1180-ricorso-ds2

Nonostante il Miur con la nota 30516 del 21/09/2015 abbia deciso l’avvio dei nuovi corsi per il personale ATA finalizzati all'attribuzione delle posizioni economiche attraverso lo stanziamento 200.000 euro per l’attribuzione delle posizioni economiche, fissando al 16 novembre l’avvio delle attività formative, ad oggi ancora mancano le graduatorie dei destinatari ed i corsi non sono partiti. Intanto Miur e Mef sembrano essersi dimenticati delle posizioni economiche già acquisite ancora non liquidate. Anief si prepara alla messa in mora e a portare i Ministeri in Tribunale per chiedere il pagamento di un diritto acquisito.

Perdura l’attacco da parte del Ministero dell’Istruzione, d’intesa con quello dell’Economia e delle Finanze, nei confronti di circa 3mila amministrativi, tecnici e ausiliari della scuola, a cui si continua a negare l’incremento economico al fine di svolgere le mansioni aggiuntive previste dalle posizioni economiche acquisite al termine di una procedura concorsuale, secondo il dettato della sequenza contrattuale del 25/07/2008.

Si tratta del riconoscimento di un importo “una tantum”, confermato con l’intesa del 7 agosto 2014 e valido per il periodo antecedente al 31 agosto 2014. Che però ancora oggi non viene ancora corrisposto a tutti i lavoratori beneficiari delle posizioni economiche: infatti, nonostante le rassicurazioni dei vari funzionari ministeriali, il personale, che intanto nelle scuole continua a svolgere i compiti previsti, non ha ricevuto i dovuti emolumenti. Il tutto in dispregio dell’art. 36 della Costituzione, secondo cui “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa”.

Nel frattempo, come se non bastasse, nonostante il Miur con la nota 30516 del 21/09/2015 avesse deciso l’avvio dei nuovi corsi per il personale Ata finalizzati all'attribuzione delle posizioni economiche attraverso lo stanziamento 200.000 euro per l’attribuzione delle posizioni economiche, fissando al 16 novembre l’avvio delle attività formative, ad oggi ancora mancano le graduatorie dei destinatari ed i corsi non sono partiti.

L’Anief, pertanto si prepara a sostenere il riconoscimento del diritto acquisito da parte di questi lavoratori ed è pronta a ricorrere per chiedere giustizia e rivendicare il torto subito, attivando la messa in mora per portare i Ministeri in Tribunale.

Per conoscere le modalità di adesione al ricorso, i lavoratori interessati possono scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Anief, infine, rammenta che sono ancora aperte le adesioni sul Portale Anief ai ricorsi del personale ATA per ottenere l’immissione in ruolo, tutti gli scatti stipendiali, anche per il periodo pre-ruolo, e l’estensione dei contratti annuali dal 30 giugno al 31 agosto.

Per approfondimenti:

Come si ricorre con Anief per chiedere l’inserimento a pettine in Seconda Fascia G.I. ABILITATI e ABILITANDI

Precariato, la Commissione UE risponde alla prima denuncia: le assunzioni non sono un “regalo” del Governo, ma imposte da Bruxelles

Subito un decreto che autorizzi le 150mila assunzioni già previste dalla legge, altrimenti ricorsi ad oltranza

Renzi ora minaccia di assumere solo 1 docente dei 7 a cui 9 mesi fa era stata promessa la stabilizzazione

DDL Scuola – Sono 70mila i precari che ricorreranno in tribunale: chi ha frequentato i corsi di abilitazione Pas o i Tfa ha diritto all’assunzione, non a pillole amare presentate come regali

DDL Scuola – Il maxiemendamento non risolve nulla: tagliate fuori le nuove generazioni di docenti

Riforma scuola, i profili di incostituzionalità nel ddl ‘Buona Scuola’ (Il Fatto Quotidiano del 29 giugno 2015)

DDL Scuola – Sulle assunzioni è caos: avverranno ad anno scolastico iniziato ed 1 precario su 2 avrà solo la nomina giuridica, poi sarà scelto dal preside il prossimo anno

DDL Scuola – Riforma a vele spiegate verso l’approvazione finale, l’anno scolastico si aprirà all’insegna di disagi e caos

DDL SCUOLA – Le assunzioni di 100mila docenti precari si giocano col ballottaggio tra le fasi A, B e C: in tanti faranno ricorso in tribunale

DDL SCUOLA – Precariato, la riforma rinnega la Corte di Giustizia europea: per decine di migliaia di precari niente assunzioni e addio supplenze

La Circolare Miur A00DGPER 0019400 del 3 luglio 2015: Anno scolastico 2015/2016 - adeguamento degli organici di diritto del personale docente alle situazioni di fatto

Il Miur emana la circolare sugli organici, ignorando la riforma che sta per essere approvata: entro l’11 luglio i dirigenti dovranno rispondere con i vecchi parametri

Organico di fatto, le tabelle per Regioni. Tagliati 2.145 posti (Orizzonte Scuola dell’8 luglio 2015)

Grazie ai “buchi” della riforma e ai vincoli del Mef nuovo anno a rischio caos: tutto tace su assunzioni Ata, presidi senza vicari e assistenti amministrativi che faranno i Dsga

Le 6.243 assunzioni Ata dirottate alle province. Ultimatum Anief al Miur: se entro lunedì non arriva la smentita, parte class action e scriviamo alla Commissione UE

Mancate assunzioni personale Ata, dal Miur una risposta minimale: Anief avvia il contenzioso

ANIEF avvia class action contro MEF e MIUR per sbloccare 6 mila assunzioni del personale ATA ed educativo sul turn over

Il personale Ata non è figlio di un dio minore: dimenticato dalla riforma, niente assunzioni, supplenze brevi e concorsi

Miur dà facoltà ai presidi di sostituire i bidelli anche dal primo giorno: vittoria del sindacato, ma ora si faccia altrettanto con amministrativi e tecnici

Scuola, l'ultimo fronte: se i bidelli si ammalano si rischia la chiusura (La Repubblica del 16 settembre 2015)

Contro il personale Ata è in atto una vera persecuzione. Anief: così salta la riforma da attuare nelle scuole

Mancata assunzione personale Ata: Anief diffida il Miur

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie