Profilo Utente.

Per verificare i tuoi dati puoi cliccare anche qui 

Si specifica che si procederà con l'effettiva proposizione del ricorso al raggiungimento di almeno 20 ricorrenti.

Nel ricorso collettivo al Tar Lazio saranno chieste misure cautelari d’urgenza, con decreto monocratico, in vista dell’inizio dell’anno scolastico, prima della prima Camera di Consiglio utile prevista per la prima decade di ottobre. Nel ricorso collettivo al Tribunale di Roma, invece, sarà chiesta con ordinanza urgente la rimozione dell’attività discriminatoria e il relativo risarcimento. Nelle more, Anief invierà ai ricorrenti una richiesta da indirizzare, eventualmente, ai dirigenti scolastici per ricevere le istruzioni relative alla somministrazione gratuita del tampone rapido.

Le pre adesioni sono chiuse.