1180-ricorso-ds2

Bisogna consentire aggiornamento e inserimento in GaE, nel 2017, a tutti gli abilitati ed educatori, nonché allineare organico di fatto a quello di diritto e sbloccare le assunzioni; bisogna, inoltre, assumere a tempo indeterminato anche su posti in deroga di sostegno, nonché promuovere il piano straordinario di immissioni in ruolo con potenziamento infanzia e Ata. È necessario, poi, bandire i concorsi a DS, DSGA, TFA, riaprire il Concorso a cattedra ai laureati e liberare i posti per vincitori/idonei prorogando le GM. Queste sono alcune delle proposte illustrate ai senatori, in questi giorni, dal presidente Anief. Intanto, anche la Corte di Appello di Milano respinge il ricorso del Miur e conferma il reinserimento in GaE di una docente cancellata.

E’ del tutto evidente che i precari della scuola vivono una nuova fase transitoria, sia coloro che potevano essere assunti dall’ultimo concorso o dalle GaE e non lo sono stati, sia coloro che vorrebbero essere assunti ma non possono perché, sebbene abilitati, sono esclusi dal doppio canale di reclutamento; per non parlare, poi, del personale ATA o degli educatori dimenticati negli ultimi anni.

La fase transitoria, per i docenti precari, è sotto gli occhi di tutti: non si parlerà per un po’ di nuovi concorsi a cattedra, visto che ancora l’ultimo non si è completato al netto delle prove suppletive previste in primavera. La delega sulla formazione iniziale e reclutamento difficilmente vedrà la luce in questa legislatura; intanto, il perdurante disallineamento tra domanda e offerta dovuto al blocco dell’aggiornamento delle GaE, al mancato inserimento di personale abilitato, alla contrazione degli organici e alla falsa individuazione dell’organico di diritto, produce nuovo precariato con sempre più numerose e certe condanne del Miur al pagamento di scatti stipendiali, mensilità estive, risarcimenti, spese legali. Produrre ancora precariato è, pertanto, anti-economico per lo Stato.

L’aggiornamento annuale delle GaE permetterebbe a ogni docente di scegliere dove essere assunto in base al punteggio – merito e alla vacanza dei posti. La riapertura delle GI nel 2017, anche ai laureati, da cui si attinge ormai per la maggior parte dei contratti annuali (rectius, al 30 giugno), è un primo segnale positivo; a questo, tuttavia, deve seguire la riapertura delle GaE e l’inserimento in fascia aggiuntiva di tutti gli abilitati, senza l’attesa costante delle decisioni dei giudici, come nel caso dei diplomati magistrale che si sono rivolti ai legali dell’Anief.

Le graduatorie di merito dell’ultimo Concorso a cattedra devono essere prorogate poiché sono scomparsi, a causa della mobilità straordinaria, quei posti banditi da ripristinare perché individuati, illo tempore, come vacanti e disponibili.

L’attuale organico di sostegno deve essere attribuito integralmente al personale di ruolo senza più assegnare posti in deroga a supplenti per più di un anno, contrariamente al 70% ad oggi utilizzato. Un posto in deroga assegnato per più anni deve essere inserito in organico di diritto.

Se il potenziamento ha un senso, non ne ha avuto, invece, non assegnarlo alla scuola dell’infanzia o al personale ATA senza il quale tutte le attività extracurriculari di ampliamento dell’offerta formativa non possono essere svolte; per non parlare, poi, del fatto che tra falso organico di fatto, posti accantonati e turn over si potrebbero sbloccare subito migliaia di assunzioni.

Sono alcune proposte, suggerite dal buon senso: basta utilizzare, in alcuni casi, risorse già stanziate e, in altri, soluzioni coerenti, per esempio, sulla riapertura delle GaE, a più riprese disposte dal Legislatore nel 2008 e nel 2012, proprio nel Mille-proroghe.

Nel frattempo, parlano i giudici. L’ultimo ad esprimersi è la Corte di Appello di Milano che, con sentenza n. 36/2017, respinge l’appello del Miur, conferma le tesi della difesa legale dell’Anief, avv. F. Ganci, S. Galleano, F. Lideo, W. Miceli, ovvero il reinserimento nella terza fascia delle GaE di una docente precaria che era stata cancellata nonostante avesse presentato domanda all’atto del nuovo aggiornamento. Ancora una volta l’amministrazione è condannata al pagamento di oltre 2mila euro di spese legali. Usque tandem abutere? Tocca al Parlamento intervenire prima dei tribunali. Al Senato, il primo round sul Mille-proroghe. 

 

Scarica gli emendamenti proposti da Anief

 

 

 

 

Per approfondimenti:

 

Avvio esame Milleproroghe slitta a mercoledì, il Parlamento ha un’occasione ghiotta per abbattere il precariato

Chiamata diretta, individuare più o meno titoli non risolve il problema: stanno riuscendo nell’impresa di peggiorare la Buona Scuola

Chiamata diretta, il Miur svela le linee guida: decidono i presidi, depotenziati i Pof, tempi ristretti

Chiamata diretta, Anief porta il caso in Corte Costituzionale: partono i ricorsi dei docenti

Trasferimenti infanzia e primaria, il cervellone non regge: ritardi e reclami

La riforma è già alla frutta: organico potenziato utilizzato per i docenti soprannumerari di altre materie e trasferimenti nel caos

Buona Scuola, il potenziamento è un enorme buco nell’acqua: alle scuole docenti sbagliati e ora i vicari rischiano di perdere l’esonero dalle lezioni

Chiamata diretta, è solo l’inizio: anche i 32mila assunti del 2016 passeranno per ambiti territoriali e giudizio dei presidi

Tra ricorsi, ritardi e bocciature la scuola al via senza un prof su sei(La Stampa del 29 agosto 2016)

Inizia l’anno, peggio di così non si poteva: la Buona Scuola ha aumentato incognite e disagi

L’anno scolastico è partito: Collegi dei docenti a ranghi ridotti e tanti prof con la valigia

La scuola al via con 100mila supplenti. La riforma non ha cambiato nulla(Corriere della Sera del 5 settembre 2016)

Sarà un altro anno di supplenze record, anche il Miur non si nasconde più. Eppure la soluzione è a portata di mano

Precari, graduatorie ancora stravolte: il Tar ordina e il Miur esegue l’inserimento di centinaia di docenti abilitati all’insegnamento

Stop ai docenti che hanno svolto oltre 36 mesi di supplenze. Miur faccia chiarezza, va applicato solo sulle cattedre vacanti

Precariato, gli Uffici scolastici si rifiutano di inserire i docenti nelle GaE così come previsto dai giudici. Anief: rischiano il commissariamento

Precariato, il governo pensa di vincerlo svuotando le GaE e alzando i muri. Anief: grave errore, a novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

Lezioni a singhiozzo, in ogni istituto mancano ancora tra i 4 e gli 8 supplenti annuali. Nelle grandi città non ci sono le convocazioni: 50mila docenti precari in cattedra tra novembre e Natale

Miur pubblica le priorità per il 2017, Anief: si parta da sostegno, stipendio e precari

Legge di Stabilità deludente, lunedì 14 novembre sciopero nazionale Anief con manifestazione a Montecitorio

Precariato, inutile trattativa Miur-Mef per spostare 25mila cattedre in organico di diritto: comunque vada, la supplentite non si schioda

Presentati 5mila emendamenti, 70 sono dell’Anief sulla Scuola: domani in migliaia davanti a Montecitorio per sensibilizzare i parlamentari

Da lunedì il decreto sotto la lente del Senato: per Scuola e Università servono modifiche urgenti

© 2014 - ANIEF - Associazione Sindacale Professionale - P.I. 97232940821 -Credits - Privacy - CookieRiconsidera Cookie